31 dic 2013

Il peggio del 2013 secondo Vita su Marte

Esistono certezze incontrovertibili ed inconfutabili che resisterebbero a qualsiasi nuova e sconvolgente scoperta scientifica.
Esse sono: il riemergere del Rouge Noir di Chanel il 21 settembre, la misteriosa e sistematica sparizione delle forcine per capelli, la pioggia dopo la piega dal parrucchiere, i servizi al tg sulla crisi a Cortina, i boccoli ad un matrimonio, la voglia di lasagne e cioccolato durante il premestruo, la dieta ad aprile, un nuovo libro di Bruno Vespa a Natale, la pace nel Mondo a Miss Italia e le mestruazioni a Capodanno.
Insieme ai capisaldi del nostro vivere aggiungiamo, in contemporanea a tutto il resto dell'editoria mondiale, il nostro peggio del 2013.


★ GLI ORECCHINI MINIMAL DI BIANCA BALTI A SANREMO ★




★ GLI OUTFIT DA GRAVIDANZA E VALORIZZANTI DI KIM KARDASHIAN ★




★ LE CONGIUNTIVITI DI SILVIO ★




★ IL CORAGGIO E LA PASSIONE DI PUPETTA ★


Pazza si, ma bottana no.
Perdonami se ti ho dato un sacco di mazzate.
Mi so aiutata co' a' sputazza!
Pupetta sento di volerti bene, ma se facimm' ammore te ne voglio ancora di più.
Vafangul Maddalé.



★ LE ESIBIZIONI TIMIDE E PUDICHE DI MILEY CYRUS ★




★ L'OUTFIT MODAIOLO DI LORENA BIANCHETTI AL MATRIMONIO DI VALERIA MARINI ★



★ L'AFFETTO E LA DOLCEZZA DI CORINNE SCLERY A PECHINO EXPRESS ★




★ IL PHOTOBOMBING DA TERZA MEDIA DI CARA DELEVINGNE ★




★ LA RINNOVATA PROFONDITA' DEI TESTI DELLE NUOVE CANZONI DI MAX PEZZALI ★




★ LA SERENA PARTECIPAZIONE DI ANNA OXA A BALLANDO CON LE STELLE ★




★ LE TRASFIGURAZIONE IN MAL/MAGOSILVAN DI MICHAEL DOUGLAS IN DIETRO I CANDELABRI 




★ BEYONCE SUL RED CARPET DEL CIRCO DI MONTECARLO ★




★ IL SEGRETO MARRONE DELLE MUTANDE DI GUE' PEQUENO ★




★ L'ATTACCO ALIENO DI UN HACKER AL PROFILO DI CHIARA BIASI ★






★★★ E DELLA SERIE PER NON DIMENTICARE, NOI LI RICORDEREMO COSI' ★★★



SHARE:

30 dic 2013

Dieci cose da non fare a Capodanno per dare speranza all'umanita'



Inspiegabili e misteriose ragioni inducono gran parte della popolazione mondiale a comportarsi in modo discutibile durante eventi quali Halloween- di cui abbiamo già manifestato il nostro sentito no per i pornocostumi- e Capodanno.
L'ultima notte dell'anno, per una strana collisione astrale o per un'inversione della Forza (cit), un virus porta molte insospettabili fanciulle a vestirsi come Ru Paul e a comportarsi come Paris Hilton durante uno schiuma party.
Nello specifico, per non raggiungere il sotto livello umano Troll di Caverna, consiglio di evitare:

1)L'intimo discutibile.
Mutande con sopra il vischio e la scritta "Kiss me" non faranno di voi una femmina appetibile nel fortuito caso in caso vi toglierete i vestiti.
Lui non lo rivedrete più e non vi risponderà su Whatsapp il giorno dopo.
Vale la stessa cosa per i maschi, i boxer di Yamamay con sopra una bottiglia di Champagne e "Shake it before use" non faranno ridere la malcapitata di turno e lo shake it vi ritroverete a farlo, come al solito, da soli.
2) I glitter e le paillettes.
Andateci piano che il rischio  meteorite in collisione con il pianeta Terra , Ivana Trump Capodanno 1898, Sally Spectra loves sparkling è dietro l'angolo
3)Intasare Instagram e social vari con foto discutibili.
Bisogna finirla con questa storia che fotografate cibo orrendo in piatti di plastica, qualcuno ve lo deve dire che quelle foto fanno schifo quanto i vostri piedi sul bagnasciuga ad agosto.
4) Mandare catene idiote piena di faccine su Whatsapp a tutti i conoscenti.
Sono le cose che mi fanno perdere fiducia nell'umanità e mi fanno mettere in dubbio le leggi Darwiniane delle selezione naturale delle specie.
5)Scrivere al vostro ex da ubriache/i.
La regola fondamentale quando si beve è di abbandonare il telefono all'amica astemia perché oscure ragioni vi porteranno ad aprire Whatsapp per scrivere al vostro o alla vostra ex che ovviamente non vi risponderà.
6)Andare a festeggiare in Piazza Duomo
E' una certa guerriglia urbana, pari solo alla Battaglia delle Termopili, combattuta però con ordigni nucleari e bottiglie di spumante usate come un idrante.
Fatelo solo se vi piace il mood G8 Genova.
7) Le calze color carne manichino.
Verranno presto inserite nel lungo elenco dei crimini contro l'umanità insieme alla nail art, ne sono certa.
8)Farvi saltare due dita, una mano e la casa.
Alcuni maschi amano fare cose imbecilli come sparare petardi, razzi, missili scud e bombe atomiche durante la notte di Capodanno.
Sparare petardi è da veri Troll di Caverna, non da meno spaventano tantissimo gli animali.
Mettetevi una bomba carta nelle mutande.
9)Vomitare bile.
Contenetevi che non avete quindici anni, il vomito non piace a nessuno, nemmeno ai fan di Linda Blair.
Voi non ve lo ricorderete il giorno dopo, ma gli altri sì.
10)Il divertimento forzato
Vi fate tanti film mentali, stressate la gente per settimane con le solite estenuanti domande "Cosa facciamo a Capodanno?", vi immaginate circondati da strappone bionde bisessuali e caldissime, progettate di divertirvi sbronzandovi di vodka Belvedere e cibandovi di caviale iraniano per postare su Facebook un "Best Capodanno ever".
Ma vi punisce il contrappasso del divertimento forzato: finirete come tutti gli anni a sbronzarvi di spumante da discount e tirare miniciccioli dentro al camino.



SHARE:

29 dic 2013

Happy Sunday


da Nata per vincere, 2004
«Siamo noi gli artefici del nostro destino».
Michael Bublé, Home
SHARE:

27 dic 2013

Il Natale di Gloria e Rossana

Ancora ripiene come due bei tacchini e ancora pronte per nuovi pranzi light, outfits pailettati, pantofole peluche, maglioni discutibili, regali e camino, ecco le foto del nostro Natale e dintorni:








SHARE:

26 dic 2013

Masterchef Italia 3

Ci siamo lasciati alle spalle gli episodi di apertura andati in onda il 19 dicembre, con grande giuoia del popolo italiano che, ben generoso di 25.000 tweets nella serata della messa in onda, ha dimostrato il gradimento della nuova e attesa edizione di MASTERCHEF ITALIA.
E questa sera, nonostante il dì festivo, seguirà la seconda puntata: nel frattempo, è bene imprimere nella memoria i fatti storici avvenuti sin d'ora.

La prima DILUSIONE di questa nuova serie è l'inedita pettinatura di Cracco: la chioma disordinata e piena di volume ha lasciato spazio ad una mosceria effetto Cane Bagnato / Capello Farchioni che turba davvero lo spettatore femmina e il suo ormone.
Io comunque ero e rimango del partito Bastianich e anche quest'anno i suoi giudizi pregni di cruenza acrobatica non sono affatto male, con una nota di merito al piatto lanciato come un frisbee.



Da ricordare I CASI UMANI:

- Rosetta, la cuoca non perfetta, che porta il nome di una ex fidanzata del padre, così la madre l'ha sempre chiamata con un altro nome.
- Iller, il killer senza la K, presentatosi col suo inseparabile orsacchiotto del 1970, evidentemente sosia di Alvaro Vitali.
- Giampaolo, entrato carico e motivato, con la voglia di riscattarsi dall'impero immobiliare del padre e da una professione già destinata ma forse meno gradita: non è entrato per un errore elementare e io ho pianto molto, come dinnanzi a una tragedia di Mario Merola. Colonna sonora delle sue "seppie a disagio" Sapore di Sale di Moreno Donadoni.
- Nicola, il bolognese che a 51 anni vive ancora con mamma e papà e che si è accozzato tutto il tempo alla povera Laura (ben più interessata a una liason con Barbieri): a lui piacciono le patate e gli uccelli (grazie Bastianich!!!) perché è un buongustaio.
- Mariarosa, la bella signora di Bassano del Grappa che ha avuto tantissimi ospiti presso la sua dimora, tra cui per esempio Ray Charles, Ray Charles e Ray Charles.
- Luca, il prestigiatore che ha subito il lancio del piatto del mitico Bastianich: scena notevole che vorrei mettermi in replay ogni sera pensando a tutti gli sfigati in the world.
- Adelaid, la bolognese che è stata così furba da confidare a Barbieri quanto i tortellini siano un piatto banale, peraltro lei non li ha mai ordinati in un ristorante a Bologna, che scherziamo?!
- Alberto, il baldo sessantottenne che si è presentato in compagnia delle sue amanti-benestanti conquistate con poesie, cultura e cibo e qualcosa di più nascosto...
- Margherita, in competizione con la mamma Teresa, ha conquistato i giudici con la sua storia da ex obesa che ha fatto pace col mondo; il suo piatto era troppo light perciò non ci piace.
- Rachida, che ha pregato l'ingresso a Masterchef manco fosse in una moschea del Marocco, però il suo cous-cous l'avrei assaggiato volentieri.







Che ne dite di questo Carlo Cracco vintage edition?

SHARE:

25 dic 2013

Merry Christmas


Jake la Motta
«Eravamo così poveri che a Natale il mio vecchio usciva di casa, sparava un colpo di pistola in aria,
poi rientrava in casa e diceva: spiacente ma Babbo Natale si è suicidato».
SHeDaisy, Hark the herald angels sing - Carol of the bells

SHARE:

24 dic 2013

A Natale puoi...

... fare quello che non VUOI fare mai...



Ispirate da questa bellissima canzoncina che sta stracciando le palle accompagnando le nostre feste da almeno due anni, abbiamo stilato un elenco di ciò che, dunque, con estremo entusiasmo potremmo fare questo Natale:

comprare il libro di Chiara Ferragni per imparare una volta per tutte a vestirci alla muoda e a spararci i selfies come solo lei sa fare

riporre il libro di Chiara Ferragni accanto a Dante e Kafka

☆ mandare su Whatsapp catene di Sant'Antonio dove, se non ricambieranno gli auguri di natale ad altre 170 persone, moriranno tutti il giorno dopo 

 mettere Raffaella Fico con Pia nel Presepe

 farci fare da Mikeligna una sobria nail art ai piedi con i babbi natale fluorescenti sugli alluci

 cucinare un menù di Csaba per i parenti a base di  zuppa di barbabietola e ventriglio di coniglio

 rinnovare il guardaroba da Desigual

 taggare tutti i nostri amici in una cartolina scintillante su Facebook con cani addobbati da albero di Natale

 pettinarci con la riga a zig-zag e i brillantini nei capelli

scattare foto ricordo indimenticabili, come questa:



BUON NATALE MARZIANO A TUTTI VOI !!!

SHARE:

23 dic 2013

Eggnog: una bevanda di Natale

 

L'egg-nog è una bevanda natalizia a base di uova, latte e zucchero,  con l'aggiunta di liquori, che  arriva dalla tradizione anglosassone e statunitense.
In quei paesi è talmente diffusa che esiste già pronta in svariate versione, persino con il latte di soia.
E' una bevanda-dessert- qui la ricetta- una sorta di zabaione ubriaco, perfetta per concludere una cena o per scaldarsi all'esterno, come noi facciamo con il vin brulé la notte di Natale.







SHARE:

Origami natalizi

Il mio primo video di Instagram l'ho dedicato qualche giorno fa alla nascita del mio primo origami natalizio, un alberello fatto con la carta per origami di Muji, ma realizzabile con qualunque foglio di carta semplice o con la carta per i pacchetti regalo o tutta la carta che vi piace (sconsigliata la carta igienica e la carta d'identità).
Quante volte ho scritto CARTA? Saluti e Buon Natale a Marco Carta.


Ecco come ho fatto:


| from  Homesick and myLifebox |

Il mio alberello è andato a decorare il pacchetto regalo della mia nipotina!

SHARE:

22 dic 2013

Happy Sunday


da Cattivissimo me, 2010
«Abbiamo una bella e una cattiva notizia: quella bella è che oggi vi farò un regalo;
quella cattiva è che non è vero!».
Alanis Morisette, Thank you

SHARE:

20 dic 2013

Le sculture d'ombra di Tim Noble e Sue Webster




Le mie installazioni di arte contemporanea preferite restano sempre quelle legate all'utilizzo della luce e della percezione dello spazio.
Tra queste sicuramente ci sono quelle di Tim Noble e Sue Webster, trai nomi più noti dell'arte contemporanea, che riutilizzano lo scarto dell’uomo per generare arte.
All'apparenza sono semplici mucchi di vecchia ferraglia, rifiuti, tubi, scatole, ma basta accendere la luce per vedere proiettate sul muro delle figure dai tratti e dai dettagli incredibilmente precisi come uno spettacolo di ombre cinesi. 
La riuscita di questa installazioni è data dalla netta differenza e l'antitesi tra il risultato delle ombre e quello concretamente presente nella stanza, in apparenza totalmente scomposto e senza ordine.
Noble & Webster ci insegnano che la bellezza può nascere da tutto, persino dal più insignificante scarto umano. 








SHARE:

Impariamo dalle campagne pubblicitarie - Fashion ADV F/W 2013


Questi sono gli effetti collaterali di una serata all'opera: sguardi persi nel vuoto, volti pietrificati,
uomini che si truccano, borse in bilico sui palchetti. Forse è meglio starsene fuori con Enrico Lucci.


Nuovo pacchetto avventura di Smartbox: una passeggiatina al tramonto tra le rocce di mare con vestaglia e tacco 12.


Kate Spade, da New York con furore, ci propone un revival di Pronto Raffaella, ambientato a casa Mondaini-Vianello.


Se al party di capodanno ti annoi puoi salutare tutti e andartene via con una bottiglia a caso:
Moët & Chandon è fan della doggy bag alcolica.


Cara-Ronf-Delevingne per Saint Laurent che ci mostra i disagi della narcolessia sul luogo di lavoro.

SHARE:

19 dic 2013

TOP OF THE FLOPS

Vi sono cose che persistono nonostante il loro tempo sia esaurito ed ovviamente esse sono fastidiose come la sabbia negli spaghetti e vongole.
Ad esempio le cimici che, nonostante il freddo polare ed una nuova glaciazione in arrivo, non schiattano ma persistono nella loro ignobile esistenza. 
Ne ho vista una, appesa esternamente alla zanzariera del mio bagno, esattamente dieci giorni fa a testimonianza che il maligno esiste e vive tra noi.
Insieme alle cimici, in barba al freddo ed al senso civico, sopravvivono anche i trend osceni che delle menti malate hanno voluto propinarci questa estate.
Parlo delle Birkenstock che personalmente non metterei nemmeno per andare in vacanza ad Ortisei con le amiche di Burraco di mia zia.
Viste poi in versione invernale, come le indossano Coco Chic ed Afterdkr, sono brutte come un'epidemia di ebola nel Congo.





Insieme alle scarpe di S. Francesco sopravvive anche la divisa di lavoro dello Zio Jesse. 

non mi ricordo la blogger

Anche il trend dello sherling purtroppo non ci abbandona.
Rumy Neely lo indossa insieme a delle scarpe che tecnicamente definirei demmerda.
Persiste anche qui il misterioso binomio del pelliccia sopra/ sandali sotto.


Sandra invece fa l'alternativa con un gilet di pelo di Schnauzer gigante.


Prosegue anche il trend "adolescente problematica scappata di casa".



Per la sezione invece " Cose visibili dalla Luna" abbiamo la collana e le scarpe di Madame de Rosa.






Cosa ci fa Zagu sul set di Vacanze di Natale 1983?





Veronica ci racconta il suo outfit così:
"Inizia una nuova settimana e io la trascorrerei tutta avvolta in questo maxi pull caldissimo e avvolgente di Stefanel. Ieri l’ho abbinato a un paio di skinny jeans e alle mie nuove scarpe di Aennis Eunis. Era da un po’ di tempo che non indossavo i tacchi di giorno, ultimamente prediligevo la comodità all’estetica. Ma davanti a queste scarpe meravigliose non ho saputo resistere! E vi dirò che sono anche abbastanza comode :)"

Dai amica, te le hanno regalate ma si vede che sono comode come le mutande fra le chiappe.



Irene invece ha pubblicato un tutorial su come sembrare uscita dal 1975 in poche semplici mosse.



Alessia di Chilicool :
"Come quando. Il rumore del vento che ti taglia il viso, gelido e pungente. Ti fa impazzire eppure al tempo stesso ha quel non so che di misterioso ed affascinante. Come quando il Natale richiede amore, ma anche un pizzico di coraggio, ed è il nostro momento romantico tra cuori e Last Christmas in sottofondo e ogni volta ti sorprendi ad ascoltarla come se fosse la prima. Come quando affidi ad uno chignon improbabile i capelli scompigliati. E pensare che quando lo fai ad occhi chiusi riesce così bene"
Invece di leggere Fabio Volo io avrei  semplicemente lavato i capelli.



Ora  fate le brave, mettete un like QUI che sennò il giorno di Natale vi svegliate vestite così





SHARE:
© 2013-17 Vita su Marte. All rights reserved.