23 ott 2014

Dolci speciali: American Pecan Pie

Ottobre è un mese che per me fa tanto American Dream: l'anno scorso sono stata a New York proprio nel mese di ottobre, a fine mese c'è Halloween, tutte le zucche che vedo mi ricordano questa festa americana e immancabilmente sopraggiunge quella voglia di dolci che fanno tanto comfort food nei pomeriggi autunnali in cui il buio arriva sempre prima.

Ecco perché ho avuto voglia di fare questa ricetta tipica americana, piena di noci pecan (sappiate che è la frutta secca più calorica, sappiatelo e poi fregatevene) dal gusto molto particolare e capace di lasciare un profumo magico in tutta la casa!


AMERICAN PECAN PIE

240g di farina 00
250g di gherigli di noci pecan
100g di zucchero
4 uova
4 cucchiai di rum (facoltativo)
120g di burro
1 bustina di vanillina
280g di sciroppo d'acero (o sciroppo di zucchero di canna Golde Syrup)

BASE:
Preparare la base riunendo nel mixer 200g di farina con 90g di burro freddo tagliato a pezzetti e un pizzico di sale. Dopo aver ottenuto un composto un po' sbriciolato aggiungere un uovo e azionare ancora il mixer. Modellare la pasta a forma di palla, avvolgerla nella pellicola e farla riposare in frigo per mezz'ora.
CREMA:
Sbattere con le fruste 3 uova, 30g di burro, 40g di farina, lo zucchero, la vanillina, il rum e lo sciroppo d'acero fino ad ottenere una crema omogenea.

Stendere la pasta sottilmente (circa 3mm) e foderare una tortiera imburrata e infarinata.
Bucherellare il fondo con una forchetta e aggiungere 150g di noci pecan tritate grossolanamente sul fondo. Versare la crema e poi guarnire con le restanti noci.
Infornare a 220° per 10 minuti, poi abbassare la temperatura a 160° e proseguire la cottura per 40 minuti.
Servire fredda, da sola o accompagnata da panna montata o gelato.



Mettendo un po' meno noci tritate sulla base e più noci intere sulla superficie ci sarà il vantaggio di non vedere eventuali crepe.

Dalla regia me l'hanno chiamata "la torta coi cervelli di scimmia"
Però è stata spazzata alla velocità della luce!!!

SHARE:
© 2015 Vita su Marte. All rights reserved.