15 giu 2016

Voglia di mare: summer shopping selection

Come ormai sapete, la redazione marziana si colloca nei ridenti paeselli sulle acque balneabili del Lago Maggiore, quindi significa che da giugno a settembre - nello stesso periodo in cui a Milano si incastrano i tacchi nell'asfalto bollente - all'ingresso di casa staziona una borsa da prendere al volo per scendere in spiaggia appena si ha voglia di sgomberare la mente dall'ultimo outfit imbarazzante di Kim Kardashian.
Ciao Milano. Tanto tu ci ricambi il sadismo con i millemila negozi che qui a Luino ci dimentichiamo nei secoli dei secoli amen.
C'è un però: bello il lago, bella la brezza rinfrescante, ma il mare è sempre il mare. E per fortuna il nostro Paese - ripasso di geografia fisica -  è una penisola bagnata su tre lati dal mare. W l'Italiaaaaa.
L'acqua salata asciuga l'adipe infame, ci tiene a galla, ha una temperatura più invitante, è apparentemente infinita. E il naufragar m'è dolce in questo mare. Meduse a parte.
Ecco il mio kit di sopravvivenza per affrontare il momento vacanze al mare 2016.



COSTUMI DA BAGNO
Per ora il mio shopping annuale dedicato ai costumi si è sfogato da H&M per via del prezzo interessantissimo da poratcha quale sono. Ma mi prudono le mani per avere uno dei bikini coi ricami traforati o un intero a righe di Oysho o qualcosa di personalizzato di Surania.

LE ESPADRILLAS
Quelle di Soludos sono le mie preferite perché ci sono un sacco di fantasie, comprese le righe, il maculato, le fette di pizza e i fenicotteri.

QUESTIONE CAPELLI
Il cappello mi dà noia perché o mi fa sudare, o mi vola via. Però aiuta a far ombra in caso di sole a picco sulla capoccia ed è bello da avere. Alternativa per proteggere la cute dalle scottature (voi cattive che avete quintali di capelli non potete capire perché il vostro cuoio non vedrà mai la luce del sole) bandana, foulard o fascia in testa, quella che si estende, quella che è tamarra ma è comoda.
Prodotti del cuore per i capelli by Bumble and Bumble, nello specifico uso della linea Hairdresser's invisible oil l'olio base protettivo e il balsamo. Costano un botto ma si usa poco prodotto, quindi durano e migliorano davvero i capelli.

SPRAY SOLARE
Da un paio d'anni, forse dopo aver constatato il cedimento rugoso di Anna Dello Russo, ho cominciato a mettere un'adeguata protezione superiore al nulla cosmico che mettevo prima quando mi divertivo a fare i test del fototipo sui giornaletti per poi concludere che tanto la crema non la metto perché mi fa sudare. Ora pacchia e manna dal cielo con questi spray che nemmeno si sentono: uso la protezione 30 dell'Angstrom e di Hawaiian Tropic preso da Acqua e Sapone che ha un profumo troppo buono. Funzionano, perché laddove non li metto assumo il colore di Gordon Ramsay quando s'incazza.

ACCESSORI
Occhiali da sole: come ormai sapete, fashion ma sotto ai venti euro perché i boomakers danno al 90% che li perderò.
Braccialetti: c'è chi va in spiaggia bardata di gioielli più della Madonna del Lume, io sinceramente riduco tutto all'essenziale ma mi piace avere al polso un braccialetto che faccia vacanza, come quelli di palline di legno o quelli col cinturino in stoffa come il Nichelino d'amore di PLV.
Non li potrò mai avere, perché fattelo spedire tu un ombrellone dall'Australia che già costa 250 dollari e pagaci pure sopra la dogana, ma ho trovato gli ombrelloni più belli del globo: Sunday Supply Co..

LETTURE
Quando mi rilasso in spiaggia alterno momenti in cui finalmente mi dedico alle letture serie di libri seri che da tempo ho preso e non son riuscita ad andare oltre al secondo capitolo per motivi logistici e cellule neuronali in comune con un bradipo (adesso è il turno di ), a momenti di letture biondissime tipo i libri di Lucy Holliday, Una serata con Audrey e Una serata con Marylin. Ok, non parlatemi più. Ah, poi non so voi ma io sono anche colta anche dal momento voglio sentirmi un genio con la Settimana Enigmistica.



SHARE:
© 2015 Vita su Marte. All rights reserved.