31 dic 2014

Top of the Flops: Hit Mania Trash 2014

Se nel 1989 avessi pensato al 2014 mi sarei immaginata: automobili volanti, alieni verdi che consegnavano la pizza, teletrasporto, cameriere robot in ogni casa e Rocky Balboa presidente della Repubblica.
E invece.

OSCAR BRANZANI CAPOTRENO
Il suo post rivelatore su Instagram è stato uno dei momenti trash più belli del 2014.


KIM KARDASHIAN SU PAPER
Samantha Cristoforetti dallo spazio presto condividerà anche il culo di Kim Kardashian.
Me lo sento.




FRANCESCO NOBILE E IBIZA
Giorni di linciaggio social per Francesco Nobile e la tizia di Ibiza.
Peccato fosse un fake.


VI ANO DA MORIRE
Succede che fanno uno speciale sui One Direction su Italia Uno.
Succede che Harry Styles saluta il pubblico con ammiccanti: “Ciao Principessa”, “Siete Bellissime” e  “VI ANO".



GASPARRI E IL BULLISSIMO 
L'account Twitter di Gasparri è talmente folle e paradossale da essere meraviglioso.
Insulta, trolla, blocca e scrive centinaia di tweet al giorno per dire agli altri che: sono brutti, non capiscono nulla e che dovrebbero lavorare invece di stare su Twitter.



GENTE VESTITA MALE MEGAMIX
Vince a mani basse Rihanna.





Gloria ci ricorda anche:

BARBARA D'URSO FUORIONDA
Video epico del cacciatore/testimone costretto alla pantomima dello struscio in piazza fino al -toh!casuale incontro con l'inviata di Pomeriggio 5 Alessandra BORGIA, un cognome una garanzia di lac di sangue.
Ma Carmelita nostra in tutto questo non c'entra nulla perché lei si trova in studio e non può essere responsabile anche delle cacche di cane pestate dai suoi inviati! Nooo???




SAN CARLO CRACCO
Carlo Cracco sta alla patatina come Tiffany al solitario in plastica di Barbie Fidanzata.



SCEME DA UN MATRIMONIO (le invitate ideali)

Dalla Hunziker non si erano nutrite abbastanza

Meglio le invitate vestite Monella Vagabonda


IL WEB SERIAL CANDIDATO ALL'OSCAR: THE LADY, L'AMORE SCONOSCIUTO
Recitazione da FActor's Studio, testi di Alvaro Vitali, musiche che pensavamo morte assieme a Maurizio Seymandi (colonna sonora di Efrem Sagrada, un nome chiaramente inventato da Maccio Capatonda), doppiatrici cassaintegrate dell'144 e tutte le borse griffate che troviamo su EBay Annunci.
Spero che nessuno di voi si sia perso Lona - mi arieggio la patata in balcòna - e le sue vicende di vita very con costumi, fotografia, montaggio, cameraman e regia di LORY DEL SANTO.








BUON ANNO MARZIANO 2015,
che sia ricco di soddisfazioni, desideri esauditi, felicità, amore e salute.
Ma soprattutto... CHE SIA RICCO.

SHARE:

30 dic 2014

Se vi avanzano dei ceci secchi... disegnateci sopra gli amici

Prima di fare il prossimo hummus, ufficialmente eletto droga salata del mio 2014, prenderò in mano i ceci secchi e li osserverò per bene, cercando persino le somiglianze con gli amici cessi. Ceci e cessi.
Perché vi eravate mai accorti che i ceci hanno un naso? Io no, ma SADI TEKIN evidentemente sì.

Nella cucina italiana i ceci sono spesso utilizzati cotti, nelle zuppe, oppure decisamente trasformati, nella famosa farinata toscana. Questi legumi quindi vengono utilizzati anche da noi, ma non quanto in Turchia, dove li mangiano anche tostati e salati come uno snack, così come noi facciamo con le noccioline.
A consumarli così, uno dopo l'altro, nell'interezza della loro forma, il designer e illustratore turco Sadi Tekin ne ha intravisto il volto e ne ha creato l'anima.

Trattasi di divertimento collaterale, quelle idee che portano la fama ad un'illustratore che in realtà si adopera in tutt'altri progetti e spesso trae inaspettato o studiato vantaggio da un'idea che si diffonde in modo virale. Quelle cose che hanno successo perché sembrano banalità ma nessuno prima ci aveva pensato. Quei piccoli colpi di genio che a me non vengono mai, ecco.








Una forma di food art decisamente sottile e praticamente a costo zero.
Siccome io disegno peggio di una scimmia senza arti, l'unica cosa che mi rimane fattibile è provare a fare i ceci tostati e salati come in Turchia.
Vi faremo sapere...


SHARE:

29 dic 2014

Idee per Capodanno: risotto melograno e salmone



Sembra assurdo, ma non abbiamo ancora finito di mangiare, manca ancora all'appello il cenone di Capodanno e questo risotto con salmone e melograno può essere un'ottima idea per il primo piatto del veglione.
Occorre ( Non metto dosi, regolatevi come un comune risotto in base al numero dei vostri commensali)

Scalogno
Una noce di burro
Salmone affumicato
Riso carnaroli
Melograno
Brodo vegetale caldo
Vino bianco o rosato
Salsa Worcester
Crescenza fresca
Aneto o erba cipollina per guarnire

Aprite il melograno e sgranatelo.
Prendete una manciata di grani, non tutti qualcuno tenetelo per la guarnizione del piatto, e mettetela nello schiacciapatate per ricavarne il succo.
A questo punto preparate il risotto in modo classico, rosolando lo scalogno tagliato finissimo nel burro insieme al salmone.
Aggiungete il riso, niente parboiled ma solo carnaroli o arborio, e tostatelo.
A questo punto si sfuma con un po' di vino e il succo del melograno.
Il risotto si porta a cottura con il brodo vegetale caldo, aggiunto un mestolo alla volta, aromatizzato con un goccino di Salsa Worcester.
Mantecate con della crescenza fresca e guarnite con dei chicchi avanzati di melograno e dell'aneto o dell'erba cipollina.



SHARE:

28 dic 2014

Happy Sunday


da The Millionaire, 2008
«Non bisogna essere dei geni per conoscere le risposte…».
SHARE:

24 dic 2014

Le interviste impossibili: Flavio Briatore is the new Babbo Natale


Ogni anno a Natale ci sentiamo un po' più ricchi e felici, sarà la magia di un albero pieno di doni da scartare, sarà che possiamo esprimere tanti desideri, sarà che si mangia come nei banchetti dell'antica Roma, sarà il mascarpone, sarà quel che sarà, ma trattasi di illusione: al 27 siamo già povery e grassi.

E' come svegliarsi da un sogno, da un torpore, probabilmente da un coma glicemico, improvvisamente ci rendiamo conto che forse aver speso, prese dall'euforia natalizia, quegli 89€ per un maglione con le renne forse non è stata proprio una buona idea e nemmeno mangiare quattro etti di insalata russa accompagnandola da trenta tartine al salmone per spezzare un po'.

Resta sempre, di anno in anno, lo stesso tragico minimo comune denominatore: Babbo Natale non esaudisce le nostre richieste e addirittura si burla di noi portandoci un pigiama con le anatre selvatiche al posto della disco bag di Gucci.
E sono grosse delusioni queste, al pari della brioches vuota al bar che credevamo ripiena di crema alla vaniglia.
Per questo ci siamo rivolti al nostro nuovo Babbo Natale, al solo uomo che può aiutarci a sembrare meno poratchi di quello che effettivamente siamo.
Flavio aiutaci tu.

♣ Flavio, abbiamo dei parenti che a Natale ci regalano magnum di Tavernello frizzante convinti che sia il top dei vitigni italiani. Li mettiamo a mangiare in cantina Quattro Salti in Padella ai funghi coltivati?

♣ Cosa dobbiamo fare per questa discriminazione d'età? A otto anni: camper di Barbie, vestitini, Barbie Fior di Pesco, Cicciobello, dieci vestitini rosa, ballerine di vernice, cucina con set da tè in ceramica, Giralamoda e Trudi a pioggia. A trent'anni: un paio mutande glitterate. 

Sappiamo che il letto matrimoniale è un'invenzione dei povery che, avendo la casa piccola, hanno dovuto rinunciare alle stanze separate. Come dobbiamo comportarci per sembrare ricchi in un monolocale? Restare single?

 Natale a Cortina? E' ancora fattibile o va bene solo per apparire nel servizio di Studio Aperto sul black-out? 

Se gli amici uniscono le forze economiche per regalarci un portamonete di Renato Balestra cosa facciamo? Li togliamo da Facebook o dalla vita?

Ogni anno le case di noi poveri sono invase da parenti rompipalle che portano in dono statuine Thun. Hai amici che potrebbero aiutarci a dirottare un paio di voli Ryanair?

 Flavio, il regalo più bello sarebbe abolire il lunedì, vero simbolo di povertà. 

 Cosa rispondi a quelli che dicono che è brutto regalare soldi perché poi la mattina del 25 non c'è nulla da scartare? Che possono anche impacchettarceli in modo creativo?


Le risposte di Flavio non sono ancora pervenute poiché in Kenya non prende molto bene il cell.

BUON NATALE AMICI !

SHARE:

23 dic 2014

Il lato oscuro del Natale: animali addobbati

Il Natale sta arrivando e tutti i possessori di animali domestici si stanno divertendo con l'addobbo selvaggio della propria creatura.


Ho provato a seguire la cosa da vicino per trovare giustificazioni alla piaga sociale e sono giunta alle seguenti ipotesi:
✖ è una tremenda vendetta contro il vostro gatto che ogni anno organizza un attacco alieno all'albero di Natale e vi rompe tutte le palle di vetro, care come un matrimonio Gipsy
✖ siete caduti nella maledizione dell'ogni scarrafone è bello 'a mamma soja e pensate che la vostra palla di pelo cessa sia la più bella di tutti
✖ vi credete la Anne Geddes dell'animalo
✖ state punendo il vostro cane che in dieci indisciplinati anni non è mai riuscito a imparare manco i comandi base del vieni, no, seduto, resta e terra
✖ state partecipando a un Win for Life che regala crocchette per l'eternità

Diversamente, davvero, non me lo spiegherei.











IL PROBLEMA E' CHE LORO PENSANO CHE LA FOTO ESCA COSI':


E INVECE ESCE COSI':



SHARE:

22 dic 2014

Rose integrali alle mele

Nei prossimi giorni passeremo un sacco di tempo in cucina e probabilmente, dopo Santo Stefano, ci sentiremo gonfie come Kim Kardashian al settimo mese di gravidanza.
Saranno giorni difficili, potrebbe anche capitarci di dover scartare regali non graditi, magari un fantastico paio di mutande color azzurro Tiffany o una crema alla cannella, o di avere parenti stressanti per casa a tutte le ore.
Vi capita la zia maniaca della cucina per il tè? Quella che se gli mettete sul tavolo le Gocciole vi dice "Ai miei tempi i biscotti si facevano in casa".
Questa " ricetta" è a prova di totale inetta in cucina, la potrebbe fare chiunque, anche chi di norma considera cucinare l'uso dei Quattro Salti in Padella e può essere utile quando si deve preparare qualcosa che non sia aprire una scatola di biscotti industriali.


Vi serve solo:
1 teglia per muffins
2 mele
2 rotoli di pasta sfoglia integrale
zucchero di canna
vaniglia

Il principio è molto semplice: fare delle roselline dolci alle mele.
Basta pulire le mele e tagliarle sottolissime.
Ricavate delle strisce dalla sfoglia, metteteci sopra le mele con un po' di zucchero e di vaniglia.
A questo punto arrotolate e create delle rose.
Cospargete ancora con zucchero di canna ed infornate a 170° finché non saranno dorate.
Io ho scelto la sfoglia integrale e lo zucchero di canna perché volevo un effetto rustico, ma se volete fare le raffinate potete usare la sfoglia normale, la cannella e lo zucchero a velo per guarnizione.
Gli ingredienti per le roselline possono essere infiniti anche in base alla stagione: pesche, uvetta, pere, marmellate, gocce di cioccolato, banana, fragole o ananas.


SHARE:

21 dic 2014

Happy Sunday


da Il giovane favoloso, 2014
«Non c’è paura più bella che Amore e Psiche».
SHARE:

19 dic 2014

Masterchef Italia 4, nuova stagione su Sky Uno

Su Sky non danno tregua, sono delle macchine da guerra: è appena finito X-Factor e già ci hanno catapultati nella cucina di Masterchef per una nuova edizione.


Venti aspiranti chef, selezionati da una rosa iniziale di quasi 20.000 candidati, e un solo vincitore con un premio da 100.000 euro in gettoni d’oro - che roba anni 80 - e la pubblicazione di un libro di ricette.
In mezzo ci sono sempre Bruno Barbieri, Carlo Cracco e Bastianich.
Se non lo avete visto ieri sera - male, soprattutto perché potevate guardarlo leggendomi su Twitter - ve lo riassumo in qualche punto saliente:

1. Bruno Barbieri è sempre più fashion blogger e ci tiene a mostrare la sua collezione di camicie stampate. Ieri sera aveva anche pantaloni risvoltati senza calze

2. Carlo Cracco è sempre empatico e accomodante come me in premestruo

3. C'è un concorrente catechista che promette grandi giuoie

4. C'è un concorrente bono

5. Ieri avevo la febbre, ma giuro che ho visto anche una gattara dei funghi

6. Carlo Cracco ha più groupie arrapate di una rockstar

7. A tratti sembrava una puntata di Io e la mia Ossessione



SHARE:

Impariamo dalle campagne pubblicitarie - Fashion Adv Fall Winter 2014-15

Far viaggiare il tuo cocorito in 1ª Classe non significa metterlo
in una borsa di Alviero Martini.
Poi non stupirti se non ti guarderà più in faccia.


Se vuoi sentirti uomo per un giorno, esci di casa con la riuscitissima collezione di
Alexander Wang per H&M.


Non vuoi far vedere a tuo marito quel nuovo paio di scarpe?
In casa non hai abbastanza spazio per le borse?
Nessun problema: fai un buco nel pavimento e crea il tuo tunnel segreto dello shopping sommerso.


Se ti stai chiedendo di che colore sarà il tuo reflusso acido da pranzo di Natale infinito,
guarda i jeans Oviesse smarchettati da Bianca Balti!


Istruzioni per l'uso: allontanarsi dallo schermo per osservare alla giusta distanza,
così come si fa con le opere d'arte al museo.
Vedete anche voi una Miranda Kerr CESSA???
Solo a me sembra una bulgara truccata di melma e gonfia per il ciclo mestruale???
A Natale siamo tutti più buoni.

SHARE:

18 dic 2014

Top of the flops general mix

Settimana pregna di eventi trash, di quelli che piacciono a noi.
Andiamo con ordine.
Su Twitter c'è stato il Selvaggia Lucarelli Gate, la fiamma della discussione è stata una sua uscita per lisciare e promuovere la "conduzione" di Francesco Sole a Tu si Que vales.
Chi è Francesco Sole? Un tizio di Youtube/Twitteresaiteccochealtro che ha pubblicato un libro di citazioni spacciandole per sue, ma spesso palesemente copiate, condizione nota a chiunque abbia un minimo di frequentazione del web e che ha fatto spesso infuriare parecchi utenti.
Su Twitter se Francesco Sole non vi ha mai copiato un tweet non siete nessuno.


Selvaggia ha quindi deciso di elogiare, in modo totalmente kamikaze, Francesco Sole sulla sua pagina in tal modo:
“Il successo di chi arriva dal web nasce alla luce del sole, senza ombre di spinte, raccomandazioni, esordi e padrini misteriosi. Chi nasce sul web ha un curriculum limpido e meritocratico, e non è poco”.
Le hanno dedicato hashtag, video, post, tweet, roghi, pomodori marci, avada kedrava, insulti, maledizioni senza perdono e probabilmente anche note vocali in cui, ruttando, le davano della cretina e della markettara perché questo Sole fa parte tohchecaso della sua stessa agenzia capitanata da Fuckinetti.
Selvaggia è chiaramente libera di pubblicizzare anche le crocchette per il cane sulla sua pagina, ma bastava dire: "So che vi sta sulle palle e che copia, ma a me sto Sole piace, quindi muti".


Raffaella Fico ha deciso di fare la cantante e sicuramente sarà una carriera rosea e piena di successi visto che il suo concerto a Milano è stato annullato perché hanno comprato il biglietto solo in duecento.
Francamente, visto che non era previsto alcun topless, duecento persone paganti per Raffaella Fico mi sembrano già troppe.



Se io diventassi ricca farei le seguenti cose: assumerei un autista che non so parcheggiare, un personal trainer con la stessa verve di Wanna Marchi e probabilmente andrei dal chirurgo a dirgli "Amico, aspira tutto quello che puoi da questo culo".
Queste invece hanno milioni su milioni di paperdollari e cosa fanno?
Si ingrossano il culo.
Ma siete bionde?
L'ultima è Khloe Kardashian.




Cosa sta succedendo a Paris Hilton?
Perché è in giro vestita come una zarra del sabato sera con le calze color carne lucide?



Per Alessia Marcuzzi devono essere tempi di crisi visto che si è sposata e non ha venduto il servizio ad Alfonso Signorini, ma alla pinella.com.



Oscar Branzani, colui che davvero meriterebbe di scrivere un libro di sue vere citazioni trash, continua a covare serpi in seno e, Re indiscusso del rancore sentimentale, si è messo a disegnare una linea di bikini per fare concorrenza alla Biasi.
La prossima volta che vengo lasciata in modo brusco lo contatto per consigli di vendetta.

..il progetto ha preso forma...è ufficiale BIKI BRANZ BIKINI è in WORK IN PROGRESSSSSSSSSS 👙🙈 #anteprima #micio #white 🐱 #bikibranzbikini


Intanto Chiara Biasi festeggia in modo sobrio ed elegante il compleanno di Borriello Junior.


La blogsfera italiana ha una nuova regina - no, non è Chiara Ferragni - e si chiama Lady Fur di welovefur.it
Un intero blog di outfit con sole pellicce.
Passando il mouse sulla sezione LOOK - pelliccia di visone, pelliccia di foca, pelliccia di teneri cuccioli di unicorni albini, pelliccia di coniglietti rosa carini etc. - ho pensato che Lord Voldemort si fosse aperto un fashion blog.
Nella sezione viaggi invece potete gustare dei fantastici tour negli allevamenti di visoni in  Danimarca.



Il gatto l'avrà spelato lei per farci un collo?


Ora fa te le brave e mettete un like alla nostra PAGINA o per Natale vi mando a casa Naomi a portarvi l'Iphone 6.



SHARE:
© 2013-17 Vita su Marte. All rights reserved.