25 lug 2017

Belli ma non solo: i prodotti beauty bio di Apiarium

C'è qualcuno che ancora non crede nel significato intrinseco del marketing e pensa che un prodotto, se buono, si venda da solo.
Ecco, io gli manderei Don Draper dopo una giornata di lavoro alla Sterling Cooper con in corpo una bottiglia di whiskey ben assestata e per fare un po' di colore ci aggiungerei pure Giorgio Mastrota e Roberto Carlino dell'Immobil Dream.
Tutto questo per dire che un buon prodotto ha tutto il diritto e l'interessato dovere di farci cadere in tentazione con una strategia di vendita che spesso parte dal packaging desiderabile.


Dire che un prodotto si impegna col packaging perché in realtà il prodotto stesso non è valido è come dire che le belle bionde o le belle more sono tutte sceme. Direi che questo pregiudizio da Drive In l'abbiamo ormai sfatato, no?

Ed è proprio grazie alla calamita visiva del bel packaging che un giorno in erboristeria ho comprato il mio primo prodotto Apiarium, un semplice deodorante spray del formato perfetto da mettere in valigia o in borsetta: l'etichetta con le donne vintage era troppo carina. E poi si è rivelato un prodotto super: profumato, senza alcool, senza principi irritanti, né ingredienti strani. Un prodotto molto valido che ricomprerei nonostante inizialmente avessi pensato che fosse un po' caro. La verità è questa: se avesse avuto un packaging più anonimo non l'avrei preso.

Così ho scoperto che c'è un folto shop online e che i prodotti di Apiarium, oltre ad essere presenti sul territorio in qualche selezionato punto vendita come erboristerie o profumerie, si possono trovare anche nei reparti beauty di Eataly, cosa di cui onestamente non m'ero accorta perché da Eataly entro solo per spalancare la bocca, mangiare e comprare cibo.

Perché, scusate, w le confezioni belle ma in effetti diciamolo: non c'è packaging che tenga davanti a una fetta di pizza o a una cascata di cioccolato fuso.

SHARE:
© 2013-17 Vita su Marte. All rights reserved.