25 set 2016

Happy Sunday #buonadomenica


da The Mothman Prophecies - Voci dall'ombra, 2002
«Lei mi sta chiedendo la spiegazione di qualcosa che assolutamente
non può essere compresa con la ragione».
SHARE:

23 set 2016

X-Factor: Manuel Agnelli super star anche nei meme su Tumblr

Ho sempre sentito, anche dal vivo, gli Afterhours e ho sempre avuto l'idea che Manuel Agnelli non fosse un mostro di simpatia, ma sicuramente una persona di cultura, diretta nel dire le cose e portare avanti il suo pensiero.
Forse questa mia idea nasce dall'averlo visto scagliarsi su un tizio che, durante il tour di Ballads for Little Hyenas, a Piacenza gli rompeva le palle con "falla in italianoooh".
Era ovvio, come le mestruazioni una volta al mese, che tutto il concerto fosse in inglese visto che la seconda parte del tour era proprio dedicata versione anglofona dell'album e,  insomma,  non ci si poteva aspettare ecco.
Il tizio di cui sopra doveva informarsi prima e non spaccare le palle, poteva prendersi il biglietto per il tour precedente e ascoltarsi i pezzi in italiano oppure decidere, non piacendogli la versione inglese, di starsene a casa.
Insomma, tipo le persone a cui non piaci, ma ti leggono sui social e ti insultano invece di schiacciare sereni il pulsante defollow e smetterla di sputare rancore.
Ecco, stessa storia, solo che in quel caso Agnelli ha fatto quello che molti di noi farebbero ogni giorno sui social: dopo mezzora di insulti, a Manuel sono girate le palle, è sceso dal palco ed è andato a prendere di peso il tizio.
Presumo per dargli dell'imbecille e un calcio nel culo.
L'altro giorno mi sono bastati cinque minuti di X Factor per capire che da lui ci si possono aspettare solo grandi cose ed è il giudice perfetto del programma pur essendo lontanissimo da quel mondo perché molto banalmente è se stesso senza preoccuparsi di dov'è e di cosa dice.
Ha esordito lapidario giudicando i più scarsi con frasi tipo  «Antico come un Festivalbar degli anni 80» e come fare a non amarlo?
Come non guardare tutti i giovedì X Factor solo per sentirlo cazziare tutti quelli scarsi ma ben convinti?
E non sono stata l'unica a pensarlo, ho letto grandi messaggi d'amore su Twitter per il suo modo di giudizio e su Tumblr è comparsa una raccolta di meme bellissimi che non posso non condividere con voi: La stessa immagine di Manuel Agnelli genera meme.
Spero che il tizio non smetta mai di postare e che lo faccia ad ogni puntata perché tutto questo è meraviglioso.

SHARE:

Voglia di prosciutto al Salone del Gusto di Torino

Ci sono quei talenti che si manifestano già nella prima infanzia: sono quelli che sorprendono tutti gli adulti, soprattutto i genitori e i nonni che altro non aspettavano dalla vita che andare ad attaccare i manifesti per il paese sulla genialità dei loro infanti.
C'è chi a tre anni suona il pianoforte come se fosse Chopin, chi sa già a memoria tutte le coreografie di Lorella Cuccarini, chi canta alla Alicia Keys e chi declama Shakespeare in lingua originale. O almeno così dicono quei genitori e quei nonni.
La mia dote era quella di saper distinguere alla cieca il Parmigiano Reggiano dal Grana Padano e il Prosciutto di San Daniele da quello di Parma. Scoprire a un anno e mezzo di avere delle papille gustative che potranno prendere a sberle chiunque... son cose amici, quei talenti che nella vita poi ti ritrovi. Soprattutto sui fianchi e sul girovita.


SHARE:

22 set 2016

Top of the flops: post e domande imbarazzanti edition

Torna la rubrica Top of the flops nella mirabolante edizione del "Ma cosa volete dirci?", ma soprattutto "Che razza di domanda fate?".
Iniziamo da una vecchia gloria di questa rubrica che tante gioie ci ha donato dedicando un outfit a Sara Scazzi e pronunciando BalenCiaga in una nota intervista su Youtube: Nicoletta Reggio.
Per inspiegabili ragioni, immagino sicuramente per non farle redigere poi un reportage di viaggio, l'hanno invitata in California e lei ci ha sapientemente raccontato quello che ha visto a partire da una fondamentale descrizione del volo rivelandoci cose che nessuno di noi sapeva.
Enjoi.


E’ la quinta volta negli States, 4 volte a New York tra cui due fashion week e una Miami, viaggi resi possibili grazie a questo piccolo grande spazio. Sarà il suo blog?
Avevo già in programma questo viaggio la prossima estate insieme ad alcuni amici, ma grazie KLM Royal Dutch Airlines abbiamo anticipato le cose.
Scalo ad Amsterdam e poi diretti verso Los Angeles, 11 ore di totale comfort in compagnia di qualche buon film, due pasti con tanto di bibite sia alcoliche che analcoliche e super colazione.  Insomma, un comunissimo volo aereo. Nella classe economy comfort (costo uguale all’economy) i sedili sono spaziosissimi e finalmente avrete la possibilità di stendere le gambe e dormire comodamente mentre, nella business, oltre al comfort che già immaginate, avrete in omaggio un Kit  World  ideato dallo stilista olandese Jan Taminiau e naturalmente, potrete portare a casa con voi  una delle  famose casette in miniatura Delft Blu che contengono puro gin olandese alla quale è stato ispirato il video per la sicurezza in volo che io ho adorato. Il gin ha ispirato la sicurezza in volo? WTF


Qualche giorno fa è riuscita anche a scrivere su Facebook di aver scattato delle foto NEL MAR DELLE MALDIVE.
Purtroppo ha cancellato tutto, probabilmente vittima di web bullismo anche da parte dei 40enni del Buon giornissimo caffè?, e non ne ho traccia, ma se dovessi reperirla sarete i primi a saperlo.


Passiamo poi ad Irene Colzi che ha la sindrome delle domande.
I suoi post sono tutti UGUALI: breve e banale descrizione dell'outfit con aggettivi obsoleti tipo bon ton o rock e poi parte con una sfilza di domande.
Sempre.
Il bello è che poi, nei commenti sotto, quasi mai le sue lettrici rispondo, ma è presente del gran spam di altre aspiranti blogger.
La situazione si aggrava poi pensando che ha scritto un libro, immagino di sole domande.

Come abbinare le scarpe da ginnastica. 
A qualsiasi età, ditemi se sbaglio, le scarpe da ginnastica sono, di gran lunga, le scarpe più comode che abbiamo nell’armadio. Maddai non l'avrei mai detto Se, fino ad appena qualche anno fa, le scarpe da ginnastica non erano altro che da rilegarsi per la palestra, dopo decenni di splendore assoluto tra gli anni 80 e gli anni 90, negli ultimi anni sono tornate alla ribalta come calzature da indossare anche di giorno, in look non sportivi fino ad arrivare all’aperitivo. Sì perchè le scarpe da ginnastica sono perfette per creare look casual chic bon ton rock dal giorno fino alla prima serata. Non ci credete? ??? Avete ancora dubbi su come abbinare le scarpe da ginnastica in look non sportivi? MA COSA CAZZO FAI QUESTE DOMANDE IDIOTE? HAI PRESO I TUOI LETTORI PER DEI GIBBONI ASIATICI?

VESTITO E COLLANA CHE SI METTEVA ATLANTIC PACIFIC NEL 2012 E SCARPE TERRIBILI, VATTE A CAMBIA'

Arriviamo a una delle mie preferite: Zagu Fashion.
Ci spiega il trend delle ballerine con i lacci da ballerina di Miu Miu.

Buongiorno Zaguline Credo mi stia esplodendo il cervello qui a Milano finalmente piove!!! Oggi vi mostro un esempio per come abbinare le ballerine (must di questa stagione eh si guarda, solo di questa stagione) voi le avete?Ho riletto la frase tre volte per capirla. Io le porto sempre in borsa, perchè purtroppo non riesco a resistere tutta un’intera giornata con tacco 12!!! !!!!!!!!Voi cosa ne pensate delle scarpe basse (le famose Ballerine!?)Ma che razza di frase è? Ho scelto un outfit fresco, sbarazzino, ma sempre con un tocco chic…Un outfit chic, bon ton, ma rock e blablablal Una camicia bianca dalle maniche particolari ha dato il tocco finale al mio look, che ne dite? BASTA DOMANDE!


Veronica Ferraro anche lei non scherza con le domande imbecilli.
Chiama questo look "Spice up your life with Patrizia Pepe".

E scrive questo:
D’altronde come evitarlo se il look di oggi è la dimostrazione di come la moda riesca continuamente ad evolversi inspirandosi ai trend passati? Per il primo dei tanti look autunnali voglio mostrarvi questo abitino smanicato della nuova collezione F/W di Pepe Jeans  in pelle. Abbinato ad accessori leggermente retrò, ecco un look originale ma casual perfetto per questa mezza stagione.

State già cantando? Ma sei seria?



Con Alessia Milanese si toccano, come sempre, le alte vette del nonsense totale che nemmeno i testi di una band indie italiana di quarto livello toccherebbe.
Ottanta che righe di roba che non vuol dire una beneamata mazza.

Infila le scarpe. Intingile ma come le intingi le scarpe???? Come, per Diana!  nel desiderio prezioso della consapevolezza, la tua. Prenditi il tuo tempo. Respira. Fermati. Canta, improvvisando parole che non conosci. Danza nella tua mente e con le gambe. Ascolta il rumore sordo del tuo battito ed il suo incedere irregolare all’incontro con un’emozione. Cambia strada e idee, come fossi energia, materia, particelle che si scompongono e cambiano continuamente, si trasformano, si fondono, crescono, muoiono per rinascere più forti di prima. Accelera il passo, per poi rallentarlo nuovamente e capire che non c’è una misura per tutti, ogni cuore ha la sua strada da percorrere.
Fregatene della piega perfetta e di questo sole che illumina prima te e poi i pensieri, tutti. Vivi senza pensarci che dovrebbe essere la cosa più naturale del mondo. Superati dell’idea che hai di te, lasciando scorrere desideri e pensieri come acqua che scivola via silenziosa. Sii pronta a sgretolare limiti e paure come neve che scioglie al sole – non prima, no quello che precede quel momento è solo incertezza che ti scorre sotto ai piedi. E ti accorgerai che amare è la cosa più naturale che tu possa fare, nel modo migliore in cui tu lo possa fare. Con il cuore. Un passo dopo l’altro. Sedersi e pensare, sentire il quieto rumore del nulla farsi largo, dirompente, nell’oceano di ricordi delimitati dall’ordine apparente delle righe. AHAHAHAHAHAHHAHAHAHAHA Il centrifugato di mela, sedano e zenzero o una birra ghiacciata da buttare giù tutta d’un fiato. Ma ora cosa c'entra il centrifugato di mela? Ma cosa? Per rendersi conto che l’estate sta per finire, ma forse non ora, non ancora, quando tutto quello che conta è racchiuso nello spazio di un istante. Per tutte le chiacchiere davanti un caffè Buongiornissimo, kaffèèèèèè?, le cene a lume di candela, gli amori di una notte o di una vita. Ed i passi che si susseguono traballanti su tacchi in grado di portarci lì dove abbiamo deciso, tra la mente ed i battiti del cuore, in un lunedì qualsiasi che potrebbe essere in un punto qualunque del microcosmo chiamato tempo. Ed è subito sera.



SHARE:
© 2015 Vita su Marte. All rights reserved.