29 set 2014

Tiramisù di castagne


Ero partita con tutte le buone intenzioni: sono andata nel bosco, ho raccolto le castagne, le ho messe a bagno, ho eliminato quelle che galleggiavano, le ho tagliate e lessate.
Poi è giunto in momento in cui avrei dovuto spellarle perfettamente ad una ad una per poi ripassare con zucchero e farne una composta.
Questo per tipo sessanta volte.
Perché mi pareva brutto andare a comprare la crema di marroni quando ho il bosco dietro casa e passo l'autunno a mangiare castagne arrostite.
Sono arrivata a spellare la quinta castagna bollente con dubbi risultati e, lanciando maledizioni senza perdono, ho scelto la vita e sono andata al supermercato a prendere la crema di marroni già fatta per farne un tiramisù autunnale senza crisi di nervi.

400 grammi di Savoiardi
5 Uova medie 
4 Cucchiai di crema di marroni
Zucchero 80 g + necessario  per il caffè
 Mascarpone 500 g
 Caffe q.b per bagnare i savoiardi 
Cacao in polvere 
Whisky qb
qualche castagna lessata
Marron glacé per decorare
1 pizzico di sale



Tirate fuori dal frigo in anticipo le uova ed il mascarpone.
Preparate il caffè, una moka grande, zuccheratelo e correggetelo con un goccio di Whisky a vostro gusto.
Bagnate ad uno ad uno i savoiardi nel caffè e metteteli in una teglia o porzionateli in terrine monodose in base a come preferite presentare il dolce.
Dividete i tuorli dagli albumi.
A questo punto montate i rossi con lo zucchero, un altro goccino di Whisky e, una volta che saranno ben montati, aggiungerete il mascarpone, lavorando con le fruste a velocità bassa.
A questo punto potete aggiungere la crema di marroni, vi consiglio di metterne un cucchiaio alla volta e di assaggiare la crema finché non arriverete a un punto di sapore e dolcezza che vi aggrada.
La crema di marroni è molto dolce quindi, prima di esagerare o di ottenere una crema troppo zuccherina per i propri gusti, è meglio assaggiare.
Personalmente ne ho usati circa 4 cucchiai per questo quantitativo.
Ho poi aggiunto qualche castagna, lessata e tagliata al coltello nella crema, per dare un senso alle mie fatiche di sbucciatura, e ovviamente gli albumi montati a neve ferma con un pizzico di sale.
Ho deciso di distribuire la crema con una siringa da pasticcere per ricordare un po' il Monte Bianco, altra botta di felicità e calorie a base di castagne, e di decorare il dolce con un Marron glacé ed un leggero velo di cacao in polvere.
Ovviamente potete distribuire la crema con un cucchiaio in modo tradizionale.




SHARE:
© 2015 Vita su Marte. All rights reserved.