28 feb 2017

Oscar 2017: le meglio e le peggio vestite

Quest'anno non ho fatto nottata maratona Oscar come l'anno scorso- qui il racconto della nostra notte insonne-  e alla fine del red carpet ho spento tutto e sono saggiamente andata a dormire che ho una certa età e non ce la posso fare.
In realtà non c'è stato nessun vestito e nessuno look ad avermi colpito in modo sostanziale, alcuni mi sono piaciuti, ma probabilmente me li dimenticherò tra una settimana come i protagonisti di un reality qualsiasi.

CATEGORIA BRAVA AMICA, BEL LAVORO

Emma Stone

SHARE:

Fashion Trend: le scarpe con lo scollo a V

Stranamente attratta da questa tendenza che propone le scarpe con lo scollo a V, dette anche per la gioia dell'internazionalità V neck shoes, mi sono domandata cosa mi facessero venire in mente.
Ho subito pensato che queste scarpe potrebbero essere indossate da una qualunque matrigna o strega a caso perché sarebbero amazing! abbinate ai colli appuntiti dei loro crudeli mantelli e ho pensato anche a un certo mood avveneristico perché tutto ciò che è a punta mi ricorda una cosa spaziale, del futuro, sebbene i marziani e le loro navicelle effettivamente siano tondeggianti. Sarà tutta colpa di Star Trek e delle orecchie di Spock.


SHARE:

27 feb 2017

Cinnamon rolls: le brioches svedesi alla cannella



Oggi affrontiamo i cinnamon rolls , dei dolci svedesi lievitati ormai diffusi in tutto il mondo.
Sono delle brioche aromatizzate alla cannella, morbidi, molto profumati, perfetti per colazione o per merenda.


SHARE:

Buttiamo nel cesso il Sunday Blues perché si vive una volta sola

Di questo argomento se ne può parlare solo al lunedì, quando ormai il danno è fatto e i cocci sono suoi.
Perché se solo avessi osato pubblicare questo post venerdì mattina avrei provocato l'ansia per tutto il weekend, quando invece qui su Marte si fa strenua terapia di gruppo e le uniche tristezze che possiamo comprendere sono:
✮ la genetica crudele che regala pacchi di cellulite e il metabolismo lento
✮ il dramma dell'ingrediente mancante quando vuoi fare la pizza
✮ il disagio poraccio che ci geolocalizza sempre da Zara anziché da Valentino

SHARE:

26 feb 2017

Happy Sunday #buonadomenica


da Melissa P., 2005
«Io sono diversa da loro. Ho il coraggio di essere me stessa».
SHARE:

24 feb 2017

Sulla scollatura profonda da francese sofisticata

La questione scollatura è una questione delicata che contiene in sé diverse variabili che possono cambiare facilmente il risultato finale da "francese sofisticata sexy" a "Carmen Russo al Drive In".
Se non vi ricordate il Drive In vuol dire che siete troppo giovani e quindi non possiamo essere amici.
Comunque tra tutte le scollature pensate dal genere umano quella di super moda in questi mesi è quella super profonda a V.


Sicuramente è una tipologia di scollo che, se portata nel modo giusto, può essere davvero super elegante e sofisticata e ben lontana dall'essere volgare.
In base all'occasione e al taglio dei tessuti poi si può facilmente giocare su diversi mood passando da "francese sofisticata sexy" alla versione serale "Emma Stone sul Red Carpet".

Per indossarla e mostrare fieramente il petto si necessita però di tali accorgimenti:

SHARE:

App utili e salvavita da scaricare sul telefono

Anche oggi vi apro il mio cuore e il mio telefono.
Le App che ho sempre desiderato sono qui e forse le vorrete anche voi.



SHARE:

23 feb 2017

Nuova fantascienza: film e serie tv senza omini verdi

Ieri nel tardo pomeriggio la Nasa ha imballato il web e l'intero pianeta Terra annunciando la scoperta storica di 7 pianeti similari al nostro orbitanti intorno ad una stella a circa 40 anni luce da noi che, in termini astronomici, è oggettivamente parecchio vicino.
Ingiustamente hanno chiamato questo nuovo sistema Trappist e non Aldeeran o Fisher in onore della princessa delle principesse, ma non siamo qui per parlare di astronomia che lo sanno tutti che durante le ore di fisica al liceo mi guardavo le doppie punte.
Chiaramente ieri sera mi sono fatta tutta una serie di film mentali su questi pianeti del sistema Trappist e ho pensato: "Se ci fossero forme di vita intelligenti cosa penserebbero dell'ultima sfilata di Gucci? O del fatto che usavamo i pallet per farci i tavoli?"
Non so, forse quelli di Trappist non vorranno mai essere nostri amici.
Comunque tutto questo mi ha dato lo spunto per pensare a tutti i film e serie sul tema nuova fantascienza che ho visto, amato e che vorrei condividere con i giustoni nerd che leggono queste rubriche marziane.


SHARE:

Tortini al cioccolato con cuore fondente ( senza uova )

La prima gioia di questa ricetta l'avete già vista nel titolo ed è il cioccolato.
Poi vi svelo subito l'altra bellezza: si preparano in pochissimo tempo, se avete sempre in casa questo tipo di ingredienti è un dolce che si può davvero fare all'ultimo momento, soprattutto perché va servito caldo.


SHARE:

22 feb 2017

Il sushi e i nighiri alla fiamma di Bento Milano

C’è sushi e sushi e c’è giapponese e giapponese.
Non sono sicuramente la massima esperta di pesce crudo orientale, ma banalmente mi piace mangiare e provare nuovi ristoranti è una delle mie attività sportive preferite e quindi ho testato nella vita svariati ristoranti sul tema.
Lo faccio sempre alla leggera perché non  riesco ancora ad accettare che il sushi possa avere delle calorie e nella  mia testa resterà sempre un cibo super light da ragazza californiana a dieta e quindi quando si tratta di mangiarlo mi sento anche super healthy e giustificata nel mangiarne un quantitativo imbarazzante.
L’altra sera io e Gloria abbiamo quindi felicemente cenato da Bento a Milano che è un sushi restaurant storico in zona Garibaldi/Moscova recentemente ristrutturato e rivisitato.



Andiamo con ordine.
SHARE:

#PensaPulito e arreda con le piante: cosa comprare al vivaio per il jungalow style

Mi è sempre sembrato strano che qualcosa di appartenente al regno vivente possa fare moda, eppure è proprio così. Cominciate a scrivere cani mo... in Google e vedrete che, ancor prima di cani molecolari, vi suggerirà cani che vanno di moda.
Cani che vanno di moda. Fa troppo ridere, ma l'invasione di carlini e di microcani come i chihuahua conferma tutto.

Stessa cosa per la flora: la moda dei cactus è sotto i nostri occhi da qualche anno, piante facili che richiedono poche attenzioni e che continuano a vivere anche se decidiamo di fare un mese di meditazione nella Vashishta Guha alle pendici dell'Hymalaia.
Bisogna fare attenzione a non caderci sopra (fatto!) poiché dopo saranno aculei amari, però queste sono le piante che gratificano e ci fanno sentire in pace con il mondo. Mica i bonsai che impennano il nostro senso di incapacità e inadeguatezza alla vita da zero a voglio un analista.
Gli amici di Folletto e il team del loro progetto #PensaPulito apprezzeranno la nostra voglia di circondarci del benessere delle piante, di portare la natura in casa, di rilassarci con il verde e di prenderci la piccola responsabilità di curare un altro essere vivente. Tranne i bonsai eh, perché con quelli proprio non ce la possiamo fare.



SHARE:

21 feb 2017

Jamsu: pazzie beauty dalla Corea

Le coreane son strane forte, ma dobbiamo dar loro credito perché i fatti parlano chiaro: hanno tutti pelle perfetta e capelli belli.
Credo sia dovuto ad un mix di genetica, alimentazione, stile di vita, skincare e qualche follia tipo la beauty routine coreana o il lavaggio del viso con acqua frizzante.
L'ultima novità in fatto di pelle e make-up si chiama jamsu e vuol dire immersione.
Questo metodo pazzo promette pelle di porcellana e trucco dalla durata millenaria.

SHARE:

Shopping selection Corallo

Uno dei colori che più mi piace per la primavera e l'estate è il corallo.
La passione e il calore del rosso declinate in un'atmosfera più raffinata, smorzata dai toni del rosa o accesa dai toni dell'arancio; mi ricorda il mare, i tramonti, i gioielli che vorrei, impreziosisce i colori basici come nero, blu, grigio e bianco ed è bellissimo sia con l'oro che con l'argento.
Zara Home per questa stagione ha dedicato un'intera collezione di oggettistica al corallo e alle sue atmosfere marine e quando l'ho vista stavo svenendo.
Anche Pantone approva, tra i colori proposti spicca il Flame, una tinta aranciata che richiama i toni corallini.


SHARE:

20 feb 2017

Ceci croccanti speziati

I ceci sono come il fritto: son sempre buoni in tutti i modi.
Questa variante croccante e gustosa può essere un'ottima idea per aperitivo, per guarnire zuppe o per arricchire insalate.
Sono facilissimi da fare, saporiti e sani.
Potete variare le spezie a vostro piacimento e usare: curry, curcuma, rosmarino, insomma fare gli abbinamenti che più vi piacciono.
Io ho scelto di farne una versione affumicata.



SHARE:

Quindi gli italiani in Erasmus studiano veramente??!

La questione Erasmus per me rimane un fatto tuttora avvolto nel mistero come lo è l'uomo falena, le profezie dei Maya e i capelli di Antonio Conte.

Arriva un certo punto dell'università in cui, se te la cavi bene, puoi partecipare a un bando per avere l'opportunità di trascorrere un periodo di studio in un altro Paese, imparare o migliorare la conoscenza di una lingua, conoscere i metodi di un'altra università, fare esami.
E se non fai gli esami torni in Italia e devi restituire i soldi della borsa di studio.
Ma, vuoi per talento, vuoi per poracceria, nel 2016 gli italiani si sono classificati come i migliori studenti di Erasmus in tutta Europa. Italians do it better.

Cioè, quindi gli italiani in Erasmus studiano veramente??!



SHARE:

19 feb 2017

Happy Sunday #buonadomenica


da Un'ottima annata - A good year, 2006
«Se qualcuno chiama non dire che sono in vacanza: è peggio che essere morto!».
SHARE:

17 feb 2017

Cose di cui non sentivamo la mancanza: i piumini oversized

Ormai ve lo dico da un anno che dovete iniziare a prepararvi psicologicamente al grande ritorno del piumino.
E intendo proprio il piumino sportivo, quello con le cuciture, bello gonfio, ingombrante, largo e portato aperto.
Il piumino più odiato di tutti.
Nulla a che vedere con qualcosa di classe che potreste trovare da SportMax, no, intendo proprio quelle robe della Nike o della Fila che indossavano a scuola negli anni 80/90 nei momenti di sfiga e di buio dello stile quando nessuno ci voleva al gioco della bottiglia.

SHARE:

Beauty routine per avere una pelle bella e poter uscire struccate

Mi piace assai uscire truccata a modino dalle sopracciglia alle labbra e una volta lo facevo anche per andare a buttare il pattume nei bidoni sotto casa, finché un giorno ho cominciato a elencare le buone ragioni per le quali avrei potuto sgrossarmi dall'incombenza make up.

☺ La pelle respira
☺ Mi mostro (parola adatta!) per quello che sono
☺ Spendo meno in make up
☺ Faccio prima
☺ Mi sento più libera

SHARE:

16 feb 2017

Documentari moda: da Jeremy Scott alle super modelle anni 90

In vista della fashion week mi pareva d'uopo continuare con il filone documentari, sia Netflix che Sky, sconfinando nel magico mondo della moda.
Andiamo con ordine.



Jeremy Scott. The people’s designer NETFLIX

SHARE:

Ricetta base per le crepes senza glutine: buo-nis-si-me !

Ogni volta che metto a punto un impasto che poi si rivela buonissimo e perfetto son talmente esaltata e felice che potrei mettermi a ballare tutto il repertorio di Raoul Casadei, incominciando dalla mazurka di periferia (la mia preferita). Immaginatemi.
Queste crespelle senza glutine mi piacciono così tanto e mi riescono così facilmente che credo le farò sempre così e non più con la farina tradizionale.


SHARE:

15 feb 2017

Beauty trend: ho provato la famosa black mask

C'è un video su Twitter che è stato retwittato mille volte dove si vede la famosa black mask in azione sul naso di una ragazza coreana.
Ormai lo sapete, è tutto beauty coreano, creme nere, carbone vegetale e via discorrendo.
L'ho guardato a bocca aperta almeno 15 volte con un misto di stupore e disgusto nel vedere come "strappasse" tutti quei punti neri.
Non riuscivo a smettere, come una puntata di Malattie Imbarazzanti.
Già alla seconda visione era chiaro che dovevo avere quella maschera miracolosa che strappava ogni imperfezione dal viso dopo pochi minuti liberando i pori da ogni male.
Alla terza visione ero su Amazon a comprarla.

SHARE:

Home Decor low cost: il cesto Fladis di Ikea

Dite sempre che vi facciamo sorgere bisogni nuovi e vi generiamo la voglia dell'acquisto selvaggio. Ma a parte quando piangiamo lacrime amare insieme a voi sul sacro altare dell'alta moda e delle borse da millemila, cerchiamo sempre di rimanere intorno al nostro budget reale da poracce, ovvero in questo caso 10 euro.

Sfogliando un po' di riviste di home decor, salta all'occhio come in questo periodo il cesto di paglia sia un oggetto irrinunciabile, soprattutto per chi si prende cura di qualche pianta di medie dimensioni ma anche per chi ama i contenitori quali preziosi strateghi per l'ordine veloce.


Da Ikea si può trovare il cesto di paglia Fladis, con comodi manici e di buona capienza (25x32cm), pensato appunto come portapiante e portaoggetti.
SHARE:

14 feb 2017

Migliaccio al semolino e ricotta

Questa torta è tipica napoletana del periodo di carnevale.
Risulta molto morbida, quasi fosse una crema cotta ed è davvero facile da fare.

Forchetta Movida Oro Nero Mepra

250 grammi di semolino
1 litro di latte intero
230 grammi di zucchero
1 stecca di vaniglia
la scorza di 2 limoni bio
1 bicchierino di rum
250 grammi di ricotta
3 uova

zucchero a velo

SHARE:

Scusa Valentino, ma non abbiamo i soldi per comprarci le tue Tango

Sulla fantasmagorica pagina Facebook di Marte (ops, se non la seguite vi si incresperà il capello!) ci intratteniamo tutti i giorni con cose belle, oggetti del desiderio, luoghi del mondo e cibo ciccione. Per fortuna la community marziana è accomunata da un grande spirito save the money che si traduce in povertà o in se non spendo qua, spendo là e perciò le proposte dei grandi stilisti in versione low cost sono sempre cose assai gradite.
SHARE:

13 feb 2017

Sanremo 2017: top of the flops vestiti e figuracce

Francamente non capisco come si possa sbagliare un look per Sanremo perché banalmente basta un tuxedo da donna nero o un abito pulito di Armani per essere serene.
Insomma bastava essere Fiorella Mannoia o avere un minimo di buon senso.


Per un maschio poi basta seguire la regola aurea "Basta con questa storia delle giacche decorate o particolari" , mettersi i calzini e va tutto bene.


Eppure.
SHARE:

Leghiamo al divano quei pazzi dei Killfie

Mi rendo conto che il livello di coraggio dell'umanità può andare da cerco di imitare la posizione di Buddha sul divano mentre guardo Il bello delle donne (io) a volevo fare il paracadutista della Folgore (gli altri), però sinceramente quando vedo certe cose esce allo scoperto la Nina Moric che è in me.



SHARE:

12 feb 2017

Happy Sunday #buonadomenica


da Ho voglia di te, 2007
«Ogni secondo che passa, ogni luna che sorge non fanno altro che dirti: vivi vivi e ama quello che sei, comunque tu sia, ovunque tu sia, guarda in alto verso il sole, chiudi gli occhi e non stancarti mai di sognare. La vita è troppo breve per non essere felici. Insieme».
SHARE:

10 feb 2017

San Valentino: consigli generali e idee regalo per lei

Come già avvenuto per Natale, mi prodigo con una serie di utili consigli per gli uomini che si trovano nella gravosa situazione di dover cercare un regalo di San Valentino per la propria amata.
In barba al raziocinio, ai massimi sistemi della ragione e dell’intelletto, e alle leggi del consumismo sfrenato, un pensiero per San Valentino crea felicità immotivata in buona parte del genere femminile della galassia.
La legge numero uno per la buona riuscita dell’ operazione “regalo di San Valentino”  è ricordarsi la puntata  Baby Makes Five di Beverly Hills 90210 dove Dylan porta Brenda a donare il sangue per San Valentino.
Lo abbiamo perdonato tutte perché era quello che sognavamo di limonare, ma la faccia di Brenda quando ha capito che non c’era nessun maglione rosso o ciondolino in arrivo era inequivocabile.
In queste occasioni noi donne abbiamo bisogno di cose frivole, carine, sentimentali e leziose e, per pur nobile che sia, magari a donare il sangue ce la portare il 16 febbraio che va bene lo stesso.
Segue poi la regola numero due: anche con un diamante o il Cuore dell'Oceano in tasca, dovete sempre e poi sempre fare un biglietto ben scritto, sentito e pensato.
La legge numero tre, varia ed articolata come le Leggi di Keplero, riguarda banalmente il buon gusto: si può fare una cosa molto carina con pochi soldi, basta tenere a bada il trash.
Insomma, niente salsicce a forma di cuore nel piatto o rose blu glitterate in regalo, ma ranuncoli rosa cipria e torte di pasticceria delicate.



SHARE:

Su Marte si celebra il San Valentino democratico: immagini marziane per tutti

C'è chi è innamorato dell'amore e chi odia l'amore, quindi c'è chi adora festeggiare San Valentino e chi odia questo periodo fatto di cioccolatini ipercalorici e di coppie che vanno al sushi all you can eat due volte all'anno e si vede perché si mangerebbero pure la cameriera, ma con amore eh.

Su Marte pensiamo che ogni giorno non debba mai essere sprecato o odiato, perciò ecco una raccolta di immagini ricercate appositamente per soddisfare qualunque mood vi pervada in questo periodo.
Da stampare per la vostra paretina accanto alla scrivania, per farne un biglietto d'auguri, da stampare in fronte a qualche idiota, da usare come sfondo del cell, come pic profile, da mandare via whatsapp.

Accattetevill.
With Love.
Col cuore.


SHARE:

09 feb 2017

Hygge: il lifestyle nordico per essere felici

Per fortuna che non siamo su Youtube e che non devo pronunciare i nomi delle cose perché questo Hygge danese io davvero non riesco a pronunciarlo senza palesare un evidente bisogno di un logopedista.
Pare che si pronunci hooga o hoogh, ma non garantisco.
Comunque sono qui per dirvi che sono finita anch'io nel tunnel della felicità minimale nordica e ho letto il famigerato libro in questione.


Per ora ho comprato solo The Little Book of Hygge: The Danish Way to Live Well (Penguin Life) su Amazon e ho deciso di leggerlo in inglese visto che è molto semplice.
Il libro dà una panoramica su questo lifestyle e i diversi ambiti di applicazioni come l'illuminazione, il cibo, con vere e proprie ricette, i vestiti e il tempo libero.
Il libro è scritto da Meik Wiking a capo della Happiness Research Institute in Copenhagen.
SHARE:

Dolce per San Valentino: Tre strati d'amore

Innamorati o meno, in coppia o single, San Valentino dovrebbe rappresentare per tutti la buona occasione per mangiare un dolce, festeggiamento o premio di consolazione che sia.
Potremo passare la serata fuori a cena oppure da soli sul divano, questo dolcetto in pieno stile american bakery è perfetto per ogni occasione e per ogni ora e piace anche ai maschi grazie allo strato interno al caramello salato.
Tre strati di puro amore da scorpacciare come un cinghiale in amore e domani minestrone.


SHARE:

08 feb 2017

Da Darth Vader ai Narcos: documentari da vedere su Netflix

Netflix produce e propone sempre documentari di alta qualità e con grandi temi.
Li apprezzo tutti: da quelli musicali fino a beluga che sguazzano felici nel mare, ripresi con una fotografia pazzesca.
Questi però sono gli ultimi documentari che ho visto e che trovato davvero interessanti, a tratti sconvolgenti, per i temi che trattano.



I AM YOUR FATHER
Questo è per tutti i fan di Star Wars.

SHARE:

Home Decor Modernariato: andiamo a rovistare dalla nonna e nei mercatini

Quando sono piena di entusiasmo non faccio nulla per nasconderlo e allora ve lo dico: a me questa moda degli oggetti e dei complementi di modernariato piace eccome.
Come ormai sanno anche i muri, da qualche anno colleziono vasi in ceramica e in giro per la casa ho qualche altro pezzo della metà del secolo scorso; oggetti o complementi che al tempo del loro concepimento avevano una funzionalità specifica ma che oggi sono diventati oggetti di design e di arredo pregni del valore aggiunto di una storia che conosciamo, nel caso di oggetti di famiglia, o che forse non conosceremo mai.


SHARE:

07 feb 2017

Sanremo 2017: tutto quello che c'è da sapere e il trash passato

Non so quali inspiegabili leggi della fisica teorica mi spingano e mi attraggano così verso quel baraccone di Sanremo, ma devo ammettere che lo vedo sempre con un affetto tale che credo non avesse nemmeno mia nonna quando diceva di voler vedere "il festivàl".
Insomma, dovrete farvene una ragione, guarderò e commenterò Sanremo con entusiasmo ingiustificato e nessuna vergogna in un brodo di giuggiole per lustrini e fiori.
Spero che nessuno mi abbia preso per un intellettuale impegnata anche perché vorrei ricordarvi che per anni ho avuto la convinzione che Spongebob fosse un pezzo di gruviera e non una spugna.


SHARE:

La cintura di Gucci che hanno tutte tranne noi

Si sta come al 26 dicembre, quando tutte le tue compagne delle elementari hanno ricevuto la Barbie Gran Galà e tu no.
Questo è il sentimento che provo dinnanzi a cotante foto di street style che spocchiano con la cintura di Gucci. Che ovviamente vorrei pure io anche solo perché la G è l'iniziale del mio nome e mi sento in diritto.
Pensate a qualunque tipo di abbigliamento, ma proprio qualunque. Ecco, la cintura di Gucci c'è: pantaloni a vita alta, a vita bassa, skinny, mommy, gonne in velluto, in raso, mini, maxi, sopra la camicia, sopra la giacca, con la t-shirt, col maglione, col body, look di primavera, estate, autunno, inverno.

SHARE:

06 feb 2017

Prodotti locali: risotto alla Formaggella del Luinese

La bellezza culinaria dell'Italia è che ogni piccolo borgo, quartiere e via hanno un prodotto tipico e un piatto locale di cui vantarsi.
Abbiamo una varietà gastronomica pazzesca che credo ben poche altre nazioni possano vantare.
Un'iniziativa di IgersVarese #VAassaporato che vuole promuovere il territorio locale dove vivo e i prodotti tipici è stata galeotta per farmi preparare e condividere questo risotto.
Sì perché a Luingeles non abbiamo solo il lago, Piero Chiara e il mercato, ma abbiamo anche prodotti locali e piatti tipici che è giusto ricordare.
Tra le alborelle fritte e il lavarello in carpione, c'è anche la Formaggella del Luinese DOP che è un formaggio a pasta medio-dura di capra che viene prodotto con il latte della Nera della Verzasca, una valle proprio sopra Luino.
E' un formaggio che si presta a tanti usi, non solo al consumo a crudo, e uno di questi è la mantecatura del risotto.
Ecco come lo faccio

SHARE:

Portiamo rispetto per i gatti padroni del mondo

Spero che nessuno osi dimenticarselo.
Trump, Renzi, Gentiloni, Merkel, Putin: state calmi perché tanto sono i gatti che comandano.


I cani sono buoni, fedeli, addomesticabili, utili, fanno la guardia, chiedono aiuto, scovano le persone, accompagnano i ciechi, annusano la droga, salvano chi sta per annegare, trovano i tartufi: ma è sempre così, ci innamoriamo delle persone sbagliate.
Il gatto è un antico sovrano che non fa niente da mattina a sera, colonizza case, divani e letti e stabilisce la sua supremazia assoluta con pretenziosità e indifferenza.

SHARE:

05 feb 2017

Happy Sunday #buonadomenica


da 50 e 50, 2011
«Non puoi cambiare la situazione, ma il modo in cui viverla».
SHARE:

03 feb 2017

Serie tv da vedere: Una serie di sfortunati eventi



«Se vi interessano le storie con il lieto fine, vi conviene andare altrove»

Su Netflix, oasi felice di alienazione mentale dalle brutture della vita, è approdata una nuova serie tv pazza che io già ho visto e amato.
Una serie di sfortunati eventi è una serie tv tratta dal ciclo di romanzi di Daniel Handler/Lemony Snicket.
La storia è incentrata sui fratelli Baudelaire, giovani orfani dall'arguto ingegno, che si trovano loro malgrado ad avere a che fare con il terribile Conte Olaf, il loro tutore.
Una delle caratteristiche dei racconti di Una serie di sfortunati eventi  è la presenza di un narratore che interrompe o introduce i capitoli come una sorta di meta-narrazione.
Lo stesso espediente narrativo c'è nella serie dove Snicket introduce o irrompe nella scena come narratore non estraneo ai fatti.
Tutto questo mischiato ad una componente fiabesca gotica rende la serie, come del resto i libri, una di quelle cose che o si amano o si detestano perché ha una precisa e forte personalità ben definita.

SHARE:

San Valentino: idee regalo per lei e per lui

Sempre cara mi fu quell'idea low cost di preparare un dolce fatto in casa, una cenetta ipercalorica o un pensiero fai da te da 3 euro.
Ma casomai volessimo aggiungere spessore e concretezza, ecco un po' di idee per tutte le tasche e per tutti i tipi d'amore.


SHARE:

02 feb 2017

La La Land: tutte le curiosità sul film del momento

Ho sempre detestato i musical, sin da bambina mandavo avanti il videoregistratore perché le principesse Disney che cantavano mi irritavano il sistema nervoso.
Quello che mi lascia perplessa è il meccanismo pazzo ed inspiegabile dei musical dove il parlato diventa  improvvisamente cantato e viceversa in modo totalmente innaturale.
Come se fosse normale girare per strada con la spesa e, improvvisamente, ballare sul marciapiede, cantando a squarciagola, senza che nessuno intorno si scomponga per poi ritornare a parlare e a comportarsi normalmente.
Capisco che sia per enfatizzare un momento o per descrivere un viaggio mentale del personaggio, ma, molto banalmente, è un linguaggio che su di me funziona poco e ha poca presa.
                                         

Malgrado il mio odio verso quei pazzi attori canterini,  l'altra sera sono andata a vedere La La Land, come del resto ha già fatto mezzo globo terrestre, senza alcun pregiudizio, ma anzi con grande interesse perché in fondo sono sempre felice quando vengo smentita e scopro una cosa che mi piace un sacco.
Non sono uscita dal cinema con la scimmia come in caso di spade laser o alieni, ma,  il film mi è piaciuto.

SHARE:

Primo piatto vegetariano, leggero e colorato: pasta in crema di zucca e broccoli

La pasta è sempre una grande soddisfazione e a me piace condirla in tutti i modi. Amatriciana, carbonara e cacio e pepe sono le mie preferite (Roma sempre nel cuore) ma per evitare di impennarmi il colesterolo più di Stefania Sandrelli e dei fedelissimi del Danacol, in settimana ricorro anche a delle versioni più light e meno condite.
In questi casi uso sempre la pasta integrale, la cuocio ben al dente e poi la condisco con le verdure.
Ecco una ricettina veloce, gustosa e leggera.


SHARE:

01 feb 2017

Black Beauty: il carbone attivo è l'ingrediente del momento



Una volta il carbone vegetale lo sentivo solo nominare da mia nonna quando era gonfia, ma ora sono ormai un paio d'anni che il carbone vegetale ha avuto la sua riscossa sociale.
Tutto è partito dalla cucina con pane, focacce, pasta, pizza, biscotti, ravioli  libri, auto, viaggi, fogli di giornalee tutti neri.
Ora il trend è passato al mondo del beauty dove stanno uscendo centinaia di prodotti neri a base di carbone vegetale.
Il carbone vegetale è un po' il bezoar della vecchia medicina perché, grazie al suo potere assorbente e purificante, veniva usato come pacere di tutti i mali per lo stomaco in caso di intossicazioni perché in grado di legare tra di loro le sostanze tossiche ed evitare che l'organismo le assorbisse.
Francamente non so quanto siano realmente sopravvissuti con il suo carbone in caso di intossicazione da veleni, ma è pur sempre una storia affascinante degna di una lezione di Severus Piton.

SHARE:

Non ho ancora comprato un Calendario del 2017

Con calma, eh.
Ma è sempre così: a fine anno mi rifiuto di raccattare quelli omaggio del farmacista, meccanico, assicuratore (la triade locale dei calendari gratis, più organizzati del team Pirelli) perché sono poco fashion e perché penso che tanto non mi serviranno.
Ogni dicembre penso che non avrò bisogno di un calendario perché tanto posso vedere i giorni sul telefono o sul computer e poi verso il finire di gennaio sento che la mia scrivania inizia a soffrire e io con lei.


SHARE:
© 2013-17 Vita su Marte. All rights reserved.