20 lug 2015

Extra Fashion: un continuo oltraggio al maculato

Settimana scorsa ho visto gli ankle boots leopardati della nuova collezione di Boden e sono quasi svenuta. Mi sono piaciuti così tanto che nella mia wishlist infinita sono riusciti a sorpassare le ballerine nere con gli strass dorati uguali a quelle che indossava Marta Marzotto al party di Sky.
(Quasi, perché il prezzo di 120 sterline è really ingiusto).
Ma del maculato bisogna avere respect, non si può indossarlo con la stessa nonchalance di una gipsy che cerca marito.
Meglio di un qualunque collezionista di ossa, ho messo via (salutiamo Ligabue che ci legge sempre) delle immagini di gente che indossa il maculato offendendo tutti noi bff di Zia Assunta, nonché la giungla intera.

E non abbiam bisogno di parole
(un saluto anche a Ron)


Il maculato coloreria italiana no, no e NO.
Con l'aggravante delle calze color carne da carcere di massima sicurezza.
(Preciso a tutti che io mi batto per la difesa della calza color carne giusta,
non del 40 denari color daino di Suor Germana).


Non chiamate Chi l'ha Visto, è una sparizione volontaria e lasciamola pure lì dov'è.
Lontano dalla moda.


Questa foto è nella mia cartella dal 2014 credo.
Aspettavo il momento giusto, quello del cadavere che passa nel fiume prima o poi.


Michela Vittoria Brambilla che difende gli agnelli pasquali, gattiny su Matteo Salvini
e ancora nessuna legge che vieti agli uomini di indossare il maculato.


Amica con la Dolce and Gabbana, se questa è la tua miglior posa penseremo tutti che
c'hai la borsa tarocca.


Questo è il peggior maculato che abbia mai visto nella storia.
Potrei anche dire che lo stilista palesa il suo intento etno-sociologico
di voler unire culture, animali e popoli distanti grazie all'abbinamento
dell'orso bianco del Polo Nord col giaguaro del Nuovo Messico.
Ma chioserei con un onesto FA CAGARE.

SHARE:
© 2015 Vita su Marte. All rights reserved.