29 giu 2017

Glow: la nuova serie tv di Netflix da vedere

In questi giorni tutti gli amanti delle serie tv stanno parlando di una sola cosa: Glow.
Questa serie al femminile è un po' il nuovo Orange is the new Black  perché tratta di tematiche femminili in un ambiente prettamente maschile.
In questo caso non è il carcere, ma il Wrestling.
Lo so, detto così sembra una roba folle e poco credibile, ma vi assicuro che se perderete un briciolo del vostro tempo solo per vedere il pilot della serie su Netflix vi ricredete subito e finirete nel vortice del binge watching.
Andiamo con ordine, la serie è ispirata allo storico Glow (Gorgeous Ladies of Wrestling) ovvero un programma televisivo degli anni 80 che andò in onda negli Stati Uniti. 


SHARE:

Panna cotta allo yogurt e mirtilli

Le ricette facili sono le più amate da tutti, se poi sono anche belle e fanno fare un super figurone ancora meglio: oggi è il turno di una panna cotta allo yogurt, molto facile da fare, che avrà un delicato colore lilla grazie al succo di mirtilli.
E' un dessert perfetto sia per il pomeriggio che per un dopo pasto, le dimensioni le scegliete voi in base a come vorrete servire il dolce: piccoli stampi di silicone, oppure bicchieri in vetro o coppette. La mia amica Patrizia che mi ha gentilmente spacciato la ricetta usa i comuni bicchieri in plastica usa e getta dai quali sforma agevolmente i dolcetti per poi metterli su di un piatto.


SHARE:

28 giu 2017

Shopping: vestitini estivi stampati low cost


Se siete seguaci del wrap dress o dei vestitini stampati molto francesi sicuramente ben saprete che questi abitini sono altamente rischiosi perché si può passare, in un batter di ciglia, da Jeanne Damas a Sophia Loren nella Ciociara senza passare dal via. 
Un seno piccolo e la scelta di stampe delicate sicuramente aiutano nell'impresa Carla Bruni che suona la chitarra in una calda notte estiva su un tetto parigino.
Come sempre, per questi trend momentanei, cerco sempre soluzioni low cost perché lo so anch'io che i più belli li ha sempre fatti Diane Von Furstenberg, ma purtroppo non sono Melania Trump e non ho la carta di credito di suo marito.
SHARE:

I gioielli di Jennifer Forte: chevalier personalizzati e tante altre cose belle

Il folle amore per gli chevalier, gli anelli da mignolo che spesso riportano le iniziali del proprio nome, mi nasce sin dalla culla, quando evidentemente smisi subito di usare il ciuccio perché non era monogrammato e non aveva incastonata qualche pietra preziosa.
L'amore per i gioielli, quelli veri, è cosa di famiglia, scorre nelle vene e adorna il nostro personale da più generazioni, incolla i nostri nasi davanti alle gioiellerie di tutte le città e ci fa desiderare più riccanza di Cleopatra e della Regina Elisabetta messe insieme.

Ma la questione anello da mignolo è ancora tristemente irrisolta: in famiglia ce n'è uno solo, da bambino e porta le iniziali del nonno; per cause di ciccioneria non va oltre la terza falange e comunque io e il nonno non abbiamo le stesse iniziali.

Poi un giorno accade la magia e scopro il sito di Jennifer Forte Gioielli.


SHARE:

27 giu 2017

Acapulco chair: sono tornati gli anni 50

Questa sedia nasce in Messico negli anni 50 ed è stata poi il motore per il design di tutte le sedie e le sdraio che hanno accompagnato le estati italiane degli anni 60 e 70.
Io ho un chiaro ricordo di queste sedie nel circolo del paese dove andavo a prendere il Calippo Frizz da bambina.
Erano verdi ed erano probabilmente un residuo post bellico degli anni del boom economico, ma ancora resistevano a noi bambini e ai vecchietti che giocavano a scopa bevendo bianchini.
Chiunque si sia seduto su una sedia con le corde in plastica, magari in pantaloncini, se lo ricorda per tutta la vita per i segni da braciola grigliata sul retro coscia.


SHARE:
© 2013-17 Vita su Marte. All rights reserved.