6 feb 2018

Fashion shopping: il baker boy hat

Non solo baschi e berretti in morbida lana per adornarci la capoccia ma anche l'ormai noto baker boy hat. Questo cappello, che fino agli ultimi brividi di gelo potremo indossare nelle sue versioni di tessuto più spesso come il panno, il velluto o l'eco-pelo, è destinato ad accompagnarci ancora, nella prossima stagione fredda ma anche in primavera, nella versione in cotone e in pelle, prima di ritirar fuori dall'armadio il benameato cappello in paglia.
La via di mezzo tra il basco e la coppola, si distingue da loro per la sua forma semi-morbida e piena della calotta che dona un effetto a sbuffo e per la piccola visiera sporgente.




Qualche modello in saldo ancora si trova e così ci si può togliere lo sfizio di indossare un cappello-moda proposto da Prada, Miu Miu, Moncler, Chanel, Isabel Marant, Maison Michel, e indossato da volti noti come Chiara Ferragni (il suo è in vernice nera), le sorelle Hadid, Kate Moss e Karlie Kloss.
Questo cappello era tradizionalmente indossato dagli uomini della classe operaia, il suo taglio è decisamente maschile ma in passato le grandi icone come Brigitte Bardot e Jane Birkin lo hanno reso chic e intrigante anche per la donna. Rimane il mood maschile e lo stile grintoso: a me piace il suo abbinamento semplice con un maglione in lana grossa o una t-shirt e un paio di jeans o di pantaloni in velluto a coste.
La comunità marziana mi farà sapere se conosce dei panettieri (baker boys) che hanno mai indossato un cappello simile mentre sfornano michette, pane cafone o pagnotte d'Altamura.






Brigitte Bardot

Jane Birkin














SHARE:
© 2013-17 Vita su Marte. All rights reserved.