9 mar 2018

Marzo pazzerello, esce il sole e prendi l'ombrello, però che sia bello

Ditemi quante volte vi siete preparate, vestite per bene, abbinate, col trend del momento, il capello giusto, siete arrivate davanti alla porta e vi siete inorridite all'idea di prendere l'unico ombrello sano e disponibile: giallo fluo, con la scritta del grande magazzino, maculato fuxia e turchese. Wow.
Ma perché si sottovaluta l'accessorio ombrello, perché?!



Va bene dare colore a una giornata grigia, va bene la cromoterapia, ma nulla è più discreto e raffinato di un ombrello scuro in tinta unita. Nero, verde oliva, marrone, blu.
Sarebbe bello anche il crema ma si sporca facilmente, meglio allora una classica fantasia scozzese o a piccoli quadretti. Per l'uomo anche le fantasie cachemire come quelle delle cravatte o le righe sottili.
Tra i colori accesi e vivaci il rosso è considerato il più tradizionale.
L'ombrello trasparente (tanto amato dalla Regina Elisabetta) è un'altra soluzione neutra che si abbina con molti outfit e ha il pregio di non togliere quella poca luce che c'è nelle giornate bigie.
Per chi non riesce a fare a meno dei disegni, ci sono anche gli ombrelli a tessuto doppio, con l'esterno in tinta unita e l'interno in fantasia.



La Regina Elisabetta e la sua collezione di ombrelli Fulton

Da uomo ma non solo

Col nero non si sbaglia mai


Molto belle le collezioni di The Bridge

Fantasia Burberry

Rosso

Va beh dai, se c'è il sole è meglio


SHARE:
© 2013-18 Vita su Marte. All rights reserved.