23 dic 2015

Torta multistrato al cioccolato, mascarpone e fichi con il Brachetto d'Acqui

Tutti a tavola, felicemente ripieni di cibo e chiacchiere, in procinto del momento conclusivo del dolce e del brindisi e arriva lei, la mia nemica numero uno: la bottiglia di vino secco.
terremotoetragggedia
Immancabilmente mi trovo costretta a brindare ad acqua, con lo sdegno di chi mi ripete la tiritera che l'acqua fa ruggine, che chi beve solo acqua ha un segreto da nascondere e ma dai almeno un goccino. Ma un vino dolce nooooooo?!
Io davvero non so come si sia radicata la barbara usanza di torturare il palato teneramente avvolto dai sapori e dalle consistenze morbide di un dolce con un vino secco. Il sospetto è che debbano riciclare le bottiglie tamarre che ricevono come omaggio aziendale.
Oggi vorrei rivolgere un appello (finalmente ho trovato l'occasione per sfoderare questa frase d'effetto) ai popoli apparecchiatori di tavole e a tutti coloro che si occuperanno del momento dolce dei pranzi delle feste: vi prego, servite il vostro dolce con un vino dolce.
Lo scorso weekend ho preparato una roba super che per rendere bene l'idea chiamerò "Torta multistrato al cioccolato, mascarpone e fichi" e l'ho servita con il mitico Brachetto d'Acqui di Fiocco di Vite, uno dei miei vini preferiti per il dolce perché appunto è dolce e ha una bassa gradazione alcolica (5,5%) che me lo rende ancora più simpatico e adatto anche per un orario pomeridiano. Dolce spazzato e bottiglia scolata. Poi fate voi.



Questo dolce fa la sua bella scena artistica, le parole cioccolato e mascarpone rendono già bene l'idea del godurioso sapore e, cosa assai interessante: farlo è una cavolata.

TORTA MULTISTRATO AL CIOCCOLATO, MASCARPONE E FICHI

200g di cioccolato fondente
70g di burro
70g di zucchero a velo
3 uova a temperatura ambiente
1 cucchiaio di cannella in polvere
1 cucchiaino di zenzero in polvere
25g di amaretto o di rum
Per la crema:
100ml di panna fresca
100g di mascarpone
20g di zucchero a velo
Per decorare:
fichi secchi e frutta secca (oppure a piacere: ribes, melograno, pinoli, amarene sciroppate, ecc.)

Spezzettare il cioccolato e fonderlo a bagnomaria o al microonde, poi incorporare il burro affinché fonda anch'esso e si amalgami bene al cioccolato.
Trasferire in una terrina più capiente e lasciare intiepidire; poi aggiungere lo zucchero a velo ben setacciato in modo che non formi grumi e mescolare. Infine le uova a temperatura ambiente, amalgamandole al composto una alla volta.
Trasferire il tutto in una tortiera o in una teglia foderata di carta forno livellando a un'altezza di circa 1,5cm e cuocere a 180° per 25 minuti, poi spegnere e lasciare riposare per 5 minuti a forno chiuso.
Estrarre e fare intiepidire il dolce, poi, con l'aiuto di un coppapasta, ricavare delle tortine del diametro di circa 9 o 10cm e porle su una gratella a raffreddare.
Nel frattempo, montare la panna ben ferma con lo zucchero a velo e poi incorporare anche il mascarpone con le fruste alla velocità minima.
Con l'aiuto di un coltello, spalmare la superficie di una tortina al cioccolato con uno strato abbondante di crema al mascarpone, sovrapporre un'altra tortina e un'altro strato di crema e poi ancora di nuovo fino a ottenere una torta di tre strati con la crema anche sulla cima.
Decorare a piacere con fichi secchi, mirtilli rossi, chicchi di melagrana, frutta secca e una spolverata di cannella. Servire con un calice di Brachetto d'Acqui.




La vita è così amara, il vino è così dolce; perché dunque non bere?
VINO TOSO
SHARE:
© 2015 Vita su Marte. All rights reserved.