30 lug 2014

Allestire un Finger Food: dove trovare i contenitori in plastica

Marziani, siamo qui riuniti oggi per svelare il 235° mistero di Fatima: dove trovare gli attrezzi indispensabili per apparecchiare un aperitivo da invidia.
Come sapete, io smanio per contenitori di ogni genere e materiale, qui vi avevo parlato dell'avvento dei vasetti di vetro e questo è il risultato da ricovero coatto.
Anche il FINGER FOOD richiede dei contenitori e attrezzini, quindi sono preparata, quanto meno sulla reperibilità degli involucri, perché per il contenuto si può sempre migliorare per poi approdare ai grandi livelli del Campionato Italiano di Finger Food!!!


Dunque, a prescindere dal meteo, fremiamo per fare un party in giardino o un aperitivo in terrazzo?
Nessuno di noi vorrà poratchamente mettersi a lavare i piatti. E infatti ci pensa la lavastoglie.
Però ci potrebbero essere gli Attilabimbi o i Peggioadulti che potrebbero frantumarci le ceramiche di Vietri e anche le palle.
Quindi w la plastica e w gli attrezzini per il finger food che, se sono usa e getta, si possono buttare via o se non lo sono oppure proprio però mi spiaceeeee, finiranno in lavastoviglie e non ci sarà nessuna madonna piangente per il servizio bello devastato dall'incapace, solitamente maschio, affamato e distratto.

Plurimix-Point è da sempre il mio riferimento l'oggettistica varia da cucina: qui ho comprato delle coppette in plastica trasparente e dei bastoncini in legno per il finger food, ma anche diverse formine per biscotti, compreso il famoso Biscotto Brigitte con le lettere componibili e le pipette in plastica per ottenere questo aperitivo d'effetto:

CAPRESE FINGER FOOD !

Packaging On Line è una risorsa preziosa per trovare coppette, piattini, vassoi, bicchierini, mini-posate per il finger food completo, ma anche scatole e contenitori di ogni tipo, sacchetti, materiale per imballaggi, arredamento in cartone! e gli introvabili coni e carte per fritture.


Da segnalare anche il sito Vega, specializzato in forniture alberghiere, che propone davvero tanta scelta in tutti i materiali e le forme; tre lati negativi per gli acquisti: non vende ai privati, dunque bisogna possedere la partita iva, per alcuni articoli impone quantità minime alte rispetto ad un uso domestico e seppur non sia richiesto un importo minimo d'ordine la logica invita vivamente a fare un ordine superiore a € 100, così facendo le spese di spedizione diventano umane, altrimenti ammontano a € 30!
E se avete la partita iva forse avrete già fatto acquisti da Metro, altro colosso per questo tipo di forniture e non solo.






SHARE:
© 2015 Vita su Marte. All rights reserved.