10 set 2018

3 cose che forse non sapevi e che turberanno le tue certezze di vita

Stai pensando che questo lunedì non sarà poi così terribile?
Ti sbagli.
Credi di avere delle certezze nella tua vita?
Ti sbagli.





IL GIOCO UN, DUE, TRE, STELLA!


Ci si mette rivolti verso il muro mentre qualcun altro alle nostre spalle cammina verso di noi, si grida un, due, tre, stella! e ci si volta per sorprendere un minimo movimento che farebbe perdere passi all'avversario e invece...
La stella non c'entra una beata mazza: la formula originale sarebbe un, due, tre, stai là!, dove lo stai là esprime il perfetto senso del gioco: stai fermo, non devi muoverti, non puoi avanzare perché se ti vedo sei penalizzato.
☆ L'errore si è probabilmente generato perché in qualche forma dialettale lo stai là era detto ste' là e da lì la stella che fa tanto fiaba, bambini, poesia, gioco astrofisico.
☆ In Francia dicono un, deux, trois, soleil.
Eddaje col sistema solare. Il gioco sarà nato a seguito del nostro, già commutato nello spazio interstellare? Chi può dirlo.
☆ Nel 1993 è uscito un film francese dal titolo Un, duex, tres, soleil che in Italia è stato giustamente tradotto come Un, due tre, stella.
☆ In Algeria dicono statua, in Marocco scheletro, in Messico zucca, in Svezia luce rossa, in Cina uomo di legno e in Portogallo piccola scimmia cinese.
Io comunque non ci voglio più giocare.



LA FRASE PIU' FAMOSA DEL FILM DI BIANCANEVE


C'era una volta Biancaneve e c'era pure Grimilde, la matrigna cattiva che era solita dire: "specchio, specchio delle mie brame, chi è la più bella del reame?".
E invece no.
Perché in realtà nel film della Disney dice "specchio, servo delle mie brame...": non si ripete due volte la parola specchio (come diciamo quasi tutti) ma c'è 'sta sorpresa del servo.
Tutto verificabile su YouTube o nella vostra videocassetta vintage.




IL LOGO DI CARREFOUR


Quante volte siamo andati al supermercato guidati dalla fame, dalla necessità di procacciare del cibo, dalla speranza di trovare il parcheggio comodo con l'uscita, dalle madonne per non avere né monete e né gettoni per il carrello. Ottimo.
E quante volte siamo andati al Carrefour sicuri che i quel simbolo ci fossero delle frecce strane?
Da una recente rivelazione autobiografica che ho fatto su Instagram mi sono accorta di non essere l'unica che non vedeva la C del logo di Carrefour.
E' incredibile ma persino gente che lavora nel settore non l'aveva mai vista. Licenziatevi subito.
Intanto vi sbobino le testimonianze.

Questa è la mia confessione su Instagram Stories, qui sotto alcune reazioni











SHARE:

Nessun commento

Posta un commento

© 2013-18 VITA SU MARTE. All rights reserved.
In qualità di affiliato Amazon e Reward Style ricevo un guadagno sugli acquisti idonei di alcuni prodotti consigliati su questo sito.