22 apr 2015

E' qui la festa? L'altoparlante wireless Ue Boom

Io e Rossana abbiamo tante cose in comune, ma in fatto di gusti musicali e cinematografici si può dire che abitiamo pianeti diversi. Stiamo comunque iniziando a comunicare tra noi: io per osmosi sto imparando tutte le citazioni dei film che non guarderei mai (tipo Harry Potter e Il Signore degli Anelli, ora lapidatemy!) e lei viene a sorbirsi miei concerti di lirica (lo sapete che sono un soprano?! untold stories) e al cinema con me a guardare film impegnati con Francesco Arca.
Dunque le nostre vite vivono film e hanno colonne sonore really diverse.
Mentre lei ascolta cantanti e gruppi che non ho mai sentito (tanto che ne verifico sempre l'esistenza su Google) io ascolto roba che lei nemmeno costretta dal benevolo sguardo di Anna Wintour si piegherebbe ad ascoltare.
A volte fingo che non mi piacciano i Modà per dimostrarle un certo affetto solidale e le mando il link di YouTube di Nino D'Angelo e Maria Nazionale (con la sensibilità di farlo quando non è in premestruo), ma lei non mi capisce e anzi mi insulta.


Oggi vorrei esprimere tutta la mia esaltazione per un nuovo oggetto marziano che ha a che fare sia con la musica che con il cinema e che mi sto portando ovunque, l'altoparlante UE BOOM di Logitech.
Innanzitutto mi chiedo come mai un oggetto del genere non venga più chiamato CASSA: fa troppo morto, supermercato o fa troppo anni novanta?! Ditemelo!
Ma solo per un istante mi piegherò alle leggi del marketing e lo chiamerò come si deve: altoparlante WIRELESS bluetooth perché non vedevo l'ora di dirvelo che questa cassa è senza fili!!!
Esteticamente si presenta come una maxi-lattina di bibita, è proposta in molti colori e il packaging è essenziale ma fighissimo: mi vergogno a dirvi che ho notato persino una rientranza del libretto di istruzioni utile affinché si allinei perfettamente al cavo sottostante permettendo la perfetta chiusura dello scomparto. Robe malate da Vergine. Ma ve l'ho detto perché so che ci sono tanti lettori dello stesso segno zodiacale che danno conforto alle mie psicopatie. Grazie amicy.

Ue Boom anche per ascoltare la ninna nanna

✓ Primo modo in cui l'ho provata: collegandola via bluetooth al mio telefono e ascoltando l'Orfeo di Monteverdi una traccia da You Tube: FI-GA-TA.
Tra il volume del Tubo e quello dell'Ue Boom si arriva a livelli esponenziali, il suono è avvolgente e davvero potente. Gli amici del marketing suggeriscono di prenderne due per fare un effetto disco-party-hard ma con Puccini e compagnia bella dove voglio andare?, ma già con una si appaga davvero la soddisfazione acustica.
✓ Secondo modo in cui l'ho provata: collegandola sempre via bluetooth al mio computer per vedere il film di Tim Burton Big Eyes (mi piacciono solo le storie vere o il cinema italiano, altrimenti guardo Chi l'ha Visto o Amici di Maria); cassa posizionata frontalmente e si è ribadito l'effetto 360°, pur essendo una sola l'effetto acustico è avvolgente tanto che non è immediato capire da dove provenga il suono. Chiaramente per tutti i dispositivi sprovvisti di bluetooth c'è sempre la possibilità di collegare la cassa Ue Boom col cavo.
✓ Terzo modo in cui l'ho provata: scaricando l'app Ue Boom grazie alla quale c'è la comodità di poter gestire la cassa a distanza (il telefono funge da telecomando), regolare l'equalizzazione a cinque bande, controllare la carica della batteria (che promette 15 ore di durata!).

|| UE Boom si può acquistare sul sito di Apple nella sezione accessori,ma come sempre il buon Amazon lo propone al prezzo migliore ||

Quarto modo in cui devo ancora provarla: mentre mi faccio la doccia, perché pare che l'Ue Boom sia pure amico dell'acqua (guardate questo pazzo che al minuto 5 lo mette sotto il rubinetto!) e si propone di creare socialità in tutti i luoghi e in tutti i laghi.
Dunque mi vedo già come una perfetta tamarra scendere in spiaggia al lago con Rossana e mettere a palla qualcosa del Leone di Lernia per farla inorridire.


E allora ciao amici della Logitech, se fate cose fighe ditelo.

Pic via coolhunting.com


SHARE:
© 2015 Vita su Marte. All rights reserved.