18 mar 2015

Cose che piacciono a Rossana

Ci sono tante cose che mi piacevano prima che il mondo me le rovinasse, prima che diventassero talmente popolari da renderle inesorabilmente meno interessanti ai miei occhi.
Nel 2001 soffrii tantissimo per l'uscita del film La Compagnia dell'Anello: quell'anno segnò il momento in cui chiunque, anche chi fino a poco tempo prima non aveva mai nemmeno letto per sbaglio La Storia Infinita o Topolino, si professava profondo amante del fantasy e collezionista di troll di caverna, unicorni e dadi magici nonché portatore di vista elfica.
Ho sofferto tanto anche Harry Potter, il sushi, Colazione da Tiffany maledette fighe di legno e so già che l'anno prossimo odierò profondamente tutti i fan dell'ultima ora di Star Wars che sbucheranno come funghi.
Nella moda stessa situazione.
Ormai sono anni che vi ammorbo con il nero, il minimal, le cose sobrie, Cos, Céline, gli arredi nordici ed altre mirabolanti nevrosi.
Amo il minimal, ma non a tavola. 
Questa frase me la sono messa anche nelle bio di tutti i social.
Ora, sono mesi ormai che aleggia lo spettro del normcore e del minimal in ogni angolo del web e spero che situazione non intacchi il mio animo sobrio.
Intanto vi posso dire che mi piace tantissimo la collezione Resort 2015 di Valentino, soprattutto gli accessori arcobaleno.

Via rockandfiocc
Sono entrata nel buio vortice delle beauty blogger e delle youtuber - prima o poi ne parleremo - e vorrei tanto provare questi mirabolanti prodotti di Glossier di cui tutte parlano.
Mi chiedo solo se esista la possibilità di comprarli in Italia o se si debba pagare i dazi doganali dall'America come nel 1800.


Questo outfit di 12:04 è semplicemente il migliore che abbia visto per questa primavera, ha tutto quello che serve: gonna con bottoni, Mansur Gavriel, dolce vita a righe e occhiali di Céline che bravo per questa stagione.


Occhiali di cui abbiamo una diapositiva ingrandita per comprenderne al meglio la relativa bellezza.


Continuo a salvare foto delle Vara di Ferragamo facendo finta di non sapere che indossate da persone normali, non Giorgia di Grazia o Olivia Palermo, forse non sarebbero proprio una buona idea.



Immagino che il mondo beauty stia proponendo smalti primaverili dai colori pastello, floreali e vitali, invero io sto cercando di capire quale sia il miglior rosa chiarissimo di Essie per comprarlo ed avere finalmente lo smalto neutro definitivo.
Per qualche antica maledizione assiro-babilonese finisco sempre per comprare un nude, convinta ed orgogliosa della mia scelta rosa pallida, per poi scoprire a casa che in realtà vira pericolosamente verso un punto di rosa pesca arancione malefico.
Da Pinterest, per ora, ho salvato questi due colori.



Raggiunta la veneranda età degli anni di Gesù, ho scoperto con estrema calma che le ciprie di Guerlain profumano.
Profumano.
Capito?
Non puzzano di trucchi rimasti nel mobiletto del bagno dal 1998, ma profumano di violetta.
Una cosa estremamente civile.
Nella mia wish-list entra quindi Guerlain Viso - Les Voilettes Poudre Compact che andrò a cercare da sola da Sephora perché non lo so nemmeno pronunciare.


SHARE:
© 2015 Vita su Marte. All rights reserved.