25 feb 2014

SPECIALE MILANO FASHION WEEK - FW 14-15


Si ormai conclusa anche la settimana della moda milanese.
Si è parlato tanto di  Jeremy Scott  e della nuova collezione disegnata per Moschino -capi ispirati al junk food  che hanno a mio avviso hanno legittimato l'automatica correlazione junk food-junk fashion- insieme a qualche trovata innovativa  come quella di Fendi che ha deciso di utilizzare i droni per riprendere la sfilata  in streaming da una prospettiva diversa.
Anche le polemiche non sono mancate: Cavalli ha accusato Michael Kors di impunito e costante plagio mentre Giorgio Armani si è risentito per la mancanza di Anna Wintour al suo show.
Armani di cui condivido in pieno queste parole: "..forse è arrivato per tutti gli stilisti italiani il momento di stringersi davvero intorno all'istituzione che li rappresenta, la Camera Nazionale: la loro forza di squadra, infatti, brucerebbe ogni capriccio americano o internazionale sul nascere perché nessun magazine, nessun sito, nessun mezzo d'informazione di settore può lontanamente permettersi di sopravvivere senza il sostegno della moda italiana."
Ma sostanzialmente quello che conta alla fine sono i capi presentati e il riscontro che avranno sia in termini di diffusione diretta che indiretta vd anche fastfashion .
Queste sono state semplicemente le mie uscite preferite.

N. 21
Alessandro dell'Acqua è stato il mio preferito, come al solito.
Capi molto sensuali e femminili ma in chiave totalmente moderna con linee morbide e fluide.
Tanti mix di tessuti e scarpe stupende ultra flat.






Dolce e Gabbana
E' chiaro che ormai il loro percorso è di elevare e distinguere sempre di più il loro marchio con capi esclusivi e ricercati.
Ho trovato stupendi i cappotti decorati, con maxi cappuccio e pelliccia, gli abiti con motivi floreali e le scarpe, anche qui t-bar ultra flat.
Il set e lo streaming sono stati di gran lunga superiori rispetto a quello che ci sia aspetta da uno show di pret a porter.




Msgm
Mentre vedevo lo streaming ho asserito almeno quindici volte Lo Voglio!
Ho apprezzato la voglia del brand di allontanarsi in parte dallo stile streestyle, con le celebri stampe mix&match, per proporre anche degli abiti di maggior rigore.



Prada
Arriverà mai un momento in cui Miuccia farà un flop di collezione?





Bottega Veneta
Insieme a Ferragamo è un simbolo dell'esclusività italiana e della nostra artigianalità.
In questa collezione c'era tutta l'eleganza classica di Bottega Veneta in chiave contemporanea.



Marni
Delle uscite pazzesche, con la solita grande ricercatezza concettuale.


Sportmax
Collezione coraggiosa ma molto bella.
Questo il mio abito preferito.



SHARE:
© 2015 Vita su Marte. All rights reserved.