30 giu 2016

Cose serie: i più boni degli Europei 2016

Di un torneo di calcio contano due cose: chi vince e i boni che giocano.
In mezzo poi ci sono tutte le menate mentali in cui nuotano a stile libero i maschi: arbitraggi, punti, polemiche, schemi, fossi io al posto di Conte e tutte le altre cose noiose con cui si dilettano al mattino al bar fingendosi allenatori e massimi esperti.
Di solito si auto-supportano nelle loro teorie sostenendo di aver sfiorato per un pelo un posto nella primavera dell'Inter, mancato solo per un problema al ginocchio.
Bene, noi siamo qui per cose ben più serie: i boni che corrono tutti i giorni in quel bel campo verde.
Sentitevi libere di partecipare a tale lista nei commenti qui sotto.

Premesse:

★Non ci sarà Cristiano Ronaldo in questa lista e i motivi sono semplici: non siamo su Studio Aperto, le spalle spioventi non piacciono a nessuna e gli orecchini di brillanti non si perdonano.

★ Marchisio non c'è, facciamocene una ragione.

★ Mi spiace, ma Pellè è troppo tamarro persino per me e per un trono di Uomini e Donne. 
Vi capisco, ma non condivido.

Gunnarson


L'Islanda, nazione del mio cuore per la natura e i paesaggi, ora lo è anche per il numero impressionante di boni che militano nella nazionale.
Non ricordo nessun nome, ma finiscono tutti per SON.
Lui è il numero 17, è bello, rude, tatuato e probabilmente ci farei quattro bambini.
SHARE:

Pizza di mele, cipolle caramellate e brie

Ho sperimentato un altro impasto fatto in casa: leggero perché ha solo qualche cucchiaio di olio e veloce perché non contiene lievito.
Tale preziosità meritava una degna ricopertura che fosse adatta per un aperitivo in giardino con gli amici che accompagnasse un buon calice di vino bianco e qualche doveroso pettegolezzo.


SHARE:

29 giu 2016

Francescani con stile: i sandali con le corde


Sono giorni che le fashion blogger internazionali che contano girano come delle vere francescane con i sandali in corda ai piedi giurando di donare le loro Chanel ai poveri.
Il trend ciabattazze 2016 parla chiaro: ci vogliono i sandali in corda da vacanza fricchettona in Portogallo col bongo o, appunto, da Francescana in ritiro spirituale ad Ortisei, vedete un po' voi.
Le più folli hanno comprato i Lou di Isabel Marant, ben 420 bombe per quattro corde che al Brico vi vendono per 5 euro insieme ad un set di brugole, ma si può scegliere la vita e ricorrere a queste due valide soluzione: Pull & Bear che con 29 euro passa la paura o fare i fricchettoni fino in fondo e comprare proprio quelli di Nomadic fatti a mano.
SHARE:

Picnic d'estate, colazioni sull'erba, scofanate in spiaggia

Sono mesi che ho intenzione di organizzare un picnic in spiaggia con gli amici che abitano in città e sto pensando a come apparecchiare mezza costa per far capire chi comanda qui sul Lago Maggiore.
Sto pensando anche alle mie migliori ricette e a un'attrezzatura degna di tale nome e di tali occasioni perché, visto che da qualche parte in generale nella vita si deve pur mangiare, è bene essere dotati di ogni comfort.




SHARE:

28 giu 2016

Italia: dove fotografare campi di lavanda in fiore

Sovente mi è capitato di rasentare la follia e di pensare che un paesaggio, una piazza o un pavimento potessero stare immensamente bene sul mio Instagram. Seguitemi, ingrati!
Sovente ho pensato di prendere l’auto e di fare una gita fuori porta per fare foto, sia per me, sia da condividere poi sul mio account per elevarlo ad un livello di massima beltade.
Spero che gli instagrammers all’ascolto possano capire e comprendere tale nevrosi senza giudicarmi.
Sono dunque qui oggi a darvi, come per il floating piers, tutte le informazioni che ho reperito online su una delle cose più belle da fotografare: i campi di lavanda.
Non parlo della Provenza - tanto amore per la Francia, ma sarebbe un filino scomoda da fare in giornata - ma dei campi di lavanda presenti nel Nord Italia.
E questo è il momento giusto per andarci.
I migliori campi di lavanda in Italia sono in provincia di Cuneo e di Alessandria.

SHARE:

Trend Moda: l'avete comprata una borsa a secchiello?

C'era una volta il tempo in cui per lavoro ero costretta a parlare un po' di inglese e lo sapevo decisamente meglio di adesso. E' tutta colpa di google translate, decisamente rapido e comodo per vive una vita di disagiata impazienza e si merita di precipitare al livello io speriamo che me la cavo.
Dopo cose tipo guardare Gossip Girl in lingua originale (ovviamente sottotitolato!), il mio massimo impegno si direziona nel sapere sempre come si chiamano in inglese le tendenze moda - capirari lo sforzo, eh - e oggi siamo in zona bucket bag.


SHARE:

27 giu 2016

Crostata integrale di farro con pesche e amaretti


300gr farina integrale di farro
200gr burro freddo a cubetti ( possibilmente di centrifuga, ad esempio quello Danese o Bretone)
100gr zucchero semolato
½ cucchiaino di sale
4 cucchiai di marmellata a piacere ( io ne ho usata una di agrumi e zenzero)
4/5 pesche varietà tabacchiera o saturnina
20 grammi di zucchero
90 grammi di amaretti sbriciolati

Le pesche saturnine o tabacchiera sono le mie preferite per consistenza e per sapore.
SHARE:

Extra Vacanze: il disagio delle foto ricordo

Nell'affrontare questa tematica delle foto del disagio stavo quasi per essere aggredita dal morbo della vecchia in attesa all'ufficio postale, quella che intona senza sosta e senza neuroni quanto si stava meglio quando si stava peggio.


SHARE:

26 giu 2016

Happy Sunday


da Un'ottima annata, 2006
«Se qualcuno chiama non dire che sono in vacanza: è peggio che essere morto».
SHARE:

24 giu 2016

Statement buckle: il trend della cintura con fibbia di Lorenzo Lamas

Capisci di essere vecchia quando hai memoria storica di almeno due ondate storiche di moda che hanno avuto per protagonista un accessorio.
Io ad esempio di questa cintura con fibbia ho due precisi ricordi: gli anni 80 e i primissimi 2000 dove per un breve periodo tornò di moda.
Datemi la pensione che mi spetta, per Diana!
Questa cintura indefinibile sta infestando molti siti di street style stranieri da qualche mese con il nome di statement buckle, ma io, avvezza a tali definizioni e dall'altro dei miei alti riferimenti culturali, ho deciso di ribattezzare "la cintura di Lorenzo Lamas in Renegade".
È bella zarra e ridondante, ma in versione sottile su un look minimal non la trovo malaccio e sicuramente in questa azzardata considerazione sono influenzata dalle solite foto di fighe atomiche che trovo su Pinterest, ma voi fate finta di nulla.
Se volete sfidare le prigioni del regno e l'ansia immane da dogana internazionale di Malpensa, trovate una buona collezione di queste cinture Lorenzo Lamas qui.

 
SHARE:

Impariamo dalle campagne pubblicitarie - Moda 2016

Taglio scalato live from Tamarreide
SHARE:

23 giu 2016

Novità beauty da sapere

Risulta difficile registrare ed assimilare tutte le collezioni moda che escono: fall, spring, resort, cruise e dio solo sa che altro.
Anche con il beauty non scherzano e ad ogni soffio di vento esce una nuova capsule collection che se dovessi guardarle tutte probabilmente impazzirei come una Youtuber ed inizierei a pensare che metterei un rossetto blu possa essere una buona idea.
Vi lascio però una serie di news rapide sulle varie collezioni, come se fossimo sul Televideo negli anni 90, che raccolto in queste settimane scandagliando il web.
Praticamente ho fatto i compiti per voi e vi ho preparato il riassunto:

★Tra le collezioni primaverili ed estive più belle mi pare giusto segnalarvi la Flamingo Park di Mac tutta dedicata ai fenicotteri e al rosa. Evviva!

SHARE:

Dolci durante la dieta: crema spalmabile al cioccolato light

Oggi condivido con voi tutta la commovente gioia di poter spalmare sul pane qualcosa di marrone senza avere sensi di colpa. O quasi, visto che parto sempre col buon proposito di realizzare un dolce light per poi ingollarmene fieramente almeno due etti e vanificare tutto.
Questa crema è fatta con i fagioli frullati, dolcificati con lo sciroppo d'acero e le prugne secche (o i datteri), allungati dal latte vegetale (consiglio quelli dolci di soia o di mandorle) e resi gustosi dal cacao e dalla farina di nocciole.
I fagioli possiamo prenderli secchi e cuocerli in casa, senza l'aggiunta di verdure o sale nell'acqua di cottura. Oppure prenderli già cotti in lattina, magari scegliendo un prodotto biologico al naturale, quindi certamente privo di sale. Io ho usato i la qualità azuki, ovvero quelli rossi che i giapponesi utilizzano per fare i loro dolci.


CREMA SPALMABILE AL CIOCCOLATO

250g di fagioli già cotti
100g di latte vegetale a scelta (soia, mandorle, ecc.)
50g di sciroppo d'acero
30g di farina di nocciole
20g di cacao biologico
5 prugne secche o datteri medjoul

Frullare tutti gli ingredienti fino a ottenere una crema. (Difficile, eh?)
Assaggiare e regolare a proprio piacimento:
-  il gusto: aggiungere sciroppo d'acero o prugne o datteri per avere una crema più dolce;
- la consistenza: aggiungere latte vegetale se serve farla più morbida o farina di nocciole se serve farla più soda.

Si conserva per una settimana in un barattolo di vetro col tappo ben chiuso.


Per curiosità, metto a confronto i valori nutrizionali di 100g di questa crema al cioccolato rispetto a 100g di Nutella:
Calorie: 172 - 546
Grassi: 4,5g (di cui saturi 0,6g) - 31,6g (di cui saturi 11g)
Carboidrati: 27,1g (di cui zuccheri 11,2g) - 57,6g (di cui zuccheri 56,8g)
Proteine: 6,1g - 6g

Quindi anche se ne mangiamo due etti possiamo star tranquilli...

SHARE:

22 giu 2016

PINK IS GOOD E LA CORSA SOLIDALE

Il mio calvario con l’attività fisica iniziò molto presto, sin da bambina, quando nessuno mi sceglieva in squadra per giocare a pallavolo e rimanevo sempre l’ultima ad esser scelta perché dotata di un’imbarazzante agilità assimilabile a quella di una foca monaca incinta.
Insomma, avevano tutte le ragioni per discriminarmi in quel modo, lo avrei fatto anch’io fossi stata nel gruppo di quelli agili e veloci.
Sono stati gli anni delle prime consapevolezze ed amare delusioni come comprendere che giammai sarei diventata, come la mini-me di sette anni pensava, la prima ballerina del Bolshoi.
La situazione poi peggiorò durante il liceo e, di fronte ad anelli, corpo libero e atletica leggera ho alzato le mani e accusato qualsiasi genere di malore o malanno per evitare la pubblica derisione e peggiorare la mia condizione di adolescente disagiata.
Da lì ho capito che era meglio limitarsi alla camminata e al nuoto visto che l'acqua è l'unico habitat che mi dona un'inspiegabile e minima coordinazione motoria.
Perché sono quindi qui ora a parlarvi di corsa e sport?
Io, regina del mattarello e amante del #teampastasciutta?
Per un motivo che è il caso che ascoltiate tutte con estrema attenzione come quando vi parlo delle nuove uscite di Zara o di mascara allunganti dalla mirabolanti proprietà: Vita su Marte sosterrà Pink is Good.
Pink is Good è un progetto di Fondazione Veronesi che ha una missione nobile e giusta che tutte noi donne dovremmo sostenere: combattere definitivamente il tumore al seno e tutti gli altri tumori femminili sostenendo la ricerca e la prevenzione.

SHARE:

Gemma Galgani fashion blogger, Giorgio Manetti maestro di seduzione e la morte del gatto Piripicchio

Venne il giorno più bello della mia vita, quello in cui decisi di seguire su Instagram Gemma di Uomini e Donne.
Avevo aspettative: volevo curiosare nelle foto del suo quotidiano ora che la trasmissione è sospesa, io sono già in crisi d'astinenza e lei si starà vivendo la vita da single nella sua Torino.
Torino, capoluogo del Piemonte (w l'Italiaaaaa) in cui scorrono le acque del Po, il fiume in cui ho pensato che prima o poi si sarebbe gettata la nostra Gemma in preda al culmine dello psicodramma voi non rispettate i miei sentimenti puri e le mie emozioni vere. E invece no.


SHARE:

21 giu 2016

The Floating Piers: guida di sopravvivenza

Malgrado abbia passato l’infanzia sul lago saltellando sulle piattaforme delle barche, nei prossimi giorni ho in programma un giro sul Lago d’Iseo in barba a tutte le opposizioni snob-radical chic che ho letto sul web.
Ho scandagliato la rete alla ricerca della via più facile e che comportasse il minor sbattimento per raggiungere l’installazione di Christo di cui vi avevo già parlato mesi fa.
Dal 18 giugno al 3 luglio si potrà camminare sui 200 mila cubi di polietilene che uniscono, per 4,5 km, Sulzano con Montisola e poi con l'isola di San Paolo.


Come tutte le installazioni ambientali è fondamentale viverle e quindi l’atto di camminare è essenziale per capire come possa cambiare l’equilibrio, lo spostamento sull’acqua e la sensazione di fluttuare che immagino possa essere un bell'incubo per chi soffre di mal di mare.
Ma come ci si arriva? 
Vi escludo l’opzione bici e camminata a piedi perché quelle mi sono rifiutata anche di leggerle.
I punti di accesso per il Floating Piers  saranno due:
SHARE:

Scarpe moda: il tacco grosso

Sottotitolo: i miei problemi mentali nell'affrontare questo trend.
Lo street style e le fashion icon from allovertheworld lo hanno stabilito già da capodanno: dobbiamo metterci il tacco grosso e se vogliamo sentirci più fighe e international lo dobbiamo pure chiamare block heel.
Detto questo, passo subito alla domanda come si abbina il tacco grosso a un paio di polpacci suini? E ho paura della risposta immaginandomi un risultato terribile.
Va da sè che per questa ragione ho sempre preferito il tacco sottile, lo indosso con leggiadra convinzione salvo poi ritrovarmi incastonata a più riprese nei sampietrini e nei tombini di mezza città. Il tacco grosso è indubbiamente più comodo, stabile e pratico.
Inoltre slancia sempre di più di una ballerina, di una slip-on o di un paio di Stan Smith. Quindi? Potrei affrontare spavalda l'idea di uscire di casa con una zampa monoblocco. Il trucco è sempre quello di non guardarsi mai allo specchio.

SHARE:

20 giu 2016

Cornetti salati di pan brioche al parmigiano ed erbe aromatiche


Questi cornetti sono perfetti sia per chi ama la colazione salata, sia, in versione più piccolina, per aperitivo.
A voi la scelta.
Sono molto facili da fare, a prova di bionda in cucina.
SHARE:

Extra Food: ingredienti vomitevoli che mangiamo senza saperlo

Chiamatelo momento consapevolezza, chiamatelo momento skifiltor, chiamatelo un po' come volete ma dopo la puntata Extra Beauty sulle ghiandole anali nei profumi di Chanel oggi è il turno dell'Extra Food.
E tutto parte proprio da queste benedette ghiandole anali di castoro, a quanto pare una preziosità immane per l'universo parfumeur e gourmet. Pensavamo solo di annusarle? Ci sbagliavamo. Perché probabilmente ce le siamo pure mangiate.


SHARE:

19 giu 2016

Happy Sunday


da Quella sera dorata, 2009
«- Tu hai solo paura che se resti cambierai idea!
- Io ho solo paura che se resto diventerò pazza!».
SHARE:

17 giu 2016

Le espadrillas più belle del mondo sono rosa e sono di Manebì


La smania di volere una cosa perché è rosa dovrebbe passare in quarta elementare probabilmente, ma continuo ad amare serenamente i supereroi e gli unicorni e non capisco perché non possa anche smaniare in santa pace per del rosa baby.
Voglio dire, i maschi a trent'anni corrono ancora appresso ad un pallone, perché noi non possiamo desiderare ancora delle scarpe rosa come nel 1989?
Cercavo così delle espadrillas per quest'estate e sono caduta nell'instagram di Manebì e ho visto le espadrillas rosa coi lacci più belle della Galassia entrando in stato di momentanea trance da cui credo di non essermi ancora ripresa.
Sono meravigliose anche bianche e sento il bisogno di averle per poter affrontare serenamente questi tre mesi estivi.
SHARE:

Extra Gossip: sono tutte finte

Come direbbe Giorgiamaura: nella vita ho un sogno e lo voglio sognare, ho un obiettivo e lo voglio obiettare, ho uno scopo... e lo voglio raggiungere.
Quasi quasi voglio diventare Gigi D'Alessio.
Perché se Chiara Biasi si sta tramutando in Michael Jackson sento anche io di avere il diritto di assomigliare a un cantante.

SHARE:

16 giu 2016

Cinque cose per sopravvivere all'estate e al caldo


Come fanno le persone ad essere belle col caldo?
Come fanno le turiste americane di Pinterest ad essere carine mentre girano in un'assolata Santorini?
Solo io sono sempre sfranta, con la pelle lucida e i capelli crespi?
Lo so, oggi diluvia, ma io mi porto avanti e inizio a pensare alle cose essenziali che mi servono per sopravvivere al caldo e sembrare una persona umana.
SHARE:

Cucina tipica: la ricetta delle melanzane 'mbuttunate e lo stile del Cilento

La scorsa settimana, per l'immensa gioia delle mie avide papille gustative, ho fatto un tour nel meraviglioso Cilento, patria della dieta mediterranea, dello stile di vita tranquillo, del mare, dei monti, della rigogliosa natura e dei tramonti mozzafiato. W L'ITALIAAAAA.
Per alimentare un solocosebelle di memoria gerriscottiana, per scoprire chi di voi ha la fortuna di abitarci e per condividere generosamente tutto ciò che ho assaggiato (a voi la foto a me le calorie), diffondevo scatti su Instagram e sui vari social.
Belli i tramonti, bello il mare, belle le piante ma la standing ovation è arrivata per il vassoio di melanzane ripiene, fritte e passate nel sugo. Ma chissà come mai.


SHARE:

15 giu 2016

Trend: avocado e ananas su magliette e gonne

Uno dei miei momenti moda preferiti è stato quando Dolce & Gabbana ha presentato quei bellissimi vestiti anni 50 con stampate le melanzane e quando Stella McCartney fece la stessa cosa coi limoni.
Che pazzia, ma che bellezza quelle melanzane.
Forse perché mi ricordavano la parmigiana e i panini col sesamo che fanno in Sicilia per merenda, ma l'idea di sembrare una casalinga chic di Sorrento che friggeva tutto il giorno mi piaceva tantissimo.
Credo non ci possa essere cosa più bella.
Poi abbiamo avuto le palme, la giungla e le foglie in genere.
Foliage ovunque: pantaloni, costumi, canotte, cover, gonne e pure i calzini, praticamente eravamo mimetizzate come Rambo in Vietnam per un mood giovane inglese colonialista in vacanza nel Laos.
Quest'anno invece è d'uopo indossare la frutta moda preferita da tutte le fashion blogger di instagram: avocado, ananas - o ananasso se vogliamo sentirci Fiammetta Fadda - e banane semi sbucciate.
Non chiedetemi il significato o il senso di questa scelta iconografica, so tradurre Senofonte ma non sono in grado di comprendere le contorte ragioni e spinte motivazionali che si celano dietro al perverso meccanismo della moda.
Però converrete con me che ananas e avocado sono molto carini, voglio dire magari nel 2018 andranno di moda i rapanelli, non lamentiamoci.

SHARE:

Voglia di mare: summer shopping selection

Come ormai sapete, la redazione marziana si colloca nei ridenti paeselli sulle acque balneabili del Lago Maggiore, quindi significa che da giugno a settembre - nello stesso periodo in cui a Milano si incastrano i tacchi nell'asfalto bollente - all'ingresso di casa staziona una borsa da prendere al volo per scendere in spiaggia appena si ha voglia di sgomberare la mente dall'ultimo outfit imbarazzante di Kim Kardashian.
Ciao Milano. Tanto tu ci ricambi il sadismo con i millemila negozi che qui a Luino ci dimentichiamo nei secoli dei secoli amen.
C'è un però: bello il lago, bella la brezza rinfrescante, ma il mare è sempre il mare. E per fortuna il nostro Paese - ripasso di geografia fisica -  è una penisola bagnata su tre lati dal mare. W l'Italiaaaaa.
L'acqua salata asciuga l'adipe infame, ci tiene a galla, ha una temperatura più invitante, è apparentemente infinita. E il naufragar m'è dolce in questo mare. Meduse a parte.
Ecco il mio kit di sopravvivenza per affrontare il momento vacanze al mare 2016.


SHARE:

14 giu 2016

Il pazzo mondo beauty americano

L'altro giorno guardavo il video di una Youtuber in cui si chiedeva come mai noi donne italiane siamo poco aperte alla sperimentazione nel make-up rispetto agli americani.
In particolare i prodotti incriminati erano: rossetto di colori allucinanti tipo verde prato o blu elettrico, illuminanti arcobaleno, illuminanti viola o mascara arancioni.
Le americane bramavano la sperimentazione con l'illuminante dei minipony, noi italiane invece, stando al discorso sentito su Youtube, siamo retrograde che usano solo la Naked e il mascara.
Ti chiedi anche il perché, amica?
Semplice, perché forse siamo dotati di una roba che si chiama buon gusto che manifestiamo al mondo evitando di cibarci di mac and cheese fritto nello strutto o di Oreo in pastella avvolti nel bacon.
Ora, consapevole che ben presto tali nefandezze troveranno spazio nella nicchia del mercato zarro italiano, vi lascio tutte le novità del pazzo mondo beauty americano dove si evince chiaramente che il limite tra Carnevale e trucco da tutti i giorni è stato ben oltrepassato.


SHARE:

Bake Off Italia 4: anticipazioni e nuovo giudice

Sabato scorso abbiamo aperto le finestre e abbiamo capito che stavamo per vivere l'ennesimo weekend lombardo di meteo incerto e uggioso a base di ombrello, giubbino jeans e capello crespo.
Potevamo restare a casa a fare i voodoo con gli spilli al nostro bambolino Giuliacci o andare a fare colazione con Ernst Knam sul nuovo set di Bake Off Italia.
Bravi avete indovinato, siamo andate a mangiare.


SHARE:

13 giu 2016

Biscotti all'avocado veloci e gustosi


In uno slancio da fashion blogger americana, ho comprato un avocado per farci un banale avocado toast o un'insalata col salmone per capire cosa si provasse a mangiare questi benedetti avocado toast che infestano l'instagram, ma poi all'ultimo ho cambiato idea e ci ho fatto dei biscotti.
Così, a sentimento, senza alcuna ricetta, praticamente un kamikaze.
Ho fatto quei biscotti tipo american cookies, grandi e ruvidi, che danno grandi soddisfazioni perché si lancia l'impasto sulla teglia pensando alla propria peggior nemica e poi si mangiano.
Sono senza burro e senza uova.

Occorre
1 avocado maturo ( circa 180 grammi)
200 grammi di farina
2 cucchiaini di lievito
Scorza di un limone
Succo di mezzo limone
Vaniglia in bacche o estratto
100 grammi di zucchero

Per decorare
Zucchero in granella
Zucchero a velo


SHARE:

Caro Diario Marziano: Gloria e Rossana tornano in spiaggia

Se il beneamato Giuliacci ci fa la grazia di rendere il meteo stabile sul discorso primavera-estate, presto torneremo ad affollare le spiagge del Lago Maggiore insieme.
Dovete sapere che la cosa è di interesse nazionale poiché è proprio in una di questa spiagge che nel settembre 2013 è stato concepito Vita su Marte: praticamente un parto acquatico da due lesbo mamme, eravamo avanti.

Le spiagge qui non sono attrezzate, è tutta natura allo stato puro ad eccezione di due o tre posti nei quali è possibile ristorarsi dal sole, bere qualcosa di dissetante on the beach e mangiare un gelato perché tanto le prove costume hanno dichiarato fallimento dall'asilo.


SHARE:

12 giu 2016

Happy Sunday


da Qualcuno volò sul nido del cuculo, 1975
«Ha mai sentito il detto: chi non sta fermo non pianta radici?».
SHARE:

10 giu 2016

Lazzari estate 2016: fenicotteri, cactus e dinosauri sui costumi

La prima cosa che ho visto della collezione Lazzari per l'estate è stata una ragazza che rideva brandendo un fenicottero rosa.
Questo mi è bastato per capire che mi sarebbe piaciuto tutto in modo imbarazzante.
Può esserci qualcosa di brutto dove c'è un fenicottero rosa?
No, e infatti in questa collezione di Lazzari è tutto meraviglioso come sempre.
Le foto sembrano scattate sul tetto assolato della casa al mare in Liguria dove passavamo le nostre estati da ragazzine ed è tutto nel perfetto mood pastello-vintage-Sofia Coppola-Wes Anderson che è Lazzari.
Tantissime e diverse le stampe: dalla frutta ai cigni delicati fino ai dinosauri, passando per i cactus fino alle banane e tutti sui costumi.
Roba che farebbe impallidere una zarra in un bikini flou frangiato a Formentera, ma io adoro tutto e, in barba all'età e al buon senso, andrei in piscina con un costume intero con sopra le banane sbucciate, bianca come Laura Palmer post ritrovamento e con in testa una cuffia di gomma rosa vintage.


SHARE:

Scarica gratis gli sfondi marziani per il tuo telefono

So quanto siano attesi e invocati questi tipi di post nei quali a parlare sono i fatti, ovvero i nuovi sfondi per uno smartphone e un mondo marziano migliore.
Questa volta la collezione si arricchisce con il pacato istinto animalesco del lunedì, la manifestazione del vero amore, un obbligato tributo ai gattiny imperatori del mondo, qualche dubbio sul fatto che nella vita non sia mai troppo tardi e per la serie fare poesia della propria poratcheria abbiamo una parafrasi di Ligabue dedicata a tutti coloro che non possono vedere X-Factor e Masterchef (è un po' autobiografica, ecco).


SHARE:

09 giu 2016

Bloomingville: stile nordico con oro e velluto per un arredo bipolare

Per un bipolarismo sempre marcato e presente, confesso che amo lo stile nordico e minimal con inseriti, qua e là, dei pezzi di arredamento dalla notevole spinta sobria.
Ad esempio: ananas dorati, cuscini in velluto decadenti, cose rosa, qualche stampa discutibile con i dinosauri, cose pelose, cose pelose rosa, quadretti e mobilio oro.
Non so come si chiami questo stile, forse una lifestyle blogger che scrive per Vanity Fair potrebbe darvi una mirabolante definizione in inglese di tale arredo, ma invero io non lo so definire se non con "nordico bipolare".
Direi che possiamo farcelo andare bene.
Tutte queste meraviglie le ho scovate per caso, mentre "rincorrevo" un ananas dorato su Instagram, e arrivano da Bloomingville che è diventato il mio ultimo posto preferito dopo il panettiere.
Ditemi se tutto questo non è meraviglioso.
Hanno anche le poltrone rosa!

SHARE:

Vellutata di primavera

In uno dei miei momenti di ipnosi su Instagram ho visto la foto di un piatto molto simile a questo che vedete qui: zuppetta verde decorata con uova sode. Ho pensato subito che fosse una buona idea fare un piatto a base di verdura con il rinforzo proteico delle uova. La didascalia era in una lingua tipo il bratislavo o il kosovaro, quindi non ci ho nemmeno provato a capire gli ingredienti, avevo visto il verde e tanto mi bastava.
Perciò ho preso un po' di verdura dal frigo ed è nato questo piatto sano e saporito che, accompagnato da qualche crostino, è ottima idea per una cena leggera e bilanciata.

(quella dentro al cucchiaio sono io, che impedita)

SHARE:

08 giu 2016

High Neck Bikini: ovvero che costumi vanno di moda nel 2016

Quando leggo "moda mare" mi viene da ridere.
Noi donne dobbiamo zompettare in spiaggia in mutande, spesso striminzite, mostrando tutti i nostri difetti al mondo maschile che invece se ne stanno tranquilli con dei pantaloncini ampi e lunghi belli comodi.
Non vi pare follia?
Non era più civile nel 1800 quando le donne stavano in spiaggia coperte e soprattutto non erano tenute ad abbronzarsi, come d'uopo che sia, e mantenere uno status nobile?
In tutto questo dobbiamo preoccuparci, ovviamente oltre che gli slip non si spostino, anche della moda mare?
Ebbene sì e, dopo aver fatto più domande retoriche di Cicerone, vi dico che quest'anno la tendenza più cool è quello che la gente della moda chiama high neck bikini o halter neck bikini. 
Ovvero il collo all'americana o per dirla come direi io il costume delle modelle di Sport Illustrated.
Fateci caso, lo hanno tutte e sono tutte super toniche e atletiche, spesso bionde, abbronzante, muscolose e sicuramente agili in sport impossibili tipo il surf.
Praticamente questo costume ve lo vendono con gli addominali incorporati e le onde da spiaggia nei capelli.


SHARE:

Fashion Trend: tutto il mondo è camicia

Uno degli evergreen moda che più mi piace da sempre è l'abito a camicia. Che praticamente ha istituzionalizzato quello che succede in tutti i film quando lei si riveste di fretta indossando una camicia di lui a caso. A me piace lo chemisier classico: toni dell'azzurro, a tinta unita o a righe, con eventuali inserti più femminili come ad esempio un ricamo in pizzo oppure la versione monocromo in blu, nero o bianca o la fantasia tovagliata dei quadretti vichy.
Quest'anno, a veder le passerelle e lo street style, la categoria shirtdress si amplia con modelli lunghi, a maxi righe, larghi, con volant, in denim.


SHARE:

07 giu 2016

Kenzo X H&M e perché non compro mai queste collezioni


Non compro queste collezioni in collaborazione con H&M e per spirito snob, ma per mera e banalissima pigrizia.
La pre-vendita per stampa e blogger è un carnaio, la vendita normale in negozio pure peggio e bisogna dormire in Piazza Duomo e attende le ore in coda con altre donne esaurite come una directioner la sera prima di un concerto, online finisce tutto subito.
La morale è che sono già stanca prima di iniziare e poi, quando ci vado, cosa che di solito faccio in Svizzera dove nessuno si fila queste cose, poi non compro mai una mazza perché " Sì, ok Marni, ma è il solito H&M che se corro faccio scintille" e poso tutto.
Se invece voi avete la forza di uno Spartano alle Termopili sappiate che- ve lo annuncio con notevole anticipo, come farebbero le fashion editor vere che nell'estate 2016 comprano l'autunno 2019- il 3 Novembre 2016  ci sarà il lancio ufficiale della nuova collaborazione di H&M con Kenzo.
Pioveranno tigri, occhi, palme e chissà quali altre meraviglie.

SHARE:

Guida agli acquisti: pensiamo anche all'uomo

Vita su Marte per il sociale: idee regalo e acquisti per uomo perché non è giusto pensarci solo nei pressi di Natale. Poi magari ci hanno montato la mensola nuova o ridipinto una parete per l'ottava volta e allora meritano un pensiero.


SHARE:

06 giu 2016

Risotto alla barbabietola rossa con fonduta di taleggio


Il risotto al barbabietola è un'idea vegetariana ottima per una cena: farete scena con gli adulti, la bambine impazziranno perché avranno un risotto rosa ed è versatile perché è possibile farne un sacco di versioni.
Questa è con una fonduta di taleggio, ma volendo si può anche fare con la fonduta di zola, con dello speck croccante sopra oppure con qualche goccia di pesto di rucola e delle nocciole tostate.
Le combinazioni sono infinite, per questa versione ho usato:

SHARE:

Extra Gossip: case tamarre, pendolari, moda desnuda, Oscar Branzani re dell'universo

Per una settimana migliore, alimentiamo la nostra sezione trash del gossip.

HOTEL DA RECORD
Mentre io son qui a pensare che ok dai, cerchiamo un buco in Abruzzo per fare un po' di mare, non importa se il bagno è grande un metro per un metro, mi interessa solo che abbia il wi-fi, a Macao stanno costruendo The 13, l'hotel più grande del mondo poiché è costituito non da camere ma da 200 ville coi bagni termali romani e i pavimenti in marmo retrattili.
Peccato che lo stile barocco sia decaduto da un pezzo e ne stia quindi uscendo l'hotel più pacchiano della storia che pare vomito dei cani di Valeria Marini dopo un feroce accoppiamento con quelli di Dolce & Gabbana.


SHARE:

05 giu 2016

Happy Sunday


da The Family Man, 2000
«Le vecchie fiamme sono come le vecchie dichiarazioni dei redditi, le metti in fila nell'armadio per tre anni e poi te ne liberi».
SHARE:

03 giu 2016

A volte ritornano: il body e avvertenze all'uso

Negli anni 90 ci siamo passate tutte.
Nessuna di noi, nata nei primi anni 80 o prima, ne è stata immune.
Parlo del body.
Ce lo mettevamo tutte.
Rigorosamente con i 501 a vita alta, possibilmente lavaggio chiaro, e la frangetta perché somigliare a Brenda Walsh era fondamentale.


SHARE:

W l'Italia, tesori alle porte di Roma: Tivoli, i Castelli Romani e il ristorante Pagnanelli

Sono pazza di Roma. Sono talmente pazza di Roma che ogni volta che mi ci sono trovata non ho mai varcato i confini del Grande Raccordo Anulare (tranne una rapida spiaggiata a Fregene nel lontano 2003) per vedere i dintorni del territorio laziale.
Poi, in una puntata di Forum, sento Barbara Palombelli dire che gli italiani hanno la smania di andare a Sharm el Sheikh e magari non hanno mai visto Tivoli.
Giammai Barbara. W l'Italia e si va a Tivoli.


SHARE:

01 giu 2016

Coprire le buche coi gelati: Jim Bachor


Instagram resta sempre un mondo meraviglioso perché in barba a perfette e sterili colazioni, lunghe gambe distese sul letto e gatti, si scovano sempre degli account dalla mirabile bellezza.
Per la rubrica "Vita su Marte per il sociale. Segnalazioni di un certo spessore" vi comunico che l'altro giorno sono inciampata nel profilo di un artista, probabilmente mentre cercavo gelati glassati dal numero infinito di calorie, che si chiama Jim Bachor.
Cosa fa Jim nella vita?
Finalmente delle "installazioni" degne di nota: copre i tristi buchi delle città - moltissime sue opere sono a Chicago - con mosaici che raffigurano le cose belle della vita: frasi, fiori e gelati.
Non è meraviglioso che finalmente qualcuno ripari le cose invece di farle nuove e lo faccia coi gelati e i fiori?
SHARE:

Made in Italy speciale: i profumi di Gabriella Chieffo

Quando ho scoperto che in Italia esisteva qualcuno che aveva avuto l'idea di fare un profumo di nome Ragù ho capito che c'era una persona in più al mondo da stimare.
Il ragù, signore e signori, quello che mettiamo sull'adorato piatto di pasta fumante per rendere tutto ancora più adorato e godurioso, quello che sa di cose buone fatte in casa in una felice giornata di sole e sorrisi, sicuramente una domenica, quando tutto è più rilassato e perciò ha più odore e sapore.

SHARE:
© 2013-17 Vita su Marte. All rights reserved.