08 mar 2016

Vita su Marte goes to Slovenia Vol. 1


Potrei iniziare questo post dicendovi che la Slovenia mi era ben nota e ben geo localizzata nella mia testolina, invece, sono una persona vera e sincera e invero vi dico che la Slovenia rientrava in quelle nazioni "della grande nebbia" che, nella mia testa, sono fumosamente collocate nella cartina dell'Europa e, altrettanto confusamente, caratterizzate.
È difficile essere me a volte, me ne rendo conto.
Sono quindi partita per questa nuova scoperta di quattro giorni che, causa mia mancanza di proprietà di sintesi, vi dividerò in due post per non ammorbarvi troppo il cervello con i miei consigli non richiesti sulla Slovenia.
Siamo partiti da Venezia Mestre con la bloggermobile e ci siamo diretti a Vipava che è un grazioso paesino vicino Gorizia capace di produrre un numero infinito di vini che chiaramente non conoscevo, ma che ho assaggiato a profusione.

Il mio preferito nelle varie degustazioni è stato il vino bianco Zelèn e il Pinella, entrambi vitigni autoctoni.


Di Vipava ho apprezzato tantissimo il pranzo dalla dolcissima Karolina che ci ha ospitati nella sua storica cantina e ci ha sfamato con dei cibi tipici: la jota, una zuppa di cavolo fermentato, patate e salsiccia, formaggi e salumi e locali e un dolce pazzesco arrotolato e cotto al vapore ripieno di formaggio fresco, miele e frutta secca.
Il pranzo è stato apprezzato come il pan di via elfico per Frodo e Sam visto il freddo e la pioggia.
Karolina ha trasformato il suo giardino in un campeggio e credo sia stata una delle persone più ospitali che abbia mai conosciuto.


Abbandonata Vipava ci siamo diretti a Ptuj - nome che ancora non riesco assolutamente a pronunciare senza che qualcuno si alzi e chieda "C'è un logopedista in sala??!" -  che è una delle città più vecchie della Slovenia di cui tutti ricordano un glorioso passato Romano sin da epoca traiana.
La cittadina è molto carina, tranquilla e graziosa, oltre ai vecchi fasti romani, sicuramente si nota un sacco di architettura gotica.





Oltre al vino, in Slovenia ci sono un sacco di fonti termali e, quando ne trovano una, gioiscono come i texani col petrolio e ci costruiscono un hotel sopra con all'interno mirabolanti e leggendarie spa.
Abbiamo dormito al Primus e ho potuto provare: idromassaggio privato, massaggi e sauna.
Ma prima siamo passati alla Petoviona wine boutique del Sig. Kobal che produce e vende in modo super selezionato i suoi vini.
La boutique è nel centro storico di Ptuj ed è un luogo intimo, molto tranquillo e ben arredato.
Il Sig. Kobal è un grande esperto di vini, a differenza mia, e partecipa spesso a concorsi internazionali come giudice.
Qui il vino che mi è piaciuto di più è stato un Pinot Grigio, ma dall'aspetto rosato, di sua produzione che era buonissimo, super femminile e delicato.
Come potete vedere, ho una carriera da esperta di vini nel mio futuro.



La sera, appena arrivate al Primus, dopo una cena romana, con tanto di vestito a tema, siamo finite della vasca termale bollente a bere vino alle ore 23.
Chi ha snapchat avrà visto la situazione e ben capirà che quattro degustazioni di vino in una giornata possono incidere sulla mia sanità mentale.

Voglio questo specchio smagrente!

Io e la mia amica Tegamini abbiamo passato la mattinata seguente a snocciolare imperdibili perle di saggezza in una vasca piena di bolle, mangiando frutta.
Cosa abbiamo imparato sull'idromassaggio? 

★Mai metterlo subito al massimo sennò vi troverete spiaccicate come una zanzara sul vetro in autostrada dalla parte opposta della vasca.

★ Si può fare tranquillamente anche dopo una colazione a base di pancakes e pancetta.
Al Primus lo chef prepara anche il menù be-fit correttamente bilanciato tra carboidrati, proteine e verdure.
Mi è piaciuto tantissimo il luccio perca, che non mangiavo da una vita, con l'orzo e il pane al limone e arancia.


Bled e Postumia saranno nella prossima puntata che sennò qui non ce la caviamo più perché io purtroppo non sono capace di non essere prolissa come Cicerone in una sua oratoria.

Intanto però vi dico una cosa importantissima, drizzate le orecchie e prendete appunti!

Se volete passare un week end gratis a base di cibo, terme e vita nei resort dei Sava Hotel, basta cliccare qua e andare a votare la vostra blogger preferita, cioè io.
Non sono bella, ma sono simpatica. Votatemi!


SHARE:
© 2015 Vita su Marte. All rights reserved.