26 mar 2017

Happy Sunday #buonadomenica


da Gangs of New York, 2002
«Le schede non fanno il risultato, sono gli scrutatori che lo fanno».
SHARE:

24 mar 2017

Le mie fashion icon del cuore

Le mie muse dello street style variano molto in base al periodo e ormai sono lontani i tempi in cui sbavavo desiderando ogni cosa vedessi a Viviana Volpicella.
Ora nel mio cuore ci sono loro.

Natasha Goldenberg
Natasha è di origini russe e lavora come stylist e designer di accessori.
Lavora con Tzipporah e con Kova & T.
Sicuramente è una delle più fotografate fuori dalla sfilate perché ha sempre accessori da urlo, vistosi e spesso i suoi mix sono davvero stupendi.
Sicuramente non è volta al minimal giapponese, ma amo sempre vedere le sue foto.


SHARE:

Questione di pelo dannatamente superfluo ed epilazione laser #marzianeglabre

Qualche settimana fa ho avuto i miei lunghi peli come ospiti d'eccezione e allora, posseduta dallo spirito di Maurizio Costanzo, ho deciso di far loro un'intervista basata su una fatidica monodomanda: peli, ma se siete superflui che cacchio ricrescete a fare?!
E i peli mi hanno prontamente risposto: ma se la cintura di Gucci non era necessaria, che cacchio te la sei comprata a fare?!


SPOILER: in fondo al post c'è un'imperdibile sorpresa per la quale chiediamo in cambio un piatto di pasta alla carbonara, grazie.

SHARE:

23 mar 2017

Borse del cuore: Hammock e Puzzle di Loewe



Era da tanto che non mi prendevo una cotta per una borsa al punto da desiderarla e pensare di spendere uno stipendio per comprarla.
Forse solo Céline era riuscita a fare breccia in tal modo nel mio cuore.
Ultimamente però mi sono presa una bella cotta per le borse di Loewe, maison spagnola del gruppo LVMH di Bernard Arnault guidato da J.Anderson come direttore creativo.
Anderson con Loewe sta facendo un lavoro pazzesco, al pari di quello che fece Phoebe Philo con Céline, non solo di rilancio del brand, ma proprio di cura ricreando un vero e proprio universo nuovo.
SHARE:

Dolci durante la dieta: i brownies con le patate dolci

Dovete sapere che talvolta facciamo cose strane, tipo cercare di comprendere le ragioni di un crudista parlandogli dei tortiglioni al ragù, chiederci che senso ha la nostra vita senza un essiccatore, comprare amaranto soffiato perché può rendere la colazione più instagrammabile.
Tra queste cose insolite possiamo annoverare la nostra presenza a un party vegan nel quale siamo andate attratte dall'atmosfera bucolica del giardino in fiore e dalla curiosità di provare cibi elaborati in modo diverso.
Il momento dei dolci è stato interessante e, con la minaccia di mandare via whatsapp foto di abbacchi pasquali, siamo riuscite ad estorcere la ricetta healthy-vegan-wow-troppodieta di questi ottimi brownies.

SHARE:
© 2013-17 Vita su Marte. All rights reserved.