13 gen 2016

È morto David Bowie ma nel mondo c'è ancora speranza

Succede.
Prima o poi capita a tutti che muoia un proprio idolo.
A me era già successo il 5 aprile del 1994 ed è successo di nuovo l'altro giorno.
Non vi attaccherò un pippone su come mi abbia folgorata da ragazzina l'ascolto di Ashes to Ashes, su come per me sia impossibile pensare a Kreuzberg senza ascoltare Yassassin o su quanto sia incredibilmente perfetta tutta la trilogia berlinese.
L'avrete già capito da soli che qui, su Vita su Marte, David Bowie è il nostro spirito guida.
Sono stata male per la sua morte, ho pianto, ho visto ogni speciale tv, mi sono martoriata il cuore ascoltando la  maratona della BBC6 via radio per un intero lunghissimo pomeriggio.
Ho guardato il video di Lazarus almeno quaranta volte vedendoci almeno cinquantasette messaggi diversi Look up here, I'm in heaven ogni volta come Giacobbo quando affronta l'argomento dei Templari nella cappella di Rosslyn.
Altrettanto sto facendo con Blackstar che è meraviglioso.
Una sorta di elaborazione del lutto che è ben lontana dall'essere terminata ma, se ho superato la morte di Silente e di Han Solo, ne uscirò anche da questa.
Però c'è stata una cosa che mi ha sollevata, come la cioccolata offerta da Lupin ad Harry dopo i Dissennatori, e sono stati i messaggi di bene universale che arrivavano da internet. 
Ed erano tutti bellissimi.
Ne ho raccolti alcuni così possiamo piangere un attimo insieme.

LONDRA
Gli inglesi sono un grande popolo.
Fine dei discorsi.





BRIXTON
I fiori sul famoso murales dedicato a Ziggy, ma soprattutto la folla che di notte canta Life on Mars?
Anche qui, mi sono fatta un piantino.




L'ASTRONAUTA CHE HA SUONATO SPACE ODDITY DALLO SPAZIO
Può esistere tributo migliore?
Qui lacrime a fiumi.



L'ULTIMO FOLLOWING DI DAVID BOWIE
L'ultima cosa che mi ha sorpreso su internet arriva proprio da lui, dal suo ultimo follow su Twitter.
Dio.

SHARE:
© 2015 Vita su Marte. All rights reserved.