07 mag 2015

Sfondi, font e #Zenfone


Quando compro un qualsiasi supporto tecnologico nuovo, la prima cosa che faccio è sempre e solo una: personalizzarlo con uno sfondo nuovo, icone e cartelle tonde, font personalizzato e possibilmente qualcosa di rosa sparso qua e là.
Esistono persone semplici e basiche che riescono a tenersi, come estremo esercizio zen, lo sfondo di default dello smartphone o del pc per anni, probabilmente queste persone padroneggiano anche La Forza, sono dei guerrieri Jedi e riescono anche a sostenere una dieta per più di dieci giorni.
Cosa vi devo dire, io non posseggo né pazienza, né costanza e personalizzerei anche i calzini con le mie iniziali se sapessi cucire.
Ovviamente appena acceso il mio Zenfone 2 l'ho personalizzato in toto - dalla foto potete ben vedere che lo uso veramente, ci ho messo la sim, installato le app e sì, sono un po' indietro con la lettura delle mail - tramite ZenUI.
ASUS ZenUI permette infatti di cambiare l’aspetto delle icone, il font e offre la possibilità di scegliere tra diversi sfondi semplici o animati per abbinarli al proprio umore, al proprio smalto o alle proprie scarpe.

La cosa più spaziale che vi farà sentire veramente Guerrieri Jedi è lo ZenMotion che permette di interagire con Zenfone 2 mediante un semplice gesto delle dita.
Il suo funzionamento è futuristico, geniale, ma semplice: disegnando una C sullo schermo, consente di avviare la fotocamera, una W fa iniziare subito la navigare nel web; Tap Tap che con un doppio tocco sullo schermo permette di riattivare lo smartphone dallo stand-by e con un doppio tocco sul tasto home abilita il passaggio alla modalità di utilizzo con una sola mano; Shake Shake per aggiungere in Do It Later una notifica, un’attività o un impegno che si intende posticipare, semplicemente scuotendo leggermente lo Zenfone.
Lo ammetto, dopo aver provato questa cosa, ho anche pensato di chiamare il mio Zenfone per nome per capire se veniva da me di corsa già acceso come Kit.

Se volete uno Zenfone e volete far del bene, vi segnalo due iniziative che riguardano Elisabetta Canalis ma soprattutto quel turbognocco di Luca Argentero.
Si può comprare all'asta lo Zenfone 2 che Luca sta usando in questi giorni per beneficenza, nel telefono ci sono ovviamente tutti i suoi contenuti: selfie, foto e video.
I proventi sosterranno 1 Caffé Onlus, associazione fondata proprio da Argentero che è chiaro pertanto che oltre ad essere un turbofigo è anche una brava persona.
No ragazze, non so se ci siano anche foto hot lì dentro, mi spiace sono inutile, lo so. 


Per le bionde:
Sì, in home ho la App Specchio e lo so che la vorreste anche voi.
La sequenza delle App non è casuale, ma è proprio l'ordine di utilizzo e non me ne vergogno.
Se ve lo siete perso, leggete qui il capitolo sulle foto e sui selfie perché secondo me vi può interessare parecchio.
Vi dico solo che nel foto-ritocco potete scegliere anche la tonalità del fard.

Per i Nerd:
Zenfone ha installato Trend Micro Security come antivirus integrato per evitare virus ed altre schifezze da siti web dannosi.
Zenfone è  dual sim e ha l'opzione SnapView che separa lavoro e vita privata con facilità, permettendo di creare due distinti profili di accesso e uno spazio privato per applicazioni, foto e file più riservati, che saranno così sempre lontani da occhi indiscreti e dalla vostra ragazza.
Se vi piace giocare con lo smartphone ZenFone 2 offre prestazioni eccellenti - senza compromessi per la batteria - grazie al processore 64-bit Quad-core Intel® Atom™ Z3580 fino a 2,3 GHz affiancato dalla potente GPU PowerVR-G6430 e alla più recente versione del sistema operativo Android 5.0 Lollipop. eeeeeehhhhh?
Non saprei spiegare tutto questo e per me potrebbe anche essere la formula per creare la bomba atomica o per aprire un buco nero nel proprio salotto, ma molto banalmente con Zenfone 2 potete continuare a tagliare frutta con Fruit Ninja, controllare la vostra fattoria di Puffi contadini o giocare a Fifa senza far crashare tutto lo smartphone ad ogni tiro e vivendo serenamente l'infinità pubertà maschile.
SHARE:
© 2015 Vita su Marte. All rights reserved.