29 mar 2018

10 ricette per il picnic di Pasquetta

Pasqua e Pasquetta in avvicinamento, il che significa gradita pausa da studio o lavoro e relax, in famiglia o, come recita il detto popolare, con chi vuoi.
Il periodo pasquale è sempre sotto al faro della meteorologia perché la primavera è già scoccata, perché magari si organizza una gita o un breve viaggio e perché soprattutto è l'occasione per fare il primo picnic all'aria aperta.

Il saggio dice che le previsioni non sono mai così sicure, altrimenti si chiamerebbero certezze.
Dunque è bene rassegnarsi all'ottimismo, sperare in una bella giornata soleggiata, organizzare un po' di cibo in anticipo: ben che vada ci sono prati, monti e spiagge che ci attendono, mal che vada lo si consumerà in casa ma l'importante è mangiare. (Lo dice sempre il saggio).


SHARE:

28 mar 2018

Arredamento e colori: le palette per le tendenze casa

Quando si ha voglia di rinnovare un po' l'immagine della casa, il suo mood e la sua atmosfera, il colore è senz'altro l'aspetto sul quale è più facile intervenire.
Pareti, tessuti, quadri, complementi e oggetti vari possono dare una chiave nuova all'ambiente senza dover necessariamente chiamare l'architetto, il mobiliere o investire cifre importanti.

Sul meraviglioso maledetto sito di Brabbu che genera desiderio, disgrazia ed è in grado di produrre il crollo delle quotazioni di qualunque nostra umana abitazione, ho trovato queste palette di colore che ben riassumono le nuove tendenze Pantone per la casa e offrono tanti spunti per procedere in modo poraccio fai da te: un parete ridipinta, qualche cuscino nuovo, cornici colorate, vasi, tappeti o elementi della natura e il rinnovamento low cost è garantito.


SHARE:

27 mar 2018

Negozi del cuore per lo shopping: Balzac Paris

I negozi online con assortimento di abiti e accessori dal gusto francese non ci bastano mai: non producono in grandi quantità, spesso i loro articoli vanno in sold-out precocemente, finiscono la nostra taglia e il colore preferito ma sono ottime risorse per portarsi a casa un paio di scarpe, una borsa o un capo d'abbigliamento di stile ma poco visto da noi.
Non è che l'erba del vicino sia sempre più verde ma, in fatto di shopping, guardare oltre confine ci permette di mettere nell'armadio qualcosa che è più unico e meno diffuso.

Dopo aver segnato nel taccuino Sézane, Réalisation Par e Rouje, ecco che possiamo aggiungere un quarto nome nei preferiti: Balzac Paris.


SHARE:

26 mar 2018

Trashate arretrate e gossip vari

Linfa vitale e nutrimento del lunedì. Si apra la scatola della cultura trash.


SHARE:

25 mar 2018

Happy Sunday #buonadomenica


da Signs, 2002
«Quello che devi chiederti è che tipo di persona sei. Sei di quelli che vedono segni o miracoli o pensi che sia solo il caso a governare il mondo? Insomma, in altri termini: è possibile che le coincidenze non esistano?».
SHARE:

23 mar 2018

Fashion trend arcobaleno: abiti e accessori multicolore

Ma perché scervellarsi su quali colori indossare e come abbinarli quando possiamo metterceli addosso tutti insieme?
Perché in pratica è così che possiamo riassumere il trend arcobaleno che si era già insinuato con le maglie a costine multicolor da perfette ragazze del '68 peace and love: un unico capo o accessorio che comprenda più colori, a righe, a blocchi o bande sfumate e il trend è fatto.


SHARE:

22 mar 2018

Biscotti alle nocciole e marmellata ( senza uova )

Nella mia dispensa dolce non manca mai una bella scorta di farina di mandorle e di farina di nocciole, le uso molto spesso e trovo che siano ingredienti essenziali per i dolci più buoni.
Invece capita che rimanga a corto di uova perché le prendo sempre freschissime nell'agriturismo di fronte a casa che però non è aperto tutti i giorni, ecco come sono nati questi biscotti senza uova.
Sono molto semplici e facili da fare, sprigionano per casa un profumo di burro e nocciole che batte qualsiasi Yankee Candle e, se saltate l'opzione di inserimento della marmellata e li cuocete direttamente a pallina, saranno anche velocissimi.

SHARE:

21 mar 2018

Arredare con i libri: i coffee table books

Le case accoglienti e i padroni di casa che ci sanno fare hanno sempre delle notevoli pubblicazioni sui loro tavolini del salotto: sono i cosiddetti coffee table books, libri di pregio artistico e fotografico e dal ridotto contenuto testuale, che hanno lo scopo di intrattenere gli ospiti e di decorare l'ambiente.


IL BUON RICEVERE E LA CONVERSAZIONE

Un coffee table book è molto utile per intrattenere l'ospite mentre la padrona di casa non si trova nella stessa stanza per svariati motivi, quali ad esempio mettere il gelato nelle coppette, accogliere altri ospiti, fare la pipì, eliminare le cimici e cose simili.
Offre grandi spunti di conversazione su tematiche culturali, arte, hobby, viaggi.
Insomma, se viene sfogliato o se viene almeno notata la copertina, è molto probabile che si parlerà di ciò che c'è nel libro, motivo per il quale è bene non comprare pubblicazioni a caso ma qualcosa che rappresenti davvero i nostri interessi, le nostre passioni o i nostri sogni, qualcosa di cui poi si abbia piacere di parlare sapendo sostenere la conversazione.
Non regalerei mai a mio nonno un libro sui gioielli in voga nell'Antico Egitto ai tempi del faraone Nefrusobek. Però gliene avevo regalato uno sull'architettura residenziale a Milano.
SHARE:

20 mar 2018

Abbigliamento comodo: il maxi cardigan per uscire

Domani è primavera e, se tutta la meteorologia riunita approva e sottoscrive, le temperature si stabilizzeranno sul clima mite.
Già dieci giorni fa ho tolto il piumone dal letto e ho portato in lavanderia i giacconi più imbottiti: ho messo la coperta di lana e sto scialando coi cappotti che finalmente non sono più indossati col male di vivere e i brividi buriani. Ma chi l'ha detto che il cappotto è un capo invernale?
Lo dicono quelle occasioni infami in cui il termometro segna meno due ma non ci si può presentare bardati di piuma cicciosa e cappelli col paraorecchie perché non è la settimana bianca in Val Gardena ma ad esempio un appuntamento di lavoro, uno spettacolo a teatro, un pranzo formale.
W i cappotti fuori e l'imbottito nascosto dentro: Uniqlo salva la vita con questi cosi qui che però erano sempre sold-out quando morivo di freddo col cammellino di Loro Piana.


SHARE:

19 mar 2018

E poi venne la pizza di Cracco

C'era una volta la pizza, un piatto originario della cucina napoletana, divenuto famoso in tutto il mondo e la cui arte è stata riconosciuta dall'Unesco come patrimonio dell'umanità.
C'era una volta Carlo Cracco, chef che ha potuto vantare fino a tre stelle Michelin in uno dei ristoranti da lui condotti.

E poi c'era la pizza di Cracco.
Che è questa roba qui che compare in foto e che io ho visto per caso, pensando che fosse una notizia fake, complotto, amicizie falZe . Poi ho capito che è tutto vero.

SHARE:

18 mar 2018

Happy Sunday #buonadomenica


da Split, 2016
«Chi ha sofferto è più evoluto, gioisci!».
SHARE:

16 mar 2018

Weekend a casa: staccare la spina in pieno relax

Ci sono settimane così dense di cose da fare, di pathos, di stress, scadenze, melme degli altri e scosse emotive che nel weekend si ha voglia di staccare da tutto e rifugiarsi nella certezza delle proprie mura domestiche.
Gli amici ci reclamano per la cena fuori, i parenti ci vogliono a pranzo, magari c'è pure il sole e ci starebbe la gita della domenica ma no, la voce dentro di noi continua a dire casa dolce casa.
E se relax dev'essere, relax sia: solo piacere e niente dovere, due giorni di beato "far nulla" che servono come integratore per corpo e mente.


SHARE:

15 mar 2018

Nostalgia dei sapori di Puglia: la ricetta del rustico leccese

Non mi piace mai pianificare le vacanze con troppo anticipo ma in questo periodo in cui il sole si risveglia e la luce si fa più intensa (anche se oggi in realtà diluvia!) comincio a pensare all'estate: a dove andrò e ai ricordi di dove sono stata.
Tutto ciò che è Italia si fa ricordare anche per il cibo spettacolare e i suoi sapori pregni di gusto. Una delle scofanate più memorabili risale a qualche anno fa, sotto una Lecce grondante di pioggia (qui potete trovarmi nella versione Giancarlo Magalli a Pechino Express) che gridava un premio di consolazione a base di rustici leccesi, pizzette di sfoglia chiuse e ripiene non solo di pomodoro e mozzarella ma anche e soprattutto di besciamella e qui sta la goduria!
Il settore alimentare è al primo posto del fatturato del nostro Paese. E abbiamo milioni di calorici motivi per esultare: w l'Italiaaaaa.

SHARE:

14 mar 2018

E' sempre colpa di Gucci: ci tocca fare i canguri fashion

E' da più di due anni che ce stanno a prova': alla parola chiave marsupio potete trovare avvistamenti marziani che risalgono già al 2015.
Ricordiamolo: è più pratico di una borsa, si prende tutto più comodamente, lo scippo è scongiurato, le mani sono libere e le spalle non sono appesantite. A me piace ma dai ricorrenti sondaggi sulla fanpage marziana capisco che la maggioranza ancora non gradisce.
Sarà questione di tempo?
Sarà che il marsupio non consente di portarsi appresso il mondo?
Sarà che ricorda troppo le scuole dell'infanzia e dell'adolescenza disagiata?


SHARE:

13 mar 2018

Idee regalo per uomo e per la Festa del Papà

Lunedì prossimo si festeggerà la Festa del Papà ed ecco che, con un discreto anticipo e puntuale come lo scadere del tempo a Masterchef (mani in ariaaaa!), arrivano i consigli per gli acquisti, utili per festeggiare il daddy ma anche per altri regali di compleanno e ricorrenze varie per il maschio.
Inspiriamo ed ispiriamoci. (Ditelo ad alta voce, la prima volta è quasi difficile come li vuoi quei kiwi).


SHARE:

12 mar 2018

Cesserie moda: tendenze discutibili e orrori sparsi

Avete presente quando nel letto appena svegli si compie un movimento brusco e sopraggiunge un forte giramento di testa magari accompagnato da vampate di calore, sudori e nausea?
Si chiama vertigine posizionale ed è in grado di scatenare all'improvviso il minuto più brutto della vostra vita: se l'avete mai provata sapete di cosa sto parlando, altrimenti ve la faccio provare adesso con questo post. Scorrete le foto e tenetevi forti perché sono sicura che almeno qualcosa vi genererà nausea e brividi.

SHARE:

11 mar 2018

Happy Sunday #buonadomenica


da Lo chiamavano Jeeg Robot, 2015
«Io vojo fa' 'r botto. Vojo che 'a gente se piega a pecoroni quanno me 'ncontra pe' salutamme, così je posso piscia' 'n testa».
SHARE:

9 mar 2018

Marzo pazzerello, esce il sole e prendi l'ombrello, però che sia bello

Ditemi quante volte vi siete preparate, vestite per bene, abbinate, col trend del momento, il capello giusto, siete arrivate davanti alla porta e vi siete inorridite all'idea di prendere l'unico ombrello sano e disponibile: giallo fluo, con la scritta del grande magazzino, maculato fuxia e turchese. Wow.
Ma perché si sottovaluta l'accessorio ombrello, perché?!


SHARE:

8 mar 2018

Torta al limone

Gialla come le mimose ma più dolce e profumata dei fiori più venduti e recapitati all'8 marzo.
Il motto del giorno è: non fiori ma opere di bene per i golosi!


SHARE:

7 mar 2018

Casa e arredamento: il tavolo rotondo

Dicono che sia il tavolo più democratico perché garantisce l'eguale suddivisione dello spazio di tutti i commensali senza la gerarchia del capotavola, dicono che sia il tavolo delle buone energie perché il cerchio è sinonimo di unione e armonia senza spigoli ed è anche il tavolo più comodo perché è più accessibile raggiungere le cose poste al centro: è il tavolo rotondo, sempre più presente nelle proposte di arredamento per la sala da pranzo, il soggiorno e la cucina.
Elemento portante dello stile mid century modern, si inserisce bene negli spazi piccoli conferendo un aspetto più elegante e funzionale.
L'interior design accoglie tutti i materiali - marmo, vetro, plastica, legno, metallo - e gioca sulla diversità delle gambe di sostegno che possono essere in numero pari, dispari, unico sostegno al centro di forma omogenea od opposta.


SHARE:

6 mar 2018

La moda dei pois

Non ho davvero idea del perché, pensando ai pois, mi venga in mente Marisa Laurito.
Credevo che fosse una delle sue fantasie preferite e che dunque avrei trovato in rete almeno cinque foto di lei fasciata in un tubino con balze e volant in fantasia a pallini o palloni e invece niente.
Ok, l'archivio fotografico degli anni ottanta e novanta non è così folto e fedele come la documentazione storica che stiamo accantonando in questo periodo recente, però manco una foto con Marisa Laurito a pois mi distrugge la fondatezza di ogni mia associazione mentale.
Allora cerco di consolarmi con la zebra a pois di Mina, quella sì che non me la sono sognata!, ma mi sento risucchiata da un gorgo di revival talmente antichi che mi pare d'essere in ascensore con la signorina Alda (90 anni) che mi parla della sua gioventù illibata.
Stop, dimentica.


SHARE:

5 mar 2018

Una casa da Oscar: è in vendita la villa di Chiamami col tuo nome

Maledetto sia il fuso orario.
Non sarebbe stato meglio tutti svegli alla stessa ora, tutti a dormire alla stessa ora? E invece no, la Terra non è piatta, il sole non ce la fa a illuminarla tutta e quindi becchiamoci la suddivisione in 24 spicchi.
Niente discussioni con quel lungimirante di Quirico Filopanti che per primo propose i fusi orari però, mannaggia alla statuetta, stare svegli fino all'alba coi bastoncini di cotton fiocc nelle palpebre è troppo invasivo per il mio ritmo circadiano endogeno, e così niente maratona di Bruno Vespa per le elezioni di camera e senato e nemmeno la diretta degli Academy Awards.

Questa è stata una notte degli Oscar ancor più sentita per l'Italia grazie a Luca Guadagnino e alle 4 nomination del suo Chiamami col tuo nome: miglior film, miglior attore (Thimotée Chamelet), miglior sceneggiatura non originale (James Ivory) e miglior canzone originale (Sufjan Stevens per Mystery of Love).
L'ultimo film della trilogia del desiderio di Guadagnino che magistralmente pialla la diversità di genere, imperniando tutto sul desiderio di due amanti, dell'amore nuovo, intenso ed energico in una naturalezza che trascende dall'omosessualità dei protagonisti.



SHARE:

4 mar 2018

Happy Sunday #buonadomenica


da The Truman Show, 1998
«Casomai non vi rivedessi, buon pomeriggio, buona sera e buona notte».
SHARE:

2 mar 2018

Beauty e Make Up: i prodotti preferiti dal truccatore di Chiara Ferragni

Al pari degli chef che nutrono le nostre panze e fanno dei nostri pasti un'esperienza multisensioriale, i nuovi idoli dovrebbero essere i make-up artists che fanno del nostro volto l'esperienza mistica della magica bellezza.
Trattasi di plurale maiestatico nel quale evidentemente non sono compresa poiché, non so voi ma io al mattino mi alzo, lavo la faccia e pastrugno a caso da me, rievocando i bei tempi dei pastelli a cera e dei Caran d'Ache acquarellabili con la saliva.
Una make up routine molto basic fatta di mascara, kajal, fondotinta, terra o blush, matita o tinta per labbra.
Insomma si dice basic e si fa presto a contare almeno cinque o sei prodotti per truccarsi, ecco perché a periodi ricorrenti siamo ossessionate dalle novità beauty e dalla ricerca del miglior prodotto per valorizzare la faccia peluche con la quale ci svegliamo ogni giorno.


SHARE:

1 mar 2018

Ricette sane e leggere: polpette di pollo e zucchine

Ci sono periodi in cui probabilmente sono posseduta da un antico romano che era solito organizzare lauti banchetti in onore degli Dei, a tutte le ore del giorno e della sera.
Ma per fortuna, come per tutte le stagioni, a quella del cibo senza limiti segue il periodo ok, mi devo dare una regolata.
Ed è in questi momenti sani che recupero il giusto equilibrio tra carboidrati, proteine e grassi secondo le indicazioni della dieta mediterranea (l'unica in cui credo) e penso a ricettine gustose ma leggere.
Con le dosi indicate qui sotto si ottengono circa 20 polpette in tutto, una porzione di 10 polpette (se non si mangia il primo piatto ci vogliono tutte!) corrisponde a 300 calorie e alla felicità di aver fatto tutto in casa senza conservanti o additivi strani.


SHARE:
© 2013-18 VITA SU MARTE. All rights reserved.
In qualità di affiliato Amazon e Reward Style ricevo un guadagno sugli acquisti idonei di alcuni prodotti consigliati su questo sito.