22 giu 2018

Viaggio nella Germania dell'Est: Weimar e Eisenach

Se state programmando un viaggio in Germania nella regione della Sassonia, troverete utile la guida su Dresda e Lipsia ma il vostro tour sarà ancora più ricco con la scoperta di due località della vicina Turingia: Weimar e Eisenach.





Cosa vedere a WEIMAR


Weimar racchiude quanto di meglio ha saputo dare la cultura tedesca all'arte e al pensiero.
Goethe e Schiller la scelsero come loro residenza stabile e moltissimi intellettuali e artisti ne furono attratti. E' una cittadina tranquilla e pittoresca, con molte tracce di architettura antica di vari periodi, passeggiando per le vie del centro troverete senz'altro tante casette colorate che meritano più di una foto.
▸Nella piazza del mercato, accanto al Palazzo Civico, c'è la caratteristica casa natale di Cranach, uno dei massimi pittori rinascimentali della chiesa riformata luterana e nella Sankt Peter e Sankt Paul si può ammirare La crocifissione (1555).
▸Per vedere altri dipinti di Cranach e Rubens ci si può recare all'interno dello Schloss, il castello nel centro della città, al confine col Parco di Goethe.
▸Altro castello è lo Schloss Belvedere, la residenza estiva di rappresentanza (quanta povertà ragazzi) che comprende un grande parco, una torre e diversi edifici tra cui le case dei cavalieri. Oggi è sede del conservatorio di musica e di un museo di porcellane e ceramiche.
▸Per la serie la cultura non ci basta mai, ci sono: le case museo di Goethe, di Schiller, di Liszt e  di Albert Schweitzer e il museo di Nietzsche.
▸Proprio a Weimar fu fondata la scuola d'arte Bauhaus e qui si sviluppò il fulcro più importante per la diffusione del design funzionale, in pieno centro storico c'è il museo.
▸La visita di Weimar può proseguire alla scoperta di un gioiello nascosto: una delle biblioteche più belle d'Europa, tanto da essere riconosciuta Patrimonio dell'Unesco, una collezione di volumi su Shakespeare, migliaia di libri sul Faust, più di un milione di titoli, è la Biblioteca della duchessa Anna Amalia costruita nel 1765 circa con sale adornate in stile rococò. Purtroppo nel 2004 subì un incendio per un corto circuito all'impianto elettrico datato: diversi volumi sono stati distrutti ma i più importanti, come una Bibbia di Lutero del 1534, sono fortunatamente rimasti indenni.
▸Goethe qui ebbe due case, quella fuori dal centro gli fu donata dal duca di Weimar e lui usò questa residenza-giardino (all'interno del parco An der Ilm, per l'appunto sul fiume Ilm) per i suoi studi botanici e i suoi esperimenti sulle piante.

Gli edifici nelle vie del centro

Il monumento a Goethe e Schiller nella Theaterplatz

Molte indicazioni, tante cose da vedere!

Herderplatz

La casa di Cranach

L'interno del museo dedicato al Bauhaus

Il municipio neogotico

Lo Schloss, uno dei due castelli di Weimar, ricostruito in stile neoclassico


La chiesa di Sankt Peter e Sankt Paul detta anche Herderkirche e l'estro decorativo di una casa

La clinica delle porcellane, a dimostrazione di quanto questo territorio della Germania sia ricco di tradizione e mestieri con questo materiale

La residenza estiva di Goethe con il giardino botanico, situata nel parco An der Ilm

La pietra della buona fortuna: il cubo rappresenta la parte forte e stabile, la sfera la parte dinamica e volubile. E' l'idea simbolista della fortuna in cui la dea mobile e ondeggiante della felicità viene messa a riposo dalla solidità e dalla stabilità del cubo.
(Realizzata da Goethe, è uno dei primi monumenti non figurativi in Germania)


L'edificio principale dello Schloss Belvedere



▸Nelle immediate vicinanze di Weimar, purtroppo, si respira la grossa contraddizione della cultura tedesca: nel luogo dove gli intellettuali hanno raggiunto le vette del pensiero artistico e intellettuale, proprio dove c'era il bosco con la quercia in cui Goethe era solito andare a passeggiare, ci sono oggi i resti di Buchenwald, uno dei più terribili campi di concentramento che merita la visita per le riflessioni morali e sociali che questi luoghi impongono e per il notevole museo della memoria che c'è al suo interno.






Cosa vedere a EISENACH


▸L'attrazione principale di Eisenach è la fortezza medievale Wartburg: situata sopra la Selva di Turingia è uno dei più bei castelli della Germania, interessante non solo per l'architettura composita ma anche perché è il luogo in cui si rifugiò Lutero dopo aver ricevuto la scomunica e dove portò a termine la storica impresa di tradurre la bibbia in tedesco.
Tra le stanze di maggior pregio c'è proprio quella di Lutero con il tavolo originale su cui ha compiuto la sua opera e la sala delle feste (o dei cantori).
▸Nel borgo di Eisenach ci sono molti edifici tipici caratteristici, in piazza del mercato c'è il bel municipio rinascimentale, l'antica farmacia e il castello cittadino.
▸C'è il museo di Bach che qui è nato, il museo di Martin Lutero e il museo dedicato alle automobili storiche della DDR (con la famosa Wartburg).

Una veduta esterna del castello e della fortezza Wartburg

Il cortile interno alla fortezza Wartburg

La stanza e lo scrittoio originale di Lutero

La casa museo di Bach


Leggi qui la guida su Dresda e Lipsia


Chi intraprende il viaggio in auto dall'Italia, sarà di passaggio nella zona di Ratisbona e del Walhalla quindi ci rivediamo in una prossima puntata alla scoperta della Germania!


SHARE:

Nessun commento

Posta un commento

© 2013-18 VITA SU MARTE. All rights reserved.
In qualità di affiliato Amazon e Reward Style ricevo un guadagno sugli acquisti idonei di alcuni prodotti consigliati su questo sito.