13 mar 2014

Top of the flops: i look peggiori dalla blogsfera

E' stata una settimana difficile, in cui ho preso coscienza di un sacco di cose.
Ho mangiato come una vegana frigida: mi sono nutrita di mirtilli secchi, muesli, verdure, roba di cartone, roba di soia, bacche, muschi e licheni.
Ma a nulla portano questi sforzi, sono persino andata a correre ed il risultato è stata una fame ancestrale e preistorica che mi ha portato a mangiare un quantitativo di riso pari al fabbisogno giornaliero di due muratori bergamaschi.
Quindi ho poi capito che per dimagrire ho queste tre soluzioni: recarmi nel deserto sahariano supportata dalla mancanza di cibo e dall'arsura, andare a Lourdes e chiedere il miracolo o trasferirmi in uno stato a caso dell'obesa America  in cui risulterei magra barando allegramente.
Ho poi effettuato altre considerazioni, in parallelo tra cibo e muooda, in merito ad alcune cose che vanno al di fuori della mia portata di comprensione.
Le uova marinate con il nero di seppia o le frattaglie con il cioccolato saranno indubbiamente piatti stellati, da veri intenditori, da gente di spessore dal palato articolato ma continuo a pensare che se li mangino loro.
Più o meno la stessa cosa nella muoda,  outfit concettuali, mix&match alternativi, look non convenzionale, da gente giusta ma che se li mettano loro che io non li capisco come non capisco le frattaglie con il cioccolato.
Tipo questo Mocio Vileda candeggiato con una povera maglia degli Iron Maiden che, mi ci gioco una borsa Céline, questa blogger non ha mai ascoltato in vita sua.

Via myfreechoice
Oppure i guantoni da forno di pelo con la borsa trovata in regalo nell'Happy Meal.

via the blondesalad

Non ho capito cosa sia, davvero.



Chiara Biasi fa sembrare brutto e sciatto persino un cappotto cammello di Max Mara, mixandolo a delle spaventose borse sotto gli occhi delle dimensioni di due Balenciaga Weekender.

via chiarabiasi


via chiarabiasi

No scusate, vorrei vedere la faccia dello sponsor che ha mandato Coopstyle a Sanremo quando ha visto il risultato e qualità del suo reportage.

Via coopstyle


Brutti trend dal mondo malato dello street style

 1. I Mules, manifestazione del demonio


 2. Infradito blocca fame


3. Calzini Nike con le Pump


SHARE:
© 2015 Vita su Marte. All rights reserved.