03 feb 2014

Le Stan Smith Adidas per la mia adolescenza in panchina


Che queste scarpe siano tornate in voga tanto da essere un must have di quest'ultimo periodo lo sappiamo ormai un po' tutti e non importa se siano nuove o se, grazie al mood sepolti in casa, le tiriate fuori dall'armadio, settore anni novanta.


Perché l'importante è averle ai piedi, le ADIDAS STAN SMITH, tutte bianche e coi buchini nella pelle, con il retro verde, blu o rosso e con il nome di quel famoso tennista degli anni 60 che continua a farci li sordi.
A metà gennaio c'è stato anche un party a Milano per inaugurare il ri-lancio delle scarpe sul mercato come oggetto di culto e la cosa più bella della festa è stata Annina nostra che le ha indossate con i collant neri velati. Che ammmòre.




Per onorare l'intenzione di farne un vero e proprio oggetto di culto, al momento sono disponibili solo in alcuni negozi luxory come ad esempio l'Excelsior di Milano e online ancora non si possono comprare, nemmeno sul sito Adidas che le fornisce da uomo (dal 40 in su, se avete il piede grande ce la fate!), mentre da donna sono disponibili solo in nero.
A oggi, Luisaviaroma ci viene in aiuto solo se desideriamo la versione zeppata, da preordinare:







Io vorrei solo dirvi che mi riportano alla mente gli anni delle medie in cui per me queste erano le scarpe da ginnastica destinate all'ora di ginnastica.
Dentro di me probabilmente c'è un portinaio che citofona ai muscoli per ricordare loro di muoversi e coordinarsi, questo per premettere il concetto di baldanza sportiva che mi appartiene.
Quindi per me le STAN dell'Adidas sono le scarpe più dimenticate a casa della storia.
Dicevo di averle dimenticate anche quando in realtà erano nello zaino.
«Prof. ho lasciato a casa le scarpe». E così avevo la panchina assicurata, non sudavo e non mi si scompigliavano i capelli.





Ho cercato in tutto il mio archivio fotografico una foto di me con indosso le Stan ma purtroppo zero: certo, nel '92 ci facevamo un millesimo di foto rispetto ad oggi che instagrammiamo anche la ricrescita dei peli, però questo mi fa ricordare che non le amassi molto per la loro punta eccessivamente tonda.
Capirete quindi che non posso certo beffarmi del mio passato e andarmi a comprare un nuovo paio di Stan!
Avrei gli incubi dell'ora di ginnastica e di sicuro all'ultima ora avrei l'interrogazione di storia.

Prof. mi sento male, posso chiamare a casa?

SHARE:
© 2015 Vita su Marte. All rights reserved.