5 giu 2018

La moda degli abiti bianchi e l'ossessione della macchia

Tra le mie basi sulla moda che risalgono alla scuola elementare c'è il giallo che attira i moscerini, il nero e il blu che attirano il caldo e il bianco che invece è più fresco.
Negli anni andrà poi a finire che moscerini e zanzare mi pioveranno addosso a prescindere dal colore, non sopporto il caldo ma amo troppo il nero e il blu e adoro il bianco ma ho paura del candeggio.



E qui sale l'ansia ogni volta che tiro fuori dall'armadio un abito bianco (giusto uno ne ho ma è bellissimo, in sangallo traforato come quello di Kate Middletone), una maglietta bianca o una camicia bianca.
Sarà il giorno in cui ovviamente il destino mi proporrà la miglior amatriciana della mia vita e la scelta si dovrà orientare tra:
1. la forchettata menefreghista ma con stile
2. l'imbavagliamento multistrato
3. la tuta che si usa per imbiancare
4. l'abito che ti obbligano a indossare per far visita ai luoghi sacri all'inno di decoro e rispetto
5. la dietahahaha

Vuoi non affrontare la vita e il sugo con nonchalance e ammortizzare il costo dei vestiti bianchi esibendoli alla folla e scegliendo audacemente il punto 1? E pam, patacca.
Diagramma di flusso: smacchio al volo? Sì. Si è smacchiato? No. Allora lavatrice. Si è smacchiato? No. Allora lavanderia. Sei sempre più povera e incapace di fare i bucati? Sì.

Il fatto è che davvero gli abiti bianchi sono freschi, estivi, raffinati, leggeri, desiderabili e... niente, ne voglio un altro e per non rischiare ci abbinerò la pasta in bianco.





















SHARE:
© 2013-18 VITA SU MARTE. All rights reserved.
In qualità di affiliato Amazon e Reward Style ricevo un guadagno sugli acquisti idonei di alcuni prodotti consigliati su questo sito.