30 gen 2017

Primavera 2017: l'haute couture che non ci metteremo mai

Ci sono cose che mi ridimensionano subito, che mi riportato alla triste realtà quando ho il cervellino che viaggia e fantastica: guardare i profili IG dei super ricconi d'Europa- quelli veri eh, mica i rapper col Porsche- leggere Smeraldi a Colazione di Marta Marzotto, la scalata sociale di Kate Middleton e guardare le foto dell'haute couture parigina.


Collezioni che giammai indosserò perché dubito che farò mai un red carpet per un Oscar, ma che sono di una beltà sconvolgente, in particolare quest'anno dove ci sono state anche un sacco di novità.

Maria Grazia Chiuri per Dior

Leggevo alcune velate critiche al fatto che avesse osato poco, che Dior è sempre stata teatralità a Parigi e che avrebbe potuto osare di più.
Personalmente, dall'alto della mia ignoranza in fatto di alta moda, mi è piaciuto tutto tantissimo, è stato come era da Valentino, ma meglio.
Il messaggio che è passato è stato quello dell'artigianalità, della delicatezza, di realismo femminile e di classicismo.
Mi pare meglio del teatro, no?





Elie Saab
Spesso mi annoia perché mi sembra sempre tutto uguale come le canzoni di Ligabue e penso "Sì dai, ok la solita cosa da Elie Saab".
Quest'anno invece mi è piaciuto molto perché è stata una collezione opulente, carica, quasi decadente.
A tratti ho pensato che si fossero in qualche modo si fossero ispirati ad una ricca araba, regina di un impero petrolifero o ad un ricco esponente del Vaticano che fu.
Parafrasando Chiara Ferragni rapper, con una roba simile, ci si presenta agli Oscar con il mood "Io sono l'imperatrice della Persia e tu chi cazzo sei?".









John Galliano per  Maison Margiela
Galliano deve essere quello che arriva ad una festa per ultimo, a bordo di una limousine oro, ed esordisce con: "Bene, ora potete anche cominciare".
Galliano è come Napoleone che abbandona Dior per finire in esilio da Maison Margiela, ma è pur sempre Galliano, il re del teatro.



Chanel
Per una volta è stato il super classico Chanel, ma solo più rosa e confettoso.
Cuori




Giambattista Valli
Anche qui grandi abiti super femminili che sicuramente verranno scelti per i prossimi Oscar.




SHARE:
© 2013-17 Vita su Marte. All rights reserved.