17 feb 2017

Cose di cui non sentivamo la mancanza: i piumini oversized

Ormai ve lo dico da un anno che dovete iniziare a prepararvi psicologicamente al grande ritorno del piumino.
E intendo proprio il piumino sportivo, quello con le cuciture, bello gonfio, ingombrante, largo e portato aperto.
Il piumino più odiato di tutti.
Nulla a che vedere con qualcosa di classe che potreste trovare da SportMax, no, intendo proprio quelle robe della Nike o della Fila che indossavano a scuola negli anni 80/90 nei momenti di sfiga e di buio dello stile quando nessuno ci voleva al gioco della bottiglia.


Se l'anno scorso era ancora tutto un pochino confuso, quest'anno è proprio lampante e il modello di piumino che più si è visto a New York o in Danimarca durante le sfilate è quello oversized di Vetements o di Balenciaga.
Volumi espansi, maniche fuori misura e imbottiture pesanti da quarterback per un pesante ritorno a primi anni 90.
Insomma, giusto per dare rendere ancora più difficile questo ritorno nefasto.
Tralasciando il mio legittimo dubbio estetico su questo capo, quello che mi chiedo sempre in caso di capi di bruttezza estrema elevati a must have è se, al di fuori di questa sorta di "riserva indiana" fatta di street style, sfilate e foto su instagram, ci possa essere davvero qualcuno altro capace di indossare cose simili nella vita vera senza vergognarsi e senza sentirsi goffo come Majin Bu.
Voglio direi, presentarsi fuori da una sfilata di Wang con un piumino overs sized lucido, delle ciabatte Puma col pelo e i calzettoni bianchi è facile, in quel contesto lo fanno tutti, ma andare vestiti così in farmacia a Luino potrebbe essere meno agile e richiedere be più coraggio.

IL LOOK GIUSTO PER ANDARE A PRENDERE IL PANE IL MATTINO

COSA TERRANNO MAI IN QUELLE MANICHE COSì LUNGHE?



PRATICAMENTE UNA TENDA DELLA DECATHLON CON CUI CAMPEGGIARE







 Pics credit: collagevintage.com, grazia.it, vogue,com
SHARE:
© 2013-17 Vita su Marte. All rights reserved.