14 apr 2016

Coraggiosamente parliamo male del Bimby

Ci sono categorie di donne che sono indubbiamente strane e strambe.
Tipo quelle che impazziscono per la cartoleria, gli adesivi e gli scotch di cui mi chiedo sempre cosa mai se ne possano fare di trecento quaderni e agende da decorare.
Ma la categorie che mi perplime di più in tutte le terre emerse, oltre ovviamente alla setta di quelle che usano la Mooncup, è quella delle proprietarie del Bimby, strumento di cucina forgiato da Sauron nel fuoco del Monte Fato, che costa quanto una borsa di Céline e fa le stesse cose che potrebbe fare una pentola, un frullino e un piccolo robot da cucina.
Cioè tutte cose che noi, le nostre mamme, le nostre nonne o le nostre vicine, abbiamo già in casa.
Invece no, esiste una setta di fedelissime che lo difendono a spada tratta e ne fanno uso per effettuare semplici operazioni di quotidianità culinaria come cucinare a vapore - operazione chiamata varoma dalle Bimbygirl - preparare risotti o delle comunissime zuppe.

MI PARE CHIARO CHE PER CUCINARE QUESTA ROBA AL VAPORE SERVANO MILLE EURO DI ROBOT

Ma la cosa peggiore è l'utilizzo del Bimby per preparare in casa prodotti di natura industriale.

IL DADO
Perché preparare in casa il dado quando il dado fa già schifo comprato e non andrebbe usato?
Perché usare un robot da mille euro per tale schifezza quando basta fare un brodo vegetale con: pentola, acqua, sale e tre verdure fresche?
Perché tale follia?
Perché far piangere gli unicorni? Eh?
Per tutte le divinità nordiche, comprate il brodo pronto Star nel bric che allora è più dignitoso!

YUMMY AMAZING 

IL NESQUICK
Ma che problemi hanno?
Sono state picchiate da piccole alla cassa dell'Esselunga con un torrone pasta dura che hanno paura ad andare al supermercato a comprare del Nesquick?
Mettiamoci a lavare i panni con la cenere allora.

AMICA, A CASA HO UNA PIGNA DI PANNI DA STIRARE, SE NON SAI CHE FARE VIENI DA ME

IL LATTE CONDENSATO
Ora, nella vita quanto latte condensato usate voi?
Intendo, se non si vuole contrarre un diabete certo e fulminante.
Lo comprate una volta all'anno?
Ecco, io se va bene ne prendo un tubetto una volta all'anno per qualche pazza ricetta.
Vi sembra necessario spendere mille euro di robot per farci 40 grammi di latte condensato?



KINDER PINGUI' E KINDER FETTA AL LATTE
Il senso di fare le torte fatte in casa è proprio quello di evitare prodotti industriali, eccessiva panna, calorie, burro e ostruzioni delle arterie.
Non so, fare ad esempio una comunissima torta di mele integrale che implica una tempistica velocissima e poche calorie.
Perché per assemblare prodotti industriali e calorie, allora nemmeno ci si sbatte e si comprano direttamente tali prodotti industriali, no?
Invece no, la donna Bimby è fan delle torte trash remake di merendine famose e quindi rifanno pazzamente il Kinder Pinguì, il Kinder Fetta al Latte o i Pan di Stelle.
Anche i Mars.
Fermiamole!

UGUALI EH.

SHARE:
© 2015 Vita su Marte. All rights reserved.