31 gen 2018

Homi 2018: tendenze colore e novità per la casa

Nei giorni scorsi si è tenuta a Milano la fiera dedicata agli stili di vita e alle tendenze per la casa, il complemento d'arredo e la decorazione.
Homi si tiene due volte all'anno, a settembre e a gennaio, e quest'ultimo è l'appuntamento che preferisco perché generalmente è la fiera più completa e più ricca delle novità per le collezioni di casa, tavola e cucina dell'anno appena iniziato.
Quest'anno ho notato una diminuzione degli espositori, magari la suddivisione in due appuntamenti sta diventando troppo onerosa per le aziende che vi partecipavano in entrambe le occasioni e che oggi privilegiano una scelta e inoltre molte investono anche nella presenza a Maison&Objet, fiera analoga e corrispondente che si tiene a Parigi poco prima di Homi.
Rimane comunque tanta roba, si sta parlando di un evento che ha avuto più di 1.400 espositori organizzati in più di 8 padiglioni pieni di cose da far girare la testa: piatti, bicchieri, posate, piccoli elettrodomestici da cucina, sedie, tavoli, illuminazione, tessuti, decorazioni natalizie, outdoor per giardini e terrazzi e anche una buona parte dedicata alla decorazione personale come bigiotteria, gioielli e piccoli accessori.


SHARE:

30 gen 2018

Moda: dove vai se la felpa non ce l'hai?

L'affiliazione al club dei pigri risale ai tempi dell'educazione fisica a scuola quando fingevo miseramente d'aver dimenticato a casa tuta e scarpe per poter evitare di faticare e sudare davanti a tutti. (Perché poi doversi umiliare così?)
Naturalmente era tutto premeditato e posso solo constatare che l'indolenza di allora è la cellulite e il metabolismo lento di oggi, casomai questa mia confessione possa essere monito e prevenzione per chi è ancora in tempo a salvarsi dal divanismo.
Insomma, la tuta e le felpe sono state inventate per fare sport e invece ci piacciono troppo come abbigliamento comodo per non fare una mazza.

SHARE:

29 gen 2018

Le migliori app per il fotoritocco e il trucco istantaneo sono cinesi (e sono gratis!)

Quanto ci tengono alla pelle bella in Oriente ormai l'abbiamo capito: carnagione di luna, ombrellini per ripararsi dai danni del sole, beauty coreano, skincare giapponese e le rughe, queste sconosciute.
Ho scoperto l'esistenza di questa app in una puntata di Report (io sto a RaiTre come tutti gli umani stanno a Netflix) focalizzata sulla bellezza a tutti i costi, la chirurgia e le punturine frequenti come la mia voglia di riso alla cantonese e wonton fritti.


Scaricata all'istante e provata su alcune foto: si rimane sbalorditi dall'incredibile numero di funzioni che offre per la correzione e il perfezionamento del viso. Spesso si vedono sui social risultati di fotoritocco imbarazzanti, visi piallati, non solo rughe e occhiaie ma persino lineamenti scomparsi: non avendo mai usato un'app di fotoritocco prima, pensavo che il risultato imbarazzante fosse inevitabile appena ci si posasse le ditina per spennellare via i segni indesiderati e invece non è vero, tutto si può dosare ed è possibile anche agire con una correzione minima.

SHARE:

28 gen 2018

Happy Sunday #buonadomenica


da Two weeks notice - Due settimane per innamorarsi, 2002
«- Penso che tu sia la persona più egoista del pianeta.
- Ma che dici? Non puoi aver conosciuto tutti su questo pianeta».
SHARE:

26 gen 2018

Cosa comprare con i saldi: una maglietta bianca con la scritta rossa

Con i saldi ma anche no.
Dobbiamo approfittare del periodo di sconti per guardarci in giro alla caccia di t-shirt bianche con la scritta rossa perché il trend prosegue ancora per tutto il 2018.
In fondo a questo post trovate diverse segnalazioni, alcune delle quali proprio in sconto, ma è bene sapere che anche molte nuove proposte seguiranno questo trend: la maglietta in cotone con le scritte sarà di tendenza in tutti i colori e le varianti (frase, slogan, aggettivo, marchio, vintage) ma le più popolari si distinguono proprio nella cromìa bianco-rosso.


SHARE:

25 gen 2018

Clafoutis d'inverno alle pere e rum

Chi l'ha detto che il clafoutis si può fare solo con le ciliegie o i frutti di bosco?
Ho provato a fare questa variante con le pere e il rum e ne è uscita una versione perfetta per scaldare i freddi pomeriggi invernali. Abbondanti tazze di tè e abbondanti fette di dolce.

SHARE:

24 gen 2018

Come in un film di Wes Anderson

Wes (Mortimer!) Anderson è un regista con uno stile visivo riconoscibile e chiaro, nonché terribilmente affascinante.
I suoi film sono permeati di edifici particolari, colori vintage e toni pastello, ordine, linee e simmetria, tavoli pieni di piccoli oggetti, geometrie ripetute in serie o imponenti protagonisti solitari, e non si può fare a meno di allargare il merito anche al suo storico collaboratore, il direttore della fotografia Robert Yeoman.
Se si ha visto almeno uno tra Grand Budapest Hotel, I Tenenbaum o Moonrise Kingdom, l'assorbimento della sua estetica sarà tale da potersi proiettare nella realtà e nei luoghi che ci circondano con lo sguardo di Wes.

| Bastei Building, Colonia, Germania - @geliklien |

SHARE:

23 gen 2018

Moda Orecchini: il ritorno dei door knockers anni novanta

Ci siamo quasi, è dietro l'angolo l'ondata di orecchini anni novanta che si rifanno per forma, dimensione e fregi ai preziosi battenti delle porte.
Questo ritorno si sta muovendo in sordina già da un po': gradualmente ci stanno facendo abituare al ritorno del cerchio, gli orecchini statement di grandi dimensioni sono ormai un accessorio da avere tanto quanto quelli minimal, ma il metallo sottile sta aumentando le sue dimensioni fino a spingere su un accessorio dalla forma più spessa come door knockers o i bamboo style.
E' un pieno mood anni 90 sposato soprattutto dalla nuova collezione di Céline, che per il 2018 propone dei bei pezzi desiderabili. Tra i big del fashion anche Balenciaga ha messo in collezione i cerchi grossi a lavorazione bambù.


SHARE:

22 gen 2018

Il bersaglio del lunedì: Emily Ratajkowski

Cosa fa Rocky Balboa ma anche Franco Boschi di Un posto al sole quando c'hanno rabbia e la vogliono sfogare? Tirano i pugni al sacco da pugilato.
Cosa facciamo noi quando è lunedì mattina e la domenica era così bella e quindi perché abbiamo la cellulite e non siamo milionarie col solo pensiero dello shopping, dei viaggi e della filantropia?
Insultiamo la cotanta e ingiusta beltade di Emily Ratajkowski.


Non si può aprire il Corriere della Sera (lunedì scorso, che era pure il blue monday, ritenuto il giorno dell'anno più deprimente per tutto l'emisfero boreale) e subire il disagio di una Ratacosa paragonata alla Venere del Botticelli e venire a conoscenza che ella stessa, nella sua più suprema immodestia, ha pubblicato la foto su Instagram intitolandola La nascita di Venere e raccattando milioni di likes e commenti entusiastici (ma va?).

SHARE:

21 gen 2018

Happy Sunday #buonadomenica


da Café Society, 2016
«Vivi ogni giorno come fosse l'ultimo e... prima o poi c'azzecchi».
SHARE:

19 gen 2018

Scarpe color Nude: tutte le proposte più economiche di Louboutin

Chi non ha una decolleté nera?, mi domando io.
E chi non sente l'impellente bisogno di sistemarsi molti altri abbinamenti con un paio di scarpe color carne?


Le famose nude pumps di Louboutin hanno creato nel tempo un sacco di dolori: il prezzo, la scomodità e l'invidia per chi ci sa camminare meglio di un t-rex. Ma hanno tutto il pregio di aver consolidato un must-have che risolve moltissimi abbinamenti, da quelli più casual a quelli più eleganti: ora le decolleté color cipria si trovano ovunque, con varie misure di tacco e sfumature di colore, pelle, vernice, effetto coccodrillo, scamosciato.

SHARE:

18 gen 2018

Sfoglia con zucca, finocchi, speck e gorgonzola

La mia dipendenza da zucca inizia presto e finisce tardi, perlopiù ci faccio le zuppe ma mi piace tanto anche arrostita al forno e nelle torte salate. Qui il sapore dolce della zucca è un bel gioco di contrasti coi sapori più intensi di speck e gorgonzola (ottima anche con la Fontina Valdostana) e i finocchi (che ho aggiunto per caso, solo perché me ne avanzava uno in frigo) si sono rivelati ottimi alleati per il bilanciamento delle consistenze. A voi l'esplosione di sapori!


SHARE:

17 gen 2018

Le novità di Gucci: la Collezione Casa e l'Osteria di Bottura al Gucci Garden di Firenze

Il rinnovamento di Gucci di questi ultimi anni è pazzesco e ne è determinante la presenza di Alessandro Michele, il direttore creativo che si conferma un petardo di fantasia, colori ed ecletticismo. (E le vendite degli ultimi 9 mesi si registrano a un +44,5%).


Ma per la novità culinaria stavolta è determinante Massimo Bottura.
Il 9 gennaio scorso, in occasione del Pitti Uomo, è stata inaugurata la nuova Osteria del Gucci Garden (il rinnovato museo Gucci in Piazza della Signoria) situato nel palazzo della Mercanzia a Firenze: 35 coperti, porcellane Richard Ginori e le nuance del verde come colore d'arredo, acido per le boiserie e petrolio per i velluti delle sedute.

Massimo Bottura e Alessandro Michele

SHARE:

16 gen 2018

Dove comprare maglioni di lana e di buoni filati

La delusione è sempre la stessa: maglioni invernali apparentemente morbidi e pelusciosi che, anziché svelarsi in una carezza d'angelo, sarebbero perfetti per raspare gli zoccoli dei cavalli e tutti i calli provocati dalle Louboutin.
Ma di cosa sono fatti i maglioni? E dove si comprano quelli buoni?


Ogni volta che affronto l'argomento maglioni di lana e dove trovarli non posso fare a meno di pensare ai cardigan di lana rasata che mi ha regalato mia nonna (erano proprio suoi, maglioni che risalgono agli anni sessanta!) che sono di una qualità imbarazzante, posso lavarli in lavatrice a 40 gradi senza temere che si rovinino e prima o poi abdicheranno dal mio armadio solo perché il tessuto si farà trasparente da tanto che sarà stato usato.
Oggigiorno è difficile trovare una qualità simile ad un prezzo umano e spesso la lavorazione del filato richiede lavaggi molto delicati, pena la magica trasformazione del maglione in una simpatica taglia bebè. ✓ Fafffatto.

SHARE:

15 gen 2018

Bad Hair Day: i peggiori disastri dei capelli

Le sciùre bene che vanno dal parrucchiere più volte alla settimana per farsi la messa in piega hanno in special modo il martedì come bad hair day: al venerdì si sono fatte belle per il weekend ma devono reggere oltre la chiusura del lunedì per ritrovare la forma splendente ed abbandonare il piattume sul retro della chioma generato dal cuscino e dalla poltrona in velluto sulla quale oziano in attesa del tè.
Ma queste sciùre non sanno che i mali peggiori per il nostro scalpo sono ben altri e il dramma, eccezionale o quotidiano che sia, è sempre in agguato.


SHARE:

14 gen 2018

Happy Sunday #buonadomenica


da Suffragette, 2015
«La migliore eloquenza è quella che fa ottenere le cose».
SHARE:

12 gen 2018

Colore Pantone 2018: Ultra Violet

Viola, amici. Il sondaggione di Pantone ha decretato che l'Ultra Violet sarà il colore dell'anno.
Ultravioletto come i raggi dei centri abbronzatura delle marronplatino, il colore viola come uno dei film più celebri di Whoopie Goldberg, viola come le patatine maledette che mi mangerei da mattino a sera, viola come la pioggia di Prince, viola come le macchie di vino che ti lasciano sulla tovaglia gli ospiti che non vorrai invitare mai più.



Ho un rapporto un po' limitato con questo colore: belli gli smalti e gli ombretti, graditi i piccoli complementi di arredo come vasi e cuscini di velluto e gioia per tutto il cibo in nuance.
Tuttavia, lo percepisco troppo particolare per eleggerlo a tinta preponderante del mio guardaroba nel quale, infatti, le cose viola sono solo pochi pezzi che vivono rassegnati il loro stato di comparse.
Ma le righe di cui sopra mi servono come rilettura estiva per ridere di me stessa dopo che certamente nel corso di questi mesi mi sarò comprata almeno quattro cose viola, come tutti i deboli di spirito.

Leatrice Eiseman, boss del Pantone Color Institute, associa questo colore alla creatività, al pensiero visionario, al benessere, all'originalità e all'ottimismo di cui il mondo abbisogna. Pensa soprattutto alle ametiste (ecco, io abbisognerei anche di queste) e alle nebulose di cui è pieno il cosmo. Sempre Leatrice ci fa notare quanto il viola sia complesso, poiché è costituito da due colori apparentemente opposti come il blu e il rosso.
Tutto ciò ci motiva abbastanza per tuffarci nello shopping selvaggio di viola? Siamo lieti di avere più scelta negli scioppi di tutto il mondo? Mangeremo melanzane anche fuori stagione?
Lo scopriremo a fine anno, mentre staremo verificando come sono andate le previsioni dei sensitivi e l'oroscopo di Paolo Fox.


Un po' di ispirazioni dallo street style


Salotti e zona giorno

I colori forti che danno personalità a un oggetto di design

Camera da letto

Capelli miny pony

Il viola in cucina: more, melanzane, barbabietole, uva, prugne, fichi e alcune varietà di patate, carote e cavolo








SHARE:

11 gen 2018

Tortino al caffè con cioccolato bianco

Durante il periodo delle vacanze natalizie mi sono messa a sperimentare un po' di ricette, approfittando dello svacco calorico nel quale ero gioiosamente precipitata e volendo ampliare l'archivio di idee per la merenda e la colazione.
Questo tortino (tanto atteso dal popolo di instagram che ci ha sbavato sopra in anteprima!) ha un sapore unico, dato dalla combinazione del caffè con lo zucchero di canna e il cioccolato bianco.
Io ho usato lo stampo tipico dell'Amor Polenta ma si può usare qualunque stampo per plumcake di circa 25cm.

SHARE:

10 gen 2018

Cosa comprare con i saldi: un abito in maglia

Parlare di abiti aderenti in maglia subito dopo la scofanata festiva è un po' come immolarsi sul sacro altare della donna cannone, eppure dobbiamo essere informate, dobbiamo sapere, dobbiamo avere.
Avere cosa? Sia l'abito in maglia, che la pancia di Chiara Ferragni al quinto mese, cioè piatta.
Ma anche un collant con fascia alta contenitiva is always a good intermedia idea.


SHARE:

9 gen 2018

Moda capelli: il nastro di velluto per la coda

Ecco un trend per acconciare i capelli che ci sta accompagnando dai primi giorni d'autunno: nelle sfilate, nei servizi fotografici e persino negli articoli degli shop online dei più noti brand di moda c'è la coda di cavallo, realizzata sulla parte bassa della nuca e avvolta in un bel nastro di velluto.
La coda è un'acconciatura che rimane abbastanza stabile e ci mantiene in ordine per lungo tempo; è molto comoda in estate per mantenerci fresche e più presentabili di una scimmia bonobo e lo è anche nel periodo invernale in cui abbondano sciarpe e colli alti che spesso causano nodi ai capelli sciolti e fini.

SHARE:

8 gen 2018

Anno nuovo, vita di millemila centimetri: quanto abbiamo mangiato durante le feste?

Io tanto raga'.
Senza pietà, senza ritegno, senza sensi di colpa.
Del resto, nessuna università del Wisconsin ci ha mai dimostrato che i sensi di colpa riducono l'assorbimento delle calorie o fanno dimagrire perciò sarebbe stato inutile idratarsi dentro con la crema al mascarpone per poi piangere le amare lacrime del pentimento.


Probabilmente, se cercassimo di visualizzare in un'unica immagine ciò che abbiamo ingerito dall'Immacolata in poi (perché aspettare la Vigilia? Dicembre è compromesso a prescindere), ci si materializzerebbe un Carrefour intero, tutti gli scaffali assemblati in un'unica visione.
Perché manca solo la carta igienica e poi abbiamo mangiato tutto, vero?

SHARE:

7 gen 2018

Happy Sunday #buonadomenica


da Il diritto di contare, 2016
«Ogni volta che abbiamo una possibilità di successo, spostano il traguardo».
SHARE:
© 2013-18 VITA SU MARTE. All rights reserved.
In qualità di affiliato Amazon e Reward Style ricevo un guadagno sugli acquisti idonei di alcuni prodotti consigliati su questo sito.