1 mar 2017

Ultimi acquisti Beauty

Rendetevi conto che avete a che fare con una personcina capace di concludere un acquisto sul sito di Sephora alle 23.42 mentre si trova in treno sulla linea Milano-Luino, nota alle genti locali per essere una tratta in cui il telefono non prende una beata mazza.
E invece.
Volevo sfruttare uno sconto che scadeva a mezzanotte come la carrozza di Cenerentola e ho innalzato il telefono per tutto il vagone pur di conquistare il risparmio di qualche euro e non trovarmi a mani vuote con una zucca.

Ho deciso di raccontarvi le ultime cose che ho comprato, sempre per quella famosa terapia di gruppo. La condivisione fa bene.


Mamma mia la debolezza che si impossessa di me.
Ho tradito l'eccellente lavamani di Zara (Orange Blossom, da mesi il mio preferito anche per il suo prezzo onesto di € 3,99) con questo sapone liquido alla lavanda inglese di Penhaligon's. Perché? Perché il packaging è bellissimo e sta molto bene sul mio lavabo con la rubinetteria oro vintage. Per ammortizzare le spese di spedizione vuoi non aggiungerci anche un balsamo per labbra?

Non ho mai considerato l'idea che dovessi prendermi cura seriamente delle cuticole (mi limitavo a spingerle indietro con le unghie durante la visione di Un Posto al Sole) fino a che non ho guardato un po' di video su youtube di quelle che si fanno le unghie per bene e hanno le cuticole perfette, forse anche perché le idratano costantemente. Allora ho deciso di investire i millemila nella Crème Abricot di Dior, la scatolina è bellissima e il contenuto fa il suo prezioso dovere già dalle prime applicazioni. Ogni sera quando lo applico penso perplessa che magari l'olio di oliva avrebbe fatto lo stesso effetto, ma devo ammettere che dopo meno di una settimana la pelle intorno alle unghie è perfetta e comunque la crema durerà un sacco, quindi ok, soldi ben spesi. Il Nail Glow sarà il mio prossimo investimento.

L'ho trovato sotto Natale alla Rinascente di Milano nella zona di Urban Outfitters, aroma - decisamente molto natalizio - anguria. Poi ho visto che c'è un assortimento meraviglioso nel sito del produttore che è Mad Beauty. Li vorrei tutti. Costano 3 sterline l'uno e sono così piccoli che non ti spruzzi più di venti volte, però sono bellissimi e profumatissimi.

Da un po' di tempo ero incuriosita da questo balsamo per le labbra, poi me l'hanno messo le truccatrici della Rai e mi è piaciuto un sacco: idrata per bene, ripara ed è balsamico e questa cosa mi dà la sensazione che rimpolpi un po' le labbra. Wow.

Ero super fan dello smalto gel fatto in casa: mi mettevo sul mio tavolino con lampada, smalti vari, sgrassatore e non c'ero per nessuno. Poi mi sono rotta le palle, soprattutto della sua rimozione.
Così sono approdata nel favoloso mondo di Essie Gel Couture, da diversi mesi sto usando una tonalità di rosso (Rock the Runway) che combinato con il top coat dedicato dura ottimamente per almeno 10 giorni (salvo pulizie di primavera senza guanti). Era giunto il momento di aumentare il parco colori: dopo un'ora di meditazione zen ho scelto Curator Couture e Sit me in the Front Row

Da quando la russa Natalia, esperta di Nars alla Manor di Lugano, ce lo ha fatto provare, sia io che Rossana ne siamo diventate addicted: ci piace perché ha un'ottima coprenza e sta dove lo metti, non si sbava via quando poi sopra ci metti il fondotinta o altro. Ed è ottimo anche messo sopra al fondotinta, per tutti quelli che soffrono di memoria al 2% come me.

Sono una fattona di scrub al caffè. Perché mi piace tanto la consistenza del chicco macinato che leviga con decisione; questo alla vaniglia è ottimo, leviga bene ed è comodo da portare via per il weekend perché è in un pratico tubetto. A casa uso il fantastico scrub al caffè di Body Blendz che profuma solo di caffè e inebria tutto il bagno.

SHARE:
© 2013-17 Vita su Marte. All rights reserved.