18 ott 2017

Intrattenimento Social: tutti i profili Instagram da seguire se amate Parigi e la Francia

Da sempre amore e odio per questa nazione che più di tutte è in competizione con la nostra bell'Italia e che ci affascina per la sua favolosa capitale, per le bellezze delle sue regioni, per il mare vip, il cibo, la moda, lo stile.
Superando la questione del bidet che non hanno e non usano sebbene forse l'abbiano inventato proprio loro - faccenda talmente usurata da essere sempre tanto utile pretesto per considerarci migliori quanto ormai ammorbante -, è un dato di fatto che la francesità sia di interesse e di ispirazione per molti di noi.

SHARE:

17 ott 2017

Fashion trend: il velluto a coste

Il velluto si suddivide principalmente in due macrocategorie.
C'è il velluto liscio, elegante, da sera, da far pendant con la poltrona del teatro, da imprecare perché sui colori scuri si attaccano tutti i peli di questo pianeta e ci costringe a mettere in borsetta una spazzola adesiva, femminile, romantico, nobile, da adorare perché ci invita ad auto-accarezzarci per godere della sua morbidezza pelosina. Come per gli animali: evitare il contropelo.
E poi c'è il velluto a coste: sportivo, da giorno, da gita in Sud Tirolo, da attivista politico di sinistra con le Clarcks, da Nanni Moretti, apparentemente sempre pulito e in ordine ma con le briciole e i residui di cibo sempre pronti ad annidarsi tra le coste, caldi e comodi e da stirare al contrario.


SHARE:

16 ott 2017

Polpette di zucca e taleggio


Quando preparo la zucca arrosto ne faccio sempre il doppio perché è talmente buona che mi piace poi, ne giorni successivi, mangiarla  così da sola o con un po' di riso integrale.
Con la zucca arrostita si possono poi fare una miriade di cose come i gnocchi o queste polpette col taleggio.

Occorre per 4 persone
1 zucca piccola da circa 400 grammi 
150 grammi di taleggio
100 grammi di ricotta
40 grammi di parmigiano
1 uovo
Sale 
Pepe
Aglio in polvere

Per la panatura
Pangrattato e semi a piacere

SHARE:

Abbonamenti Netflix, Spotify e Audible: 10 euro è un prezzo giusto?

Perché la povertà fa fare simili ragionamenti, amici?
Se fossimo tutti allegramente milionari, ogni giorno potremmo selezionare home decor a pacchi sul sito di Williams-Sonoma senza preoccuparci della stangata della dogana, i preferiti dello shopping fiero e potente si chiamerebbero My Theresa, Luisa Via Roma, The Outnet, Matchesfashion.
Zara sarebbe solo una fermata della metropolitana e H&M un ricordo sbiadito della nostra vita precedente.
Anziché prendere il regionale per andare a Milano potremmo prendere un volo per Londra, fare shopping da Harrod's, mangiare una Shepherd's Pie, sbirciare le aste di Sotheby's, bere un english tea delle cinque e tornare a casa in tempo per guardare Il paradiso delle signore.

E invece ancora nulla, poraccitudine has no limits e si spendono riflessioni sulle priorità anche quando si parla di 10 euro.

10 euro è proprio il costo medio mensile di un abbonamento ai servizi di svago più interessanti dell'ultimo periodo: prendo ad esempio Netflix, Spotify ed Audible perché sono i più noti e perché rappresentano tre categorie differenti di intrattenimento, streaming tv, musica e libri (audio da ascoltare con Audible oppure libri da leggere con Kindle Unlimited).

SHARE:

15 ott 2017

Happy Sunday #buonadomenica


da Carol, 2015
«Perché si crede che le brutte notizie si accolgano meglio da seduti?».
SHARE:
© 2013-17 Vita su Marte. All rights reserved.