29 giu 2015

Extra Fashion: in quei giorni

Come può non essere un argomento ricorrente, visto che tali giorni ritornano circa una volta al mese? E solitamente nei momenti più opportuni quali: vacanze al mare, frigo vuoto, corso di idrobike, appuntamento con maschio alfa.
Frigo vuoto per me è la peggiore e credo sia un sentimento condiviso poiché proprio di recente una designer texana ha creato il packaging perfetto per il gelato da ingollare durante la PMS.

In quei giorni il nostro umore è gioioso come i ruoli di Stefania Sandrelli.


Uno stato di depressione catatonica che non guarisce nemmeno
con un paio di Tango di Valentino ai piedi.


Si vive costantemente col chemminchiaguaddi perché si ha sempre la sensazione
di sentirsi osservate, specie se si gira con un Tampax di scorta nella tasca posteriore dei jeans.


I dolori che ci piegano in due anche nei momenti meno opportuni.
Per gli uomini che non capiscono: non ci scappa la cacca, sono le ovaie che dolgono.


Forse avvolgerci copertoni usati della bici intorno alla vita potrebbe
donare sollievo a ovaie e reni in contemporanea.
La moda è femmina e saprà capire.


In quei giorni tette protagonist.


Se si usa l'assorbente interno ci si sente libere e felici come una farfalla!


Ma se hai dimenticato a casa il pacco scorta, non importa se sei leone o gazzella,
l'importante è correre.


Ci si sente sempre "gònfia come tutte le tue amiche".



E se ci fotografano, nascondiamo la parte sensibile.
Rosso relativo. Senza macchia.


Si ha sempre paura che si veda l'assorbente lungo con ali e si crede di rimediare con un abbigliamento ampio, ma in realtà è così ampio che pare ci siano sotto
tutti gli operai della Lines a reggerti la mutanda.

SHARE:
© 2015 Vita su Marte. All rights reserved.