16 nov 2016

Ossessione casa: lo specchio tondo

Sono ufficialmente alla ricerca di un esorcista.
Qualcuno che possa placare le mie manie ossessivo compulsive che Renzi chiamerebbe con "l'economia che gira, la creatività della nostra nazione, l'Italia che funziona".
Perché sono sicura che direbbe così davanti alla mia voglia di imbiancare pareti, comprare vasi prodotti nella Germania Ovest prima della caduta del muro, contenitori Ikea, tazze e piattini di porcellana, candele, sgabelli anni sessanta, lampade di design.
Adesso è il turno dello specchio rotondo.



Ed è ancora una volta colpa di Pinterest.
Tutto nacque con una foto di un corridoio con specchio tondo con la cornice sottile + mensolina svuotatasche o porta inutilità, bellissima, cuore dilaniato, devo riprodurre la stessa cosa nel mio ingresso, domani vado dal falegname e gli faccio fare la stessa mensolina, devo cercare uno specchio rotondo, ciao.
Poi mi dimentico di questa esigenza vitale perché dovevo riordinare l'armadio guardaroba della camera da letto e spostare alcuni vasi dallo studio al comò della camera da letto.
Spostare gli oggetti da decorazione, Renzi direbbe che "è una cosa vitale per organizzare il proprio futuro", no?
Quand'ecco che realizzo il vuoto cosmico della parete sopra il comò: ci starebbe benissimo uno specchio rotondo.
Un altro?! Lascio o raddoppio? In corridoio o in camera da letto?
Con la cornice in legno o color oro?
Vintage (che mi piacerebbe di più) o nuovo (che vintage non lo trovo e io lo voglio subito)?
Potrebbe piacermi questo di Maisons du Monde (che hanno chiamato Grazzia con due Z), però è ramato e non oro.
Penso che Renzi direbbe che "il cambiamento è una conquista, il cambiamento siamo noi, il coraggio dev'essere più forte della comodità", quindi eventualmente lo compro lo dipingo del colore che voglio.
Grazie Matte', ho risparmiato sull'esorcista.








Questa è la foto incriminata! Specchio + mensolina folgoranti!





SHARE:
© 2015 Vita su Marte. All rights reserved.