28 ago 2015

Il #TeamPastasciutta alla Barilla (innovazione, tradizione e scofanate)

Qualche giorno fa, mentre ero a tavola e stavo distrattamente guardando la tv, intravedo quel manzo di Pierfrancesco Favino nella nuova pubblicità della Barilla. Dopo aver urlato io ci sono stataaaaaa!!! (non con Favino ma alla Barilla) guardo avida le restanti immagini e vedo una fotografia troppo bella. Poi gùglo: Salvatores. La figheria era evidente.
Allora parte il mio pippone nostalgico con tutte le pubblicità della Barilla di cui ho memoria fino ad arrivare a quella mitica dello slogan dove c'è Barilla c'è casa del 1987 con bimba, cucciolo di gatto (per la cronaca nera: Fusillo, morto nel 2013 a 26 anni), pasta fumante e naturalmente "la musica della Barilla" (Vangelis obnubilato dal marchio) che credo molti si siano smazzati alle medie col flauto dolce.
Ripassiamo tutti insieme:
Do-Re-Miiii, Fa-Sol-La-Sooool, La-Si-Doooo, Si-La-Sol-Laaaa,
Sol-Fa-Miiii, Re-Mi-Sol-Reeee, Re-Mi-Faaa-Miii-Reee-Doooooo.
(fame)


Da quelle atmosfere di casa, di vita mangereccia e di gattiny la pasta Barilla è entrata inesorabilmente nel mio cuore: immaginatevi la giuoia quando in un assolato giorno di metà luglio io e Rossana siamo approdate nel territorio parmense in visita agli stabilimenti.
Abbiamo vissuto un momento verde e inebriante nei campi di basilico dell'azienda agricola La Felina, uno dei fornitori più vicini alla produzione dei sughi tradizionali e dei nuovi pestati e che quindi cede la materia prima freschissima: il basilico raccolto alle 5.30 del mattino è già in lavorazione dopo poche ore.
Abbiamo pranzato nello stabilimento assaggiando i nuovi pestati sulle baguette morbide e, anziché usarli come 'sugo' per la pasta, personalmente li preferisco proprio così, come stuzzichino e aperitivo sul pane. Io voto pestato ai pomodori secchi (l'ho provato anche su crostone di pane + caprino) e Rossana vota e magna pestato alle melanzane.
Naturalmente ne è seguito un bel tris di pasta coi cuochi Barilla che già temevano di andare sotto scorta per colpa della nostra presenza. Il Team Pastasciutta non si smentisce mai.
Poi con la pancia piena si può ragionare e abbiamo finalmente visitato la produzione di casa Barilla che sorprende per pulizia, organizzazione e rigore dei controlli: solo così si possono produrre centinaia di vasetti al minuto che dalle materie prime, al barattolo di vetro, all'etichettatura, svettano nelle linee di produzione con coreografie ipnotizzanti.
E tutto questo è a disposizione del migliore amico di Barilla, ovvero il consumatore che può osservare tutto come abbiamo fatto noi attraverso GUARDATUSTESSO.IT, sito ricchissimo di video, curiosità e filmati tra i quali potete vedere la produzione dei sughi, lo stabilimento, la raccolta del basilico e la nostra visita.
Ah, e poi ci sono anche io che come una pazza parlo male delle lumache che mi hanno mangiato il basilico, ma tant'è... Da precisare che Rossana in queste circostanze sceglie la dignità abbandonandomi (sempre) ai deliri in solitaria. Lei sul web continua ad avere una reputazione, io non credo.

Osservate la preoccupazione dei cuochi dopo averci viste...

Azienda Agricola La Felina

Il Team Pastasciutta si allarga: eccoci con Giulia di A pranzo da Pit



Tutti raccolti in preghiera davanti al basilico fresco

Rossana che minaccia i fotografi con lo sguardo


Io che devo sempre curiosare


Un momento molto Grey's Anatomy


| Photo Credit: Barilla Official / Guarda Tu Stesso & Alessandro Zaccaro / Fancy Factory |


Sul set del nuovo spot


Favino, facci sognare!!!


SHARE:
© 2015 Vita su Marte. All rights reserved.