25 ott 2016

Trend che non mi avranno mai: la gonna asimmetrica

Allora veramente, ditemelo che non potrò mai avere pace.
Ho appena preso coscienza del fatto che dovevo necessariamente avere una gonna con le pieghe e l'ho comprata, sto pure riflettendo sulle gonne aderenti in maglia sebbene sappia che potrei sembrare la sorella povera e cicciona di Kim Kardashian o Nadia Rinaldi nel suo pieno fulgore e mo' spunta questa orribile mania delle gonne asimmetriche che la mia banda suona il rock PER FAVORE NO.


Non sono nemmeno arrivata al concetto di autocensura che coinvolge ogni gonna decisamente al di sopra del mio ginocchio causa manifesti coscioni suini, il problema si pone prima, in tutta quella sua asimmetricità che la Vergine non può accettare.
Così come non ce la faccio con il pantafuseaux tirato su in una gamba sì e in una no come fanno i ballerini di Amici, le pettinature mezze rasate e mezze chioma di Cocciante, la zazzera di Andrea Lucchetta, gli abiti da sposa lunghi dietro e corti davanti, gli occhiali di Ernst Knam, il mono orecchino alla Gemma Galgani.
Niente, sembra che lo street style si stia popolando di queste gonnelline, di tutte le lunghezze e fogge ma con un'inspiegabile preferenza per un modello in finta pelle verniciata di nero con tanto di drappeggio e anello che manco Pretty Woman nelle serate lavorative. Eddai.









Tutta colpa di Isabel Marant

E della copia umile by Mango

SHARE:
© 2015 Vita su Marte. All rights reserved.