12 ott 2015

Extra Fashion: i piedi pelosi by Gucci


Lettera aperta ad Alessandro Michele, direttore creativo di Gucci.

Caro Alessandro,
come al solito l'espressione artistica divide a metà tra consensi e disapprovazioni.
I consensi riempiono l'ego e stimolano le nuove idee; le disapprovazioni possono anche portare sull'orlo di una crisi di Xanax, ma credo che il tuo stipendio da millemila abbia tanti zeri quanti me ne fotto e ciò che non uccide fortifica, ciò che non strangola ingrassa, ciò che è stato è stato, chi ha avuto ha avuto ha avuto, chi ha dato ha dato ha dato, scurdammoce 'o passato, simmo 'e Napule, paisá.
Non si può criticare a prescindere: bisogna pensare, allargare i propri orizzonti, psicanalizzare, immedesimarsi, intuire. Il punto è che io ho cercato di capirti. Ho cercato di interpretare le tue ciabattine di pelo e le ho capite. Le ho capite tante volte perché ho trovato tante ragioni artistiche, ambientaliste e persino umanitarie che la genty deve sapere.

 Hai tolto l'alibi ai fans della ciabatta + calzino.
Che anche grazie, perché piuttosto che vedere ancora slide pool con calzino in spugna riesumato dalle pagine della Smemo del 1996, meglio il pelo di canguro. I piedi stanno al caldo e rientra l'emergenza reflusso acido.

 Hai spinto il gomito a quelli di Geox.
E gli hai fatto capire che l'unica scarpa che respira è quella aperta.

 Hai convertito un'emozione Ikea in oggetto-moda.
Il 92% della popolazione italiana possiede un Ludde o un Tejn, il tappeto pecoreccio dell'Ikea di animale vero o sintetico, sul quale tutti strusciano i loro piedi a più riprese.
Tu hai generato un'emozione portatile di pelo bruno. Prossimo step: una shopping bag di polpette di renna o un amazing wallet di matitine in legno.

Hai salvato una nazione.
Finalmente in Australia si liberano dei marsupiali invadenti: gli agricoltori dicono che i canguri distruggono i raccolti, gli ambientalisti pensano che possano minacciare la biodiversità e gli assicuratori stanno per gridare al fallimento per le centinaia di collisioni tra auto e animali saltellanti. La pelliccia era la fine che si meritavano. (Fonte Quartz).








Siate pronti a picchiare la gente ignorante col giubbotto
qualora essa vi guardi con sdegno e derisione per le vostre scelte moda.

SHARE:
© 2015 Vita su Marte. All rights reserved.