07 dic 2016

L'Alsazia, Colmar e i mercatini di Natale

Come tutti, per anni ho sentito nominare la famigerata Alsazia-Lorena sui banchi di scuola immaginandomela una regione dalle mirabolanti beltà dove piovevano sablé al cioccolato dal cielo e fioccavano baguette al formaggio in inverno.
Sennò non si spiegava il perché di tutta questa contesa bellica che la faceva finire additata di causa di qualsiasi conflitto mondiale.
Dire "volevano l'Alsazia e la Lorena" salvava sempre in corner nelle lezioni di storia come del resto le barbabietole da zucchero in geografia.
Mi sono così recata in Alsazia, a Colmar, aspettandomi grandi gioie da questa terra tanto contesa e non sono stata delusa.





Eccovi tutte le info utili:

★ Colmar è evidentemente uno dei paesini più belli d'Europa con le sue casette di legno dalle pareti colorate conosciute come colombages, le stradine strette, i canali come a Venezia, i mercatini di Natale e le pasticcerie a bordo strada dove sfornano ogni giorni cose piene di burro e zucchero.
A Colmar ci potrebbe girare un fantasy o una fiaba francese di natale zuccherosa dello scorso secolo.
Se avevate dubbi in merito, ve li tolgo tutti io: è un posto meraviglioso reso ancora più incantevole dai mercatini di Natale che iniziano a fine novembre.



★I mercatini sono in 5 aree della cittadina all'interno del centro storico e sono nelle classiche casettine di legno.
Trovate qualsiasi cosa: vino caldo, cibo, spezie, oggettistica di Natale artigianale, balocchi e altre meraviglie.
Nello specifico vi segnalo: una bancarella nell'aerea 4 che vendeva centinaia di tagli biscotti di qualsiasi forma pensabile da mente umana tra cui tutte le foglie autunnali e i fiocchi di neve più Pinterest del mondo, una casetta nell'area 1 che vendeva mattarelli artigianali intagliati per stampare i biscotti di tutte le misure e fantasie, casetta provviste di ogni tè natalizio pensabile e oggettistica per la casa pregevole come cosine nordiche minimal in rame e lampadine incandescenti artigianali vintage.



★Oltre ai mercatini, vi consiglio di cercate la zona della Petite Venise dove le colombages si affacciano proprio su piccoli canali.
Invece nel Tanner's district troverete le case a graticcio del 17° secolo dove vivevano i conciatori di pelli.
In centro si trova poi la Collegiata di San Martino, la chiesa gotica più famosa di tutta l'Alsazia.


★ Veniamo alle cose importanti: cosa mangiare.
Tarte Flambée una specie di pizza con il formaggio, la panna acida, la cipolla e la pancetta.
Choucroute alsacienne crauti aromatizzati alle bacche di ginepro con la salsiccia.
Bretzel gratinati li gratinano in forno come il croque-monsieur. Pazzi ❤
Backeoffe stufato di carne e patate.
Foie gras l'Alsazia è la patria del fegato grasso.
Qualsiasi cosa esca da una pâtisserie vi consiglio un giro al Mercato Coperto per impazzire.

Posti segnalati: il Mercato Coperto, La sorbetière d’Isabelle per i sorbetti particolari come pesca e lavanda o violetta, Bagelstein dove trovare centinaia di bagel e la brasserie Des Tanneurs super bella anche da fuori.



SHARE:
© 2013-17 Vita su Marte. All rights reserved.