21 nov 2016

Scappa di casa e si lamenta della foto segnaletica di #ChilhaVisto

Venerdì scorso abbiamo parlato di fotografie con la nostra autodenuncia sociale di quanto non ce la possiamo fare con la vita Pinterest.
Perciò oggi tutta la nostra solidarietà non può che andare a quella povera ragazza che decide di sparire e si ritrova in onda in prima serata sulla Rai con una foto di merda, tanto che giustamente ricompare per lamentarsene.
(La notizia è assolutamente vera e la potete verificare sul sito de Il Giornale).


Vi ricordate quando vi dicevo che uno dei dieci comandamenti della vita very consiste nell'avere tassativamente una foto bella sui documenti? E perciò vi invitavo a perdere volontariamente la carta d'identità e il passaporto nel falò di Sant'Antonio qualora essa virasse al livello disagio?
E vi ricordate quando vi dicevo che l'unico testamento che dovete lasciare è la foto da mettere sulla tomba?
Ecco, vedete?
Questo dimostra quanto una foto brutta possa fare crollare ogni intento assolutista di scomparire dalla vita e far perdere le proprie tracce di sè: a nulla varranno gli accorati appelli dei famigliari, inutili saranno i disperati messaggi degli amici, su tutto vince la foto da cessa.
La redazione di Chi l'ha Visto? prenda nota della tattica psicologica con la quale affrontare la sparizione dei minori e chieda sempre le foto peggiori per aumentare le probabilità di risoluzione dei casi.

Ora aprite la vostra carta d'identità, aprite i vostri album delle vacanze, sfogliate le foto della cartella recente e se sentite la voce di Federica Sciarelli che dice c'è molta preoccupazione (per come cacchio venite in foto) cancellate tutto. Tutto.
E solo dopo potete decidere di sparire in pace.
Amen.

La tipa a destra non dovrebbe bruciare il suo documento con la foto a sinistra?

Queste sono le regole per le foto sui passaporti, dove ci sarebbe molto da dire
sia sul good che sull'accettable della vecchia casper

E poi non ho mai capito perché non si può sorridere, perché?!



SHARE:
© 2015 Vita su Marte. All rights reserved.