03 ott 2013

Top of the flops general mix

Terrò questa rubrica una volta a settimana, magari mantenendo il giovedì come giorno fisso e metterò generalmente tutto quel che ritengo un flop e che butterei semplicemente giù dalla rupe spartana del mio regno a mio democratico ed insindacabile giudizio.
Questa settimana il primo che  manderei sul viale della vergogna dei Top of the Flops, vestito per punizione di sola Monella Vagabonda, è il Sig. Barilla.
Non tanto per un ovvio e demagogico sdegno di fronte all'ennesima dimostrazione di medievale chiusura mentale ma quanto perché  è solo un esempio del nuovo politically correct "rispetto ma...".
Rispetto i gay ma...
Rispetto le donne ma...
MA una fava.
Non c'è ma e chi lo usa si merita un total look di stampe epilettiche Desigual.
Meglio tacere, continuare a fare pubblicità antiche fatte di mulini, galline e famiglie tradizionali a cena ma almeno tacere come fanno gli altri.
Invece il mondo della moda, pronunciatelo come Gollum dice Baggins dopo le torture degli orchetti,  è tutto a Parigi per la fashion week.
Guardare le foto delle blogger, dello street style e di alcune collezioni , mentre scuoto il capo da destra a sinistra, ogni tanto mi fa pensare che magari sono io che non capisco una mazza o che sono chiusa mentalmente.
Non so, forse sono io che non capisco questo look di Chiara Ferragni di Moschino ma onestamente ci vedo o un ghisa milanese o il cambio della guardia a Londra.




Le blogger internazionali cercano sempre look molto alternativi che mi spesso mi piacciono un sacco ma a volte mi fanno sanguinare gli occhi come la Madonna di Civitavecchia.
Tipo Karla, di solito sempre ben vestita, con questo body sgambatissimo rubato dal guardaroba di Sabrina Salerno e messo a vista con un paio di boyfriend jeans respingimaschi.
Cosa mi significa?
Sono limitata, non capisco.




Tutte con questo benedetto cappotto oversized a scacchi di Ganni.
Solo la mia vicina gattara andava a comprare la verdura con una busta in plastica con la stessa identica fantasia?




Sbaglio o Chiara Biasi sta cambiando i lineamenti del viso giorno dopo giorno come Nina Moric nei primi 2000?






 A me questo trend del rosa piace, piacciono anche i cappotti oversized ma forse messi insieme non sono proprio una buona idea a meno che non vogliate sembrare il Tenerone o Majin Bu.





Bella la Paris Fashion Week, un po' meno il dettaglio dei piedi alieni delle modelle.






SHARE:
© 2015 Vita su Marte. All rights reserved.