02 set 2017

The Defenders: la prima stagione su Netflix

I supereroi sono sempre fonte di felicità pura ed ingiustificata malgrado gli evidenti scivoloni presenti in molti Marvel, ma è totalmente impossibile non amare Tony Stark anche quando gli va in corto il cervello e libera Ultron nell’etere in un momento di egomania.
E’ quindi con gioia e trepidazione che ho guardato tutto The Defenders su Netflix con le aspettative di un cucciolo di labrador che attende il ritorno del padrone a casa all’ora di cena.

Le serie tv sono oggettivamente la cosa migliore per svoltare serenamente la fine delle ferie e dell’estate.


Chiaramente esistono alternative a Netflix e le piattaforme di streaming disponibili in Italia sono molte. 1&1, noto provider di servizi internet, nella loro Digital Guide, ha raccolto e ben raccontato tutte le caratteristiche di Netflix, Amazon Prime, Infinity TV e via discorrendo.
Non ho le competenze tecniche per entrare nel merito e vi rimando al loro articolo e alla loro sezione che è una sorte raccolta di risorse per il web che spazia dalle nozioni più tecniche a quelle per i newbies.
Tornando a noi, The Defenders è una miniserie che dura 8 episodi e mette assieme per la prima volta Daredevil, Jessica Jones, Luke Cage e Iron Fist che si alleano per sconfiggere la minaccia costituita da un’organizzazione guidata da Alexandra (Sigourney Weaver, dettaglio non da poco) per difendere New York.
Chiaramente una serie basata sui personaggi Marvel non è possibile stroncarla in pieno, ma è possibile farne una bella recensione marziana a punti salienti.

☆La serie non si discosta molto dalle altre quattro dedicate ad ognuno dei singoli protagonisti.
Insomma, IronFist si conferma, purtroppo, un perfetto idiota.

☆I primi quattro episodi sono tutti incentrati sui fatti che porteranno all’unione dei quattro.
Sono stati episodi difficili dove ho rischiato di crollare in uno stato comatoso almeno 38 volte, ma poi la situazione si risolleva.

☆Il feeling creatosi c’è, ma non è così forte, una roba tipo: “Sì, mi piaci, ma non abbastanza per metterci insieme”

☆La scrittura dei dialoghi resta la cosa migliore della serie, in particolare Jessica ci riserva delle perle notevoli.




☆Sentire la mancanza degli Avengers è inevitabile perché qui i combattimenti non sono poi così potenti come ci aspetterebbe dalla potenza e dai poteri dei personaggi descritti nei fumetti.

☆Sigourney Weaver meritava di essere utilizzata sicuramente meglio.

☆Se siete appassionati di Marvel questa serie è comunque da guardare senza troppe lamentele.
Potrete farvene un’idea a partire dal trailer dove hanno saggiamente inserito i Nirvana.


SHARE:
© 2013-17 Vita su Marte. All rights reserved.